Nel corso del nostro ponte festivo, tra 25 Aprile e 1 Maggio, ha avuto inizio la nuova stagione del Brasilerao Femenino, ovvero la Serie A Femminile del calcio Brasiliano. Oltre alla solita partenza sprint di squadre collaudate come Santos (6-0 al Flamengo) o Ponte Preta, la storia più interessante della prima giornata è di marca Corinthians, che ha giocato la sua prima partita nell’Arena del Timao, di solito palcoscenico riservato ai colleghi maschi, battezzando l’evento con un sontuoso 4-1 ai danni del Sao Francisco.

Un pomeriggio calcistico all’insegna dell’hashtag #Caleopreconceito, ovvero una campagna di sensibilizzazione per mettere fine alle discriminazioni di genere nel mondo del calcio (maggiori informazioni sull’argomento sono disponibili al sito www.caleopreconceito.com.br). Il palcoscenico è la Corinthians Arena adibita per la prima volta in modo da ospitare la selezione femminile del Timao, abituata di solito a giocare al Parque Sao Jorge (o Fazendinha), impianto di proprietà del club bianconero. Il minuto storico è il decimo, quando la 37enne Grazi si fionda su un pallone vagante in area di rigore e gonfia la rete, mettendo a segno la prima rete della selezione femminile nella Corinthians Arena. Un traguardo importante per l’esperta giocatrice brasiliana, con alle spalle oltre 20 anni di onorata carriera ma che ha segnato forse il gol più significativo della sua vita. Un calcio alla discriminazione, uno spot per il calcio femminile.
Sentimento che trapela chiaro anche dalle sue parole rilasciate nella conferenza stampa post gara: «Per me è un momento significativo il fatto di aver segnato il primo gol all’Arena, ma è ancora più importante aver cominciato il nostro cammino verso il titolo, che stiamo cercando di raggiungere da diversi anni, con i tre punti». Come sottolineato un passo importante anche verso l’apertura al grande pubblico verso il calcio femminile, sempre più fenomeno di interesse a livello mondiale. In Brasile questo si può considerare come un secondo step importante per l’evoluzione della Serie A, che aveva già fatto un passo importante nel richiamare un grande pubblico in occasione delle finali dello scorso anno all’Arena Barueri. Tornando alla partita, la rete di Grazi rende tutto in discesa per il Timao, che prima della pausa mette in cassaforte il risultato con le reti di Adriana e Millene. Inutile il gol della speranza di Jaini, a cui segue, nella ripresa, il quarto sigillo di Carina.

Sugli altri campi comincia in “sesta” il Santos, che si sbarazza del Flamengo con un punteggio dai tratti tennistici e grazie agli acuti vincenti di Rosanna, Alanna, Maurine, Ana, Patricia e Rosane. Goleada anche Il Ferroviaria, vittorioso per 4-1 sul campo della Pinheirense. Le altre tre vittorie, di giornata, arrivano tutte di misura e sono di Iranduba, Foz Cataratas e Ponte Preta. Solo pari, invece, nelle sfide Sao Jose-Sport Recife e Portuguesa-Rio Preto.

Dal derby Atletico Madrid-Madrid CFF a Corinthians-Sao Francisco, continua l’espansione del calcio femminile, aspettando i Mondiali francesi dell’anno prossimo. Intanto come antipasto ci sono quelli U20 in Agosto, un preambolo interessante al “The grandest stage of them all”.


1° GIORNATA
GRUPPO A
Corinthians-Sao Francisco 4-1 (Grazielle, Adriana, Millene, Carina – Jiani)
Sport Recife-Sao Jose 1-1 (Gabi Lira (ag) – Samia)
Pinheirense-Ferroviaria 1-4 (Pingo – 2 Lu, Ludmila, Luana)
Kindermann-Iranduba 0-1 (Djenifer)

CLASSIFICA
Corinthians 3, Ferroviaria 3, Iranduba 3, Sao Jose 1, Sport Recife 1,
Kindermann 0, Pinheirense 0, Sao Francisco 0


GRUPPO B
Ponte Preta-Academica Vitoria 1-0 (Kerolin)
Osasco Audax-Foz Cataratas 0-1 (India)
Portuguesa-Rio Preto 0-0
Santos-Flamengo 6-0 (Rosanna, Alanna, Maurine, Ana, Patricia, Rosane)

CLASSIFICA
Santos 3, Foz Cataratas 3, Ponte Preta 3, Portuguesa 1, Rio Preto 1,
Academica Vitoria 0, Osasco Audax 0, Flamengo 0

Credit Photo: Alan Morici/Corinthians

Marco Pantaleo
Classe ’94. Grande appassionato del calcio femminile, si occupa principalmente del settore internazionale. Dalle competizioni UEFA a quelle FIFA, passando per Algarve e Cyprus Cup. Dovunque rotola un pallone, c’è sempre una storia affascinante da raccontare. Aspirante giornalista, il sogno del cassetto è quello di diventare un telecronista, per poter accompagnare le grandi imprese (calcistiche e non) con la mia voce.