La Disney è conosciuta dai bimbi e genitori di tutto il mondo e, in tal senso, è sicuramente  una grande attrattiva per ogni bambina, ci dichiara la referente della Federazione Sanmarinese Giuoco Calcio Jessica Guidi.

Lo scopo del progetto è quello di ispirare la passione per il calcio proprio attraverso il racconto delle storie Disney più conosciute e indubbiamente, giocare con i diversi personaggi, rivivere le loro avventure e ascoltare le loro storie, mettendole in “scena” direttamente sul campo, costituisce un fattore di grande entusiasmo per tutti, bambine, genitori e allenatori stessi. Oltre a tale scopo però, il progetto si propone anche di sviluppare gli schemi motori di base e le competenze sociali/relazionali, che, come tutti ben sappiamo, sono essenziali per praticare qualsiasi sport e anche nella vita più in generale.  La mia esperienza diretta sul campo ha prodotto riscontri decisamente positivi: grazie infatti ai racconti e alle avventure dei personaggi Disney, le bimbe sono state coinvolte a 360° e motivate nel giocare, ma soprattutto si sono divertite moltissimo. Questa collaborazione tra UEFA e Disney è assolutamente produttiva per appassionare sempre più bimbe al calcio ma anche allo sport in generale”.

San Marino è un piccolo stato la cui popolazione è decisamente bassa e in contesti normali, il calcio femminile, nonostante i progressi enormi degli ultimi anni, fatica ad avere grandi numeri.

Le perplessità iniziali sulla riuscita del progetto Playmaker sono state molte ma l’opportunità proposta della Uefa/Disney era davvero troppo accattivante per rinunciarvi; contro ogni pronostico invece, l’attività ha riscosso grande successo e abbiamo avuto un numero di iscritte inaspettato e piuttosto elevato; inoltre, dopo i primi capitoli svolti, grazie al passaparola di genitori che sono rimasti entusiasti dalla nostra attività, si stanno iscrivendo ancora nuove bambine.

Queste parole, ricche di soddisfazione per il lavoro svolto con impegno e dedizione a questa iniziativa, sono sincere e stimolano non solo il piccolo Stato di San Marino a mettere impegno per il futuro e la crescita del calcio femminile e di tutto il suo movimento.

In conclusione: “Il progetto Playmaker è stata un’autentica occasione per tutto il movimento femminile ciò ha permesso alle bambine di conoscere il calcio e innamorarsi di questo sport e non ho alcun dubbio sul fatto che questo possa avere dei riscontri positivi anche sul miglioramento del settore femminile del nostro piccolo stato”, così ha dichiarato con entusiasmo la “project Manager” Jessica affiancata dall’ ufficio stampa della Federazione: Alberto Menghi.

Credit Photo: ©️FSGC

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here