L’ex Nazionale Inglese Fern Whelan, nel suo nuovo ruolo presso l’Associazione dei calciatori professionisti, vuole dare alle donne “la fiducia necessaria per parlare”.

Whelan è il primo dirigente per l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione nel calcio femminile.

L’ex difensore di Everton, Liverpool, Notts County e Brighton si è ritirato lo scorso anno dopo 15 anni di carriera.

Spera di affrontare i problemi relativi al benessere dei giocatori e all’abuso dei social media.

Sto imparando in fretta che c’è molto da fare“, ha detto Whelan alla BBC Sport. “Sono davvero appassionato di portare il calcio femminile dove deve essere, specialmente dal punto di vista dell’uguaglianza. Voglio assicurarmi che la Women’s Super League sia al top del suo gioco rispetto alla squadra maschile. Qualunque cosa ottengano, dovremmo ottenerla. L’uguaglianza è enorme. Le giocatrici dovrebbero avere la loro voce”

Come parte del nuovo ruolo di Whelan, spera di parlare con i giocatori – passati e presenti – per fornire una “piattaforma” se vogliono parlare delle preoccupazioni all’interno del gioco del pallone.

Dice che è importante “promuovere culture in cui è giusto avere una voce” e che ci deve essere educazione per i giocatori su come segnalare gli abusi”.

La National Women’s Soccer League (NWSL) negli Stati Uniti è stata sospesa questa settimana dopo che sono emerse accuse di cattiva condotta sessuale, innescando le indagini di US Soccer e Fifa.

Penso che non solo nel WSL ma in molte organizzazioni le persone abbiano paura di parlare a volte a causa di come ciò potrebbe influenzare loro e la loro posizione all’interno di un club”, ha detto Whelan. “A volte può essere travestito da battute da spogliatoio.

Si tratta di educazione su ciò che è giusto e sbagliato in termini di formulazione ed è OK parlare. È più importante che mai i giocatori dovrebbero avere la loro voce. Spero di poter dare ai giocatori fiducia di poter parlare senza avere ripercussioni contro di loro. Si rendono conto che le loro voci sono più grandi e non si tratta solo di loro internamente: stanno influenzando ciò che sta accadendo nel futuro del calcio femminile e nella cultura di ogni squadra all’interno del WSL”.

La crescita del calcio femminile e l’introduzione di un nuovo accordo di trasmissione triennale significa che i giochi vengono ora mostrati sulla televisione principale, ma ci sono preoccupazioni per un aumento degli abusi online e razziali.

Whelan afferma che la “pressione” di diventare più accessibili è qualcosa con cui molte giocatrici “non hanno mai dovuto affrontare prima”.

“Non sono abituati a stare così tanto sotto gli occhi del pubblico”, ha aggiunto. “Per quanto riguarda la salute mentale e il benessere, si tratta di educare i giocatori su come affrontare qualsiasi tipo di abuso online, abuso all’interno degli stadi e su come segnalare queste situazioni. È molto importante che non si limitino a leggerlo e pensino ‘Io uscirò dai social media’. Si tratta di affrontarlo a testa alta e sapere dove segnalarlo in modo che possano avere luogo le azioni giuste. L’altra parte riguarda la cura dei nostri giocatori e del loro benessere, che è enorme. Può essere piuttosto preoccupante se non diamo loro gli strumenti giusti e il giusto accesso per il supporto”.

Whelan chiude il suo lungo discorso, che dovrebbe esserci “uno standard di base” per il supporto del benessere dei giocatori in ogni club WSL e spera anche che i giocatori seguano le sue orme e assumano ruoli simili all’interno del gioco alla fine della loro carriera. Certamente parole molto importanti staremo a vedere l’evolversi di tali ottime scelte.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here