Sara Björk Gunnarsdóttir è un esempio del fatto che puoi essere una calciatrice e una madre. La ragazza islandese torna a Olympique Lione da gennaio per ricongiungersi alla sua squadra dopo aver partorito il 16 novembre.

Nella squadra francese ti aspettano tutte “a braccia aperte” e dimostrando che un calciatore può permettersi di fare la mamma durante la sua carriera senza dover mettere fine alla sua vita sportiva per il desiderio di avere un figlio tutto suo. 

Questo segno della società Francese dimostra grande civiltà e maturazione nei confronti delle sue atlete e di tutte le donne-calciatrici che nonostante le mille difficoltà alle quali sono costrette: a rinunce  e sacrifici, ed a lavorare come tutte le donne nel mondo ed a dividersi tra la vita di tutti i giorni, il lavoro, e la famiglia.

Bjork è, per adesso, la prima ed unica calciatrice che ha osato fare questo passo per la sua squadra, ma questo gesto più che naturale per una donna è sicuramente di ispirazione anche ad altre giocatrici con le sue normalissime ambizioni di lavoro e famiglia.

María Alharilla, ad esempio, ha annunciato la sua gravidanza qualche mese fa ed è attualmente in congedo per maternità, con il pieno sostegno della sua squadra, il Levante.

La giocatrice islandese torna al Lione con l’intenzione di guadagnarsi un posto con Sonia Bompastor, con la quale deve ancora allenare. Björk è tornata in Francia dopo aver trascorso i primi mesi di suo figlio in Islanda, il suo paese natale, con la sua famiglia. Ora è il momento di tornare al lavoro dieci mesi dopo il loro ultimo incontro. La donna islandese ha vinto la settima Champions League e poco dopo ha lasciato la squadra per avere il suo primogenito.

“Essere incinta, dare alla luce il bambino più bello, tempo prezioso con gli amici e la famiglia e il duro lavoro in Islanda. È giunto il momento di tornare a Lione. Voglio davvero incontrare i miei colleghi e non vedo l’ora di iniziare a lavorare Cosa devo fare per tornare sul campo di calcio. Tornare in Francia come madre con la mia famiglia è molto speciale per me e spero di ispirare altre donne. Le donne non dovrebbero dover sacrificare il processo per il sogno di famiglia. È possibile fare entrambe le cose”, ha scritto sul suo Instagram.

La calciatrice ha recentemente annunciato l’intenzione di partecipare alla finale degli Europei 2022 con la squadra islandese, che si svolge in Inghilterra e inizierà a luglio.

Ora è il momento di tornare in Francia e guadagnarsi un posto in un centrocampo pieno di bravi calciatori.

Credit Photo: Sara Bjork Istagram

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here