Dopo la sosta per le nazionali, riprende la D1 francese ed i due assi del campionato confermano il loro primato. Olympique Lione e PSG battono senza problemi i loro avversari: Paris FC e FC Fleury.

L’Olympique Lione impiega più tempo del previsto ad imporsi, la difesa parigina infatti è organizzata bene e concede molto poco, motivo per cui la prima vera occasione da rete si ha solo dopo la mezz’ora di gioco. Nel secondo tempo però gli schemi del Paris FC non funzionano più così bene e l’OL si scatena: Renard, Hegerberg, Le Sommer e di nuovo Hegerberg. La doppietta la porta in vetta alla classifica delle marcatrici, con ben 8 gol segnati nelle prime 5 giornate di campionato.

Il PSG è riuscito ad imporsi subito contro il Fleury: Sara Dabritz apre le marcature già al 4° minuto del primo tempo e di fatto chiude l’incontro al 45° grazie a Kadidiatou Diani.

Il Dijion conquista il suo primo punto del campionato grazie al pareggio con la neopromossa Reims, una rete per parte. Pareggio per 1 a 1 anche tra Soyaux e Montpellier, con quest’ultima che non riesce a tenere il ritmo del duo in testa al campionato e si ferma a 10 punti.

L’Olympique Marsiglia si impone per 3 a 1 contro il Metz. E’ però il Metz ad aprire le marcature con Christy Grimshaw nel primo tempo, il Marsiglia accusa il colpo ma è bravo a riorganizzarsi e nel giro di 20 minuti compie la rimonta. A segno Mickaella Cardia, Caroline Pizzala (su rigore) e Cindy Caputo.

Chiude la giornata la sfida tra Bordeaux e Guingamp: non basta Khadjia Shaw per il Bordeaux e il Guingamp s’impone con le reti di Alison Peninguel e Louise Fleury.

Girondines de Bordeaux 1 – Guingamp 2

FC Fleury 91 0 – Paris Saint-Germain 2

ASJ Soyaux 1 – Montpellier HSC 1

Olympique de Marseille 3 – FC Metz 1

Olympique Lyonnais 4 – Paris FC 0

Dijon FCO 1 – Stade de Reims 1

Credit Photo: Pagina Facebook Olympique de Marseille

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.