In casa Lazio a fotografare le sensazioni finita la fase di ritiro in preparazione al prossimo campionato di Serie B, a Pieve Santo Stefano in provincia di Arezzo è stata Eleonora Goldoni. La punta, ex Sassuolo, tramite social infatti ha postato:

“Quando scrivo questo post sono sul pullman, di ritorno dal ritiro appena terminato. Riguardo le foto e i video di questi 8 giorni, che a tratti ci sembravano infiniti ma in realtà sono già diventati ricordo. Mi guardo intorno: c’è chi dorme sfinita, chi come me ascolta un po’ di musica, chi ogni due per tre chiede quanto manca, chi studia, chi canta.
Volti esausti ma soddisfatti di ciò che è stato, consapevoli dei progressi fatti in così poco tempo e dei margini di crescita che ancora ci sono.
I ritiri sono un po’ così; doppie sedute di allenamento sotto un caldo assurdo, ripetute su ripetute anche quando le gambe sembrano non andare più, esercitazioni nuove provate e riprovate e la soddisfazione di riuscire a farle come il mister chiede. Quel “oggi proprio sono stanca” che si trasforma inevitabilmente in resilienza e voglia di mettersi in gioco.
Come non pensare all’acqua del fiume e le gambe al muro che speri facciano miracoli sul recupero. Per non parlare del petto di pollo, che ormai ci esce dagli occhi da quanto ne abbiamo mangiato, o della rincorsa all’anguria a fine allenamento sperando di trovarne ancora una fetta. E quel pezzo di crostata con il bordo alto per il quale ci si litigava sempre?
Giorni di fatica, di condivisione, di tanti bei sorrisi.
Beh tutto questo é ritiro, é sport, é squadra, é l’inizio di ogni annata. Quel periodo che ami o che odi ma che indubbiamente ogni anno non vedi l’ora che arrivi.
Il nostro è appena finito. Ora ci conosciamo un pochino meglio, ed abbiamo ancor più voglia di metterci a disposizione, voglia di dare tanto…dare tutto”.