Spagna-Messico
Spagna-Messico

La Spagna continua la sua lunga striscia positiva e batte 3-0 il Messico. Il ct Vilda rivoluziona la squadra con 10 cambi. In porta Lola dell’OL, difesa a 4 con Marta Corredera, Ivana, Laia Aleixandri e Leila Ouahabi. In mezzo Nerea Eizagirre, Alba Redondo, Teresa Abelleira e Aitana Bonmatì, Davanti Nakihari Garcia e Barbara Latorre.
L’unica confermata rispetto alla vittoria contro l’Olanda, è stata Aitana Bonmatì, Patri Guijarro assente per infortunio muscolare. Nel primo tempo grande occasione per il Messico con Phany Mayor e Maria Sanchez ma Lola riesce a respingere. Arrivano poi le occasioni con Alba Redondo e Bárbara Latorre, promosse dopo l’ottima stagione con le maglie del Levante e Real Sociedad.
Nella ripresa vari cambi del ct che rivoluzionano la squadra: prima entra il portiere del Real Misa, poi Ona Battle come terzino destro e Mariona Caldentey a centrocampo. Entrano anche Alexia Putellas e Marta Cardona per ricostruire l’ossatura della squadra che ha battuto l’Olanda. Sul finale chance anche per Olga Carmona, ancora fiducia per l’esterno del Real.
Ma già poco prima Marta Cardona, entrata da un minuto, aveva portato in vantaggio le spagnole e Nakihari Garcia, oggetto di mercato per il Real Madrid, ne fa altri due per il definitivo 3-0. Il passivo è forse troppo pesante per le messicane, ma indica al ct Vilda la strada per un Europeo 2021 che la Spagna giocherà da vero outsider, subito sotto le squadre storiche del Continente ma senza paura di nessuna.

Spagna: Lola (Misa, 46’); Corredera (Batlle, 57’), Ivana, Aleixandri, Ouahabi (Carmona, 77’); Eizagirre (Mariona, 57’), Alba, Abelleira (Putellas, 65’), Bonmatí; Nahikari, Latorre (Cardona, 65’).

Messico: Santiago; Kenti, Farias, Orejel, López; Espinosa (Nicole, 46’), Bernal, Mayor; García (Alison, 46’), Cuellar (Cruz, 46’), Sánchez (Fernández, 75’).

Photocredit: RFEF