Le calciatrici professioniste in Inghilterra beneficeranno della copertura per maternità e malattia a lungo termine in una modifica fondamentale dei loro contratti.

La mossa è stata salutata come un “grande passo avanti” dalla parlamentare del Sunderland Central, Julie Elliott, dopo aver convocato un dibattito in parlamento sulle esperienze delle donne nel giocare a calcio in Inghilterra. Il cambiamento è stato concordato dalla Federcalcio e dall’Associazione dei Calciatori Professionisti.

Ai giocatori dei 24 club della Women’s Super League e del Women’s Championship sarà garantita per la prima volta tale copertura. I dettagli sono stati definiti solo di recente e devono ancora essere svelati. “Rendo omaggio a tutti coloro che hanno lavorato così duramente per arrivare a questo punto“, ha detto Elliott.

La FA ha dichiarato nel marzo 2020 che le disposizioni in materia di maternità non erano contenute nel contratto standard del giocatore, che è redatto in consultazione con la PFA, e che la copertura della maternità era a discrezione dei club.

Sono aumentate le richieste di fare di più per supportare le giocatrici che scelgono di avere figli, con un numero crescente di persone che decide di non aspettare fino al ritiro per mettere su famiglia. Includono giocatori di alto profilo come l’attaccante statunitense Alex Morgan, la cui figlia Charlie è nata a maggio 2020.

La Fifa ha annunciato nello stesso mese che avrebbe introdotto una serie di diritti minimi per i giocatori a contratto a livello globale, con misure che porterebbero i club a subire multe e divieti di trasferimento se discriminassero i giocatori durante la gravidanza. Tuttavia, quelle proposte – un minimo di 14 settimane di congedo di maternità retribuito con almeno otto settimane dopo la nascita a due terzi dello stipendio di un giocatore – sono state criticate per non essere andate abbastanza lontano.

Abbiamo visto quanto tempo ci è voluto Alex Morgan, uno dei migliori giocatori al mondo che probabilmente ha le persone migliori intorno a lei e il miglior accesso allo staff (per tornare da un bambino)”, ha detto l’attaccante del Watford e all’epoca mamma di due Helen Ward. “Per tutti gli altri devi pensare che ci vorrà qualcosa di simile se non di più. È un argomento difficile e che ha bisogno di molto lavoro”.

In un dibattito nella Westminster Hall convocato da Elliott, le esperienze delle giocatrici sono state discusse alla luce del quasi crollo del Coventry United , dove, due giorni prima di Natale e sottolineando la natura precaria dei contratti dei giocatori, alla squadra è stato detto che i loro contratti erano stati rescissi e il club andrebbe in liquidazione volontaria.

Taiwo Owatemi, deputato di Coventry North West, ha dichiarato: “Le donne che giocano a calcio professionistico devono spesso affrontare contratti brevi, salari bassi e condizioni di lavoro precarie. È importante esaminare il modo migliore per garantire che ciò che è quasi successo alla mia squadra femminile locale a Coventry prima di Natale non diventi la norma”.

Diversi parlamentari hanno esortato il ministro dello sport, Nigel Huddleston, ad annunciare se e quando ci sarebbe stata una revisione del calcio femminile dopo che la revisione guidata dai fan ne aveva raccomandata una ma non sarebbe stato disegnato, affermando che una risposta sarebbe stata inclusa nella risposta del governo a le raccomandazioni del rapporto per l’estate.

Huddleston ha affermato che la Coppa del Mondo femminile e gli Europei femminili hanno soddisfatto i criteri per avere “una risonanza nazionale speciale” e sarebbero probabilmente stati aggiunti all’elenco dei “gioielli della corona” degli eventi protetti. Ciò significa che i tornei sarebbero disponibili sulla TV in chiaro per garantire il più ampio accesso possibile ai più grandi eventi del gioco femminile.

 

 

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.