Il calcio femminile è ormai sbarcato anche nel gioco più conosciuto al mondo: FIFA. La classifica delle 10 calciatrici con valutazione più alta è dominata dagli Stati Uniti, fattore che non sorprende. Sono però presenti anche Francia, Germania ed Olanda. Assenti, per il momento, rappresentanti italiane.

Al decimo posto c’è Tobin Heath, attaccante in forza al Manchester United ma con passaporto USA. Valutazione complessiva: 90.

Il nono posto è occupato da Caroline Graham Hansen, ala in forza al Barcelona. È l’unica norvegese presente in lista, con esclusioni eccellenti come Pernille Harder e Ada Hegerberg. Valutazione complessiva: 90.

L’ottavo posto è di Eugenie Le Sommer. Perno della nazionale francese e dell’Olympique Lione, che domina il calcio nazionale e internazionale da quasi un decennio. Valutazione complessiva: 90.

Settimo posto conquistato da Lucy Bronze. Terzino destro, fondamentale nella rosa del Manchester City. È l’unica inglese presente nella top10. Valutazione complessiva: 90.

Al sesto posto troviamo Dzsenifer Marozsan. Stella del calcio tedesco, è trequartista nel Lione dominatore. Valutazione complessiva: 91.

Quinta posizione presa da Amandine Henry. Centrocampista difensiva, gioca nell’Olympique Lione ed è capitana della nazionale francese. Valutazione complessiva: 91.

Al quarto posto l’unica olandese della lista: Vivianne Miedema. Attaccante dell’Arsenal abilissima sotto porta. Valutazione complessiva: 91.

Gradino più basso del podio, in terza posizione, troviamo Wendie Renard. Centro della difesa del Lione nell’ultimo decennio. Valutazione complessiva: 92.

Al secondo posto c’è Sam Kerr, stella del calcio australiano in forza al Chelsea. Valutazione complessiva: 92.

Primo posto per Megan Rapinoe, icona del calcio femminile statunitense ma non solo. Due volte campionessa del mondo, vittoriosa alle Olimpiadi e scarpa d’oro nel 2019. Valutazione complessiva: 93.

Credit Photo: Pagina Facebook Megan Rapinoe

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.