L’anno scorso, l’ex capo allenatore dei Socceroos Ange Postecoglou ha criticato pubblicamente la mancanza di una eredità a lungo termine che i giochi olimpici del 2000 e la Coppa d’Asia maschile del 2015 non sono stati in grado di lasciare nel panorama sportivo australiano.

Postecoglou, che ha guidato i Socceroos al secondo trofeo di Coppa d’Asia dell’Australia dopo la vittoria delle Matildas nel 2010, ha detto che nonostante l’hosting di due dei più grandi tornei sportivi del mondo nello spazio di 15 anni, il calcio stesso non ha sfruttato appieno le opportunità offerte da questi eventi.

Mentre Postecoglou ha evidenziato specificamente le infrastrutture – stadi incentrati sul calcio e strutture di base – lui e molti altri nel calcio australiano hanno anche sottolineato la mancanza di copertura mediatica, finanziamenti ad alte prestazioni e impegno della comunità multiculturale che il calcio avrebbe dovuto capitalizzare.

Football Australia, a quanto pare, ha preso nota. Questa settimana l’organo di governo presenterà il loro piano di eredità della Coppa del mondo femminile 2023 ai rappresentanti del governo federale a Canberra. Si tratta di un progetto che prevede di capitalizzare l’interesse e gli investimenti che il torneo attirerà.

Progetto guidato dal nuovo responsabile della FA per il calcio femminile e per l’eredità e l’inclusione della Coppa del Mondo femminile, Sarah Walsh, il piano affronta cinque pilastri chiave che il torneo aiuterà ad attivare: partecipazione, strutture comunitarie, alte prestazioni, turismo e impegno internazionale, leadership e sviluppo.

“Il piano di eredità è qualcosa a cui abbiamo iniziato a pensare il giorno dopo aver vinto la candidatura“, ha detto la Walsh al Guardian Australia.

“Avevamo già un’idea sulle iniziative che volevamo davvero evidenziare attraverso l’hosting della Coppa del Mondo femminile, quindi per noi si tratta di costruire aree che pensiamo abbiano bisogno di ulteriori investimenti e aree che pensiamo che la Coppa del Mondo ci aiuterà ad accelerare.

“L’eredità non fininirà quando avremo ospitato il torneo, il lavoro inizia ora e vogliamo davvero vederne i frutti negli anni a seguire”.

Photo Credit: Westfield Matildas

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here