L’Arsenal Women ha causato un brivido la scorsa settimana con la firma del due volte vincitore della Coppa del Mondo Tobin Heath. La 33enne è una delle calciatrici più famose del pianeta e una star negli Stati Uniti d’America, dove il calcio femminile gode di un profilo considerevole. All’età di 33 anni, Tobin sta probabilmente per raggiungere la curva dell’età, ma solo in relazione al suo talento (se si pensa all’acquisto del Manchester United con Cristiano Ronaldo).

Heath è stata una giocatrice di livello mondiale per oltre un decennio e porta con sé anche un ampio profilo, un profilo di cui la significativa base di fan statunitensi dell’Arsenal sarà ben consapevole. Le donne dell’Arsenal non confermano spesso il numero di squadra di una firma in un “tweet” separato con un collegamento diretto al negozio online dell’Arsenal. La scommessa pertanto è che Heath venderà, più di ogni membro della squadra maschile, le proprie magliette loggate.

Heath è una firma così interessante non solo per il suo profilo, o anche per il suo talento. È interessante perché l’Arsenal ha già due nazionali inglesi nella sua fascia di destra preferita. Beth Mead e Nikita Parris si contendono il posto di attaccante destro per Inghilterra e Arsenal. Jonas Eidevall non ha avuto un gap in quella posizione (anche Caitlin Foord e Mana Iwabuchi possono giocare in quelle posizioni perfettamente).

Jonas Eidevall, nella conferenza stampa pre-Chelsea della scorsa settimana,  ha dichiarato: “Penso che con il numero di partite che spero giocheremo quest’autunno e con il lavoro che richiediamo ai nostri attaccanti, avremo bisogno della capacità di sostituire i giocatori ma anche di ruotare tra le partite”.

Heath ha 33 anni ed è ancora un titolare della squadra nazionale degli Stati Uniti, volerà ancora attraverso l’Atlantico per il calcio internazionale e l’Arsenal non avrà bisogno di giocarla in ogni partita e dovranno trattarla con i guanti di velluto.

L’Arsenal nella sua campagna acquisti ha ingaggiato Nikita Parris (27anni), Tobin Heath (33anni) essenzialmente per la stessa posizione quest’estate quando avevano già in rosa Beth Mead e Caitlin Foord (quest’ultimo gioca più tipicamente a sinistra).

L’estate scorsa la strategia era diversa. L’Arsenal ha ingaggiato l’allora difensore 21enne Lotte Wubben-Moy e il centrocampista 20enne Malin Gut. A gennaio, hanno aggiunto la 22enne Anna Patten e grazie al mister Joe Montemurro (partito poi per seguire in Italia la Juventus) hanno fatto uno sforzo maggiore per integrare la 23enne Jill Roord nella formazione iniziale. Lo stesso aveva dichiarato:  “Stavamo invecchiando un po’, stavamo entrando negli anni in cui i giocatori devono iniziare a guardare ad altre situazioni. Stiamo pianificando la successione, c’è Marlin Gut [20], abbiamo portato Jill Roord [23] che è molto giovane. Abbiamo coinvolto Fran Stenson [19], quindi abbiamo come obiettivo la pianificazione della successione”.

Un anno dopo che Joe è partito, solo Jill Roord è partita per il Wolfsburg e solo un infortunio ha impedito a Malin Gut di tornare in Svizzera, una mossa che probabilmente completerà la prossima estate.

Nella campagna covid del 2020-21, è stato particolarmente difficile per i giovani giocatori d’oltremare stabilirsi lontano dalle loro famiglie. Gli altri giovani acquisti dello scorso anno, Lotte Wubben-Moy dal Bow e Anna Patten dall’Hertfordshire, sono ancora qui. Fran Stenson è in prestito al Brighton.

Gran parte di quel progetto giovanile è già andato alla deriva.

La realtà nel calcio femminile è che i contratti sono brevi, quindi il fatturato è grande. Costruire un progetto per i giovani probabilmente non funziona in questa fase dello sviluppo del WSL.

Per citare la lettrice di Arseblog Eelleen, “L’unico modo per avere successo domani nel calcio femminile è avere successo oggi”.

L’altro problema per l’Arsenal è che hanno Jordan Nobbs, Leah Williamson e Vivianne Miedema nell’ultimo anno dei loro contratti. Quei giocatori dovranno essere convinti delle dimensioni dell’ambizione dell’Arsenal prima di impegnarsi in nuovi accordi. La supervisione di un progetto giovanile per la jam di domani non fa impegnare giocatori di quel calibro, come abbiamo visto tante volte in campo maschile. Ottenere giocatori che ti aiutano a vincere ora ti porta molto più vicino. Se non riesci a convincere quei grandi giocatori esistenti, ti rassegni alla ricostruzione perpetua.

La mancanza di commissioni di trasferimento rende anche la formazione della squadra diversa nel gioco femminile. Nikita Parris ha 27 anni e si trova al terzo posto nella lista dei marcatori di tutti i tempi della WSL nonostante abbia trascorso le ultime due stagioni a Lione. È una giocatrice che ti garantisce un prodotto di fascia alta, la gamma di risultati quando prendi Nikita Parris è piccola.

Nel calcio maschile, un club come l’Arsenal potrebbe dover considerare il valore di rivendita (o la sua mancanza) su un 27enne (Thomas Partey, per esempio).

Aggiunge pressione alla firma perché significa semplicemente che deve funzionare perché non puoi vendere il giocatore se non lo fa. Questa non è una considerazione nel gioco femminile in cui i contratti sono brevi e le commissioni di trasferimento sono rare e piccole quando accadono. (Il Chelsea detiene l’attuale record mondiale quando ha pagato £ 350.000 per Pernille Harder la scorsa estate).

In Heath e Parris, l’Arsenal ha firmato un paio di giocatori che invecchieranno sui libri ma che garantiscono un prodotto di fascia alta e un valore di rivendita non è comunque una considerazione nel gioco femminile. È qui che sembra che l’atteggiamento dell’Arsenal sia cambiato e che abbiano deciso di essere aggressivi sul mercato (anche lo stipendio di Heath non sarà basso).

In termini di “branding”, relativamente parlando, l’Arsenal Women è più simile al Manchester United nel gioco maschile. Sono il club di maggior successo storicamente e, anche nelle brutte stagioni per i loro stessi standard, competono per vincere trofei.

Sono la superpotenza storica. Il WSL è sull’orlo di un’ulteriore grande crescita con l’accordo televisivo Sky Sports e l’Arsenal ha un vantaggio di decenni di profilo e successo alle spalle che altre squadre femminili stanno appena iniziando a provare a costruire.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here