La superstar del calcio australiano Sam Kerr vuole che i Mondiali femminili in Australia e Nuova Zelanda nel 2023 dimostrino che l’Australia è una nazione pazza per il calcio.

Mentre il cricket e l’AFL – e in minor misura il campionato di rugby – hanno dominato il palcoscenico sportivo nazionale, il capitano delle Matildas Kerr vuole che il calcio venga universalmente abbracciato dagli australiani quando la Coppa del Mondo approderà sulle loro coste.

L’attaccante 26enne, che gioca per il Chelsea nella Premier League britannica ma è tornata a Perth per il lockdown dovuto al coronavirus, ritiene che il torneo del 2023 sarà un momento fondamentale per lil calcio femminile in Australia.

“Quando ho iniziato per la prima volta nelle Matildas, riuscivamo a malapena a organizzare una partita amichevole e ora invece ospiteremo il più grande torneo di calcio femminile al mondo”, ha detto venerdì.

“Molte persone hanno detto che l’Australia non è una nazione calcistica. Mostreremo loro che è sbagliato e il calcio è sempre più in aumento, soprattutto quello femminile.
 Sarà pazzesco, non solo per noi, ma per il calcio australiano in generale”.

Kerr è ora una vera superstar mondiale – senza nessun giocatore australiano che si avvicina al suo riconoscimento a livello internazionale – anche se la Matildas Ellie Carpenter ha recentemente firmato con il club francese Olympique Lyon, considerato il miglior club femminile al mondo.

Kerr, che come le sue compagne di squadra è rimasta alzata a guardare il risultato della decisione della nazione ospitante la mattina presto di venerdì, ha detto che vuole che i Mondiali del 2023 replichino il successo della squadra di cricket femminile australiana quando hanno sconfitto l’India nella finale dei Mondiali T20 in davanti ad oltre 86.000 fan al MCG.

Photo Credit: Australian Financial Review

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here