I Paesi Bassi accumulano un tasso di 196.163 positivi e 6.663 decessi per COVID-19 e subiscono una nuova ondata di casi che hanno allertato le autorità sanitarie e portato il governo del paese ad adottare misure restrittive.

Nel mondo del calcio, sia la prima che la seconda divisione maschile continueranno a svilupparsi senza problemi, ma il calcio femminile ha visto i suoi campionati temporaneamente sospesi.

“La necessità di misure più severe in tutta la società è evidente. Siamo felici. che dopo tutte le rigide precauzioni prese dal calcio professionistico, la continuità di Eredivisie ed Eerste Divisie (Prima e Seconda divisione) non è a rischio. Tuttavia, siamo delusi che l’Eredivisie femminile non sia stata inclusa in questo decisione”, denuncia Jan Dirk van der Zee, direttore del calcio amatoriale della KNVB.

“L’Olanda ha 160.000 calciatrici e l’Eredivisie femminile è un campionato di altissimo livello con il quale ci mostriamo anche a livello internazionale. Nella Lega giocheranno 11 delle 24 nazionali che rappresenteranno il nostro Paese nelle prossime partite (23 e 27 ottobre) ma non possono giocare per i loro club. Continueremo a lottare affinché il calcio femminile venga riconosciuto come un campionato di massima serie e discuteremo con il ministero nelle prossime settimane”, aggiunge.

La Dutch Women’s League ha trascorso quattro giorni con l’Ajax come leader evidenziato come l’unica squadra con vittorie complete. PSV in cui lo spagnolo Gio Carreras, unico spagnolo in terra di tulipani, è secondo con 9 punti, lo stesso dell’ADO Den Haag.

Le partite di questa giornata dovevano essere giocate tra venerdì e sabato ma sono state sospese immediatamente fino a nuovo avviso. Come si spiega che la competizione maschile continua e quella femminile no? Bisogna dimostrare alle ragazze e al resto del mondo che anche le donne sono calciatrici professioniste a tutti gli effetti. Soprattutto in un paese come l’Olanda, campionessa europea e seconda al mondiale, le cui atlete sono trattate come atlete amatoriali.

Photo Credit: Marca

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here