Lo scontro che infiamma l’Argentina tra Boca Juniors e River Plate si giocherà finalmente anche al femminile. Uno dei derby più sentiti al mondo (e fino ad ora esclusivamente al maschile) si è disputato nella Bombonera, storico impianto argentino. La supersfida rientra nella Lega maggiore del campionato di calcio femminile argentino, alla prima edizione in quanto campionato professionistico.

Il torneo si chiama Primera Divisiòn de Fùtbol Femenino e conta 17 club, tra cui appunto i due di Buenos Aires. Le altre squadre che si contenderanno il vertice del campionato sono: Independiente, Lanus, Racing e soprattutto San Lorenzo. L’ingresso alla prima di campionato era gratuito e trasmesso in diretta sull’emittente TNT Sports. In questo modo l’Argentina continua il suo percorso per la diffusione del calcio femminile in tutta la nazione, percorso che ha dato i suoi frutti grazie alla prima storica qualificazione della nazionale agli ultimi mondiali di Francia.

La sfida di apertura è terminata con il punteggio di 5 a 0 a favore del Boca Juniors, con l’attaccante Fanny Rodriguez in fantastica forma. La giocatrice era anche l’ex della partita,e pur entrando solo nel secondo tempo è riuscita a mettere in rete una tripletta. Durante il secondo tempo tuttavia la partita è stata disturbata da cori poco piacevoli provenienti da alcuni settori dello stadio. Sulla questione è poi tornata la Rodriguez al termine della partita: “ Vogliamo sfruttare occasioni come questa per vivere lo sport che amiamo e per comunicare la nostra passione ai tifosi. Chiediamo che la gente venga a sostenerci, non a insultare gli avversari“.

Credit Photo: Pagina Facebook Boca

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.