Cielo Veizaga è la nuova viceministra alla sport boliviana e al contempo è anche calciatrice della nazionale femminile del paese. Giovanissima, ha solo 19 anni, ma le idee sono chiare. Durante l’accettazione della nomina ha ringraziato per la fiducia nei confronti dei giovani e delle donne, ribadendo il suo impegno a lavorare per la creazione di sempre maggiori tutele per gli atleti di base.

“Lo sport è la migliore ricetta per unificare il paese. Vengo da una famiglia di atleti con risorse economiche limitate ma piena di sogni, di obiettivi, senza limiti.” Queste le sue parole durante la nomina. Il ministro della Salute, Edgar Pozo, ha sottolineato inoltre che Veizaga avrà “il sostegno assoluto dei diversi livelli che costituiscono il Ministero“.

Cielo Veizaga viene da Cochabamba, la madre (scomparsa quando la giovane aveva solo 10 anni) era di Santa Cruz. Il calcio, racconta la neo viceministro, è stato anche un modo per superare il dolore, trasformandolo in forza, talento ed amore. La calciatrice ha partecipato a due edizioni dei Giochi Sudamericani, nel 2018 e nel 2020.

Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.