Emma Hayes non è mai stata più orgogliosa della sua squadra del Chelsea dopo averla guidata al terzo titolo consecutivo di Super League femminile al termine di un campionato estenuante che ha visto tutte le sue ragazze fare la propria parte.

Le Blues hanno reagito per rimontare e battere il Manchester United 4-2 a Kingsmeadow nell’ultimo giorno della stagione, assicurandosi che il trofeo WSL rimarrà nella zona ovest di Londra per un altro anno.

Quel drammatico ultimo giorno ha riassunto perfettamente una stagione impegnativa, poiché la squadra di Hayes ha superato ancora una volta le avversità per essere incoronata campione.

Sapevo che il giorno di apertura della stagione, essere felice della nostra vittoria, ma non è qui che vinci i campionati”, ha spiegato Hayes“So che certe vittorie le porti a casa anche grazie alla fortuna, ma tuttavia, so che non puoi perdere più di due partite in questo campionato e di certo non puoi pareggiarne quattro. I fan ci hanno guidato quando ne avevamo assolutamente bisogno”

Siamo vincitori del titolo perché abbiamo vinto abbastanza partite per essere in questo posto, prosegue il suo tecnico, ma l’abbiamo fatto con fatica e sacrificio. A gennaio eravamo scesi a 13 o 14 giocatori, il massimo, per circa otto partite. Per me, quel tratto di otto partite è dove è stato vinto il titolo. Siamo andati contro un campionato e una squadra migliori, l’Arsenal, che per essere onesti ha avuto infortuni minimi quest’anno. Non ho mai conosciuto infortuni come quelli di quest’anno. Avevamo le ossa nude in alcuni punti e abbiamo vinto quando eravamo alle nostre ossa nude. Per questo motivo è il più orgoglioso perché significava che tutti si facevano avanti, nessuno era un passeggero.’

Hayes ha continuato spiegando che ritiene che la capacità di riprendersi sia una delle qualità più forti della sua squadra, anche se ammette di essere tutt’altro che soddisfatta della nostra prestazione nel primo tempo prima che due sostituzioni aiutassero a cambiare completamente il gioco dopo l’intervallo.

Penso che, indipendentemente da quello che facciamo in termini di squadra che mettiamo in campo, o tattiche che abbiamo impostato, la squadra ha la capacità quando qualcosa non va bene per superarlo. Nel primo tempo non abbiamo attuato affatto il piano di gioco: non siamo riusciti a passare la palla, per non parlare di vincere la prima e la seconda palla. Poi dopo i 30 minuti, ma ho pensato che avremmo visto se potevamo provare a risolverla nella situazione esistente. Non vado mai nel panico, per fortuna non è nella mia natura. Sentivo fortemente che avessimo bisogno che Ji e Beth entrassero nel gioco e che Erin si sedesse un po’ più a fondo, lasciasse che Ji gestisse le cose un po’ più in alto e facesse giocare qualcuno al fianco di Sam. Il modo in cui Hannah Blundell stava pressando i nostri giocatori larghi, ho sentito che lo spazio era dietro, quindi andando con due attaccanti potremmo effettivamente sfruttare quello spazio.

Pensavo che l’avessimo fatto meglio e questo ha allungato un po’ il gioco. È stata una buona risposta dallo spogliatoio. Si trattava di portare la squadra dal temere la sconfitta – cosa che abbiamo fatto troppo nel primo tempo e ti fa sembrare stanco e sfinito – all’entusiasmo che se vinciamo, vinciamo il campionato”.

Fondamentale anche per la svolta del secondo tempo che ha suggellato un altro titolo WSL per Hayes e Chelsea è stato il contributo di Sam Kerr , che ha messo a referto il suo nome con una doppietta e con due splendide reti, con la seconda in particolare che ha attirato l’attenzione dalla “Scarpa d’Oro”, con merito!.

“Kerr è stata decisiva nei momenti principali”, ha concluso Hayes. ‘Non so quali parole potrei usare per riassumerla, a parte essere la migliore baby sitter del mondo! Sa che può far fronte a queste situazioni e fornire risultati quando conta davvero. Si è divertita nel secondo tempo e mai nella mia carriera mi sono trovata in una situazione in cui una partita è tirata sul 2-2 e un giocatore è investito e ha detto “oggi è il nostro destino”. Ho pensato “non stiamo ancora vincendo”, ma questa è fiducia. Il suo secondo gol è stato di livello mondiale. È stato oltraggioso, audace. È la migliore per un motivo e si è fatta avanti ancora una volta per questa squadra di calcio. Le abbiamo detto che se fosse venuta a giocare per il Chelsea avrebbe vinto dei trofei e io posso sedermi qui fiduciosa che entrambi abbiamo preso la decisione giusta e siamo entrambi fatti per il Chelsea, entrambi amiamo giornate come oggi!”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.