Tornata ai mondiali per la prima volta in 20 anni, l’Italia si era qualificata per la FIFA Women’s World Cup France 2019™ senza molta fanfara ma con una determinazione a fare bene. E quella determinazione l’ha fatta diventare la rivelazione del torneo. Dopo aver battuto l’Australia, la squadra di Milena Bertolini ha battuto la Giamaica, ha causato problemi al Brasile e superato la Cina.

“Stavo vivendo un’atmosfera fantastica grazie alle mie compagne di squadra”, ha detto Laura Giuliani con un ampio sorriso, ricordando i preparativi dell’Italia per Francia 2019.

L’entusiasmante corsa delle Ragazze Mondiali si è conclusa con una sconfitta per 2-0 contro le poi finaliste del torneo, l’Olanda.

“Avevamo la sensazione di poter fare qualcosa di grande”, ha continuato il portiere di Italia e Juventus. “Non stavamo pensando ai risultati ma a vivere il momento e fare il meglio che potevamo. Eravamo in una bolla e ci siamo concentrate solo sull’allenamento e il gioco. E non è stato fino al nostro ritorno che ci siamo rese conto di ciò che avevamo fatto. Le persone ci hanno detto: “Non crederai a quello che sta succedendo in Italia. Tutti parlano di te”. E quando siamo tornate a casa, è stato come “Oh mio Dio. Questo è incredibile””.

Un caloroso benvenuto a Valenciennes
“La prima immagine che mi viene in mente quando penso ai Mondiali è il nostro arrivo a Valenciennes. Siamo state molto ben accolti in hotel e ricordo di essermi detta: “Mio Dio, eccoci qui. La nostra World Cup inizierà tra qualche giorno e potrebbe essere fantastica””.

Vittoria di rimonta contro l’Australia
“Se dovessi scegliere una partita, sarebbe questa. Era speciale: la nostra prima partita di World Cup. Dissero che l’Australia era un avversaria molto dura e che sarebbe stato difficile. Tutto quello che avevano detto era stato negativo, ma lì tutto l’umore nel campo era davvero positivo. Siamo state pompate per questo. Ricordo di essere uscito sul campo e di aver detto “Potrebbe succedere qualcosa oggi”. Ed è per questo che ho detto a me stessa, quando perdevamo 1-0, “OK. Non preoccuparti. Lo ribalteremo” E l’abbiamo fatto”.

Colpire le altezze
“Penso di aver avuto la mia miglior partita contro la Cina. Non avevo molto da fare, ma avevano le loro possibilità e ho dovuto staccarmi dalla linea di porta un paio di volte. Mi sentivo pronta a farlo ogni volta che venivo chiamata in azione. Ho avuto il sole negli occhi anche nella prima metà, ma ricordo di essere stato concentrata tutto il tempo”.

Portieri in primo piano
“Non credo che ci fosse un portiere che si sia distinto in particolare. Il livello in generale era davvero alto. Sari Van Veenendaal ha fatto un grande torneo e ha portato l’Olanda in finale con i suoi salvataggi.
Christiane Endler è il miglior portiere ed è stato un peccato che il Cile sia stato eliminato nella fase a gironi. Ricordo anche che i portieri dell’Inghilterra, del Camerun, dell’Argentina e della Scozia hanno fatto parecchi salvataggi e non ho mai visto un portiere come la giapponese Ayaka Yamashita, è incredibile”.

Giuliani è stata una dei portieri eccezionali del torneo e ha realizzato alcune superbe parate, una delle quali è arrivata nella sconfitta per 1-0 in Brasile, una partita in cui ha concesso un rigore e nient’altro. Di tutti i salvataggi che ha fatto quel giorno, nel primo tempo il salvataggio su colpo di tacco di Debinha è uno dei suoi preferiti: “Lo ricordo come se fosse appena successo. Ha mantenuto il gioco sullo 0-0 e penso che sia uno dei migliori salvataggi che io abbia mai fatto“.

Agli occhi del portiere italiano, c’è una semplice spiegazione dietro il miglioramento a tutto tondo del portiere: “I grandi club stanno creando squadre femminili ora, il che sta davvero facendo salire di livello, e il portiere è una delle posizioni che sta sviluppando di più di tutti. Se ripensi al 2015, quando si è svolta l’ultima FIFA Women’s World Cup, la Juventus non aveva nemmeno una squadra femminile al suo posto. L’hanno installato solo nel 2017.

“Devi fare la tua parte, ma club del genere ti offrono tutto ciò che hai sempre sognato di avere in termini di risorse e pianificazione. Hai tutto ciò di cui hai bisogno per ottenere il meglio da te stesso”.

Cosa ci sarà poi?
Sulla base della loro emozionante avventura in Francia, Giuliani e le sue compagne di squadra hanno l’obiettivo di riportare l’Italia sul grande palco. Attualmente nel bel mezzo della competizione di qualificazione per UEFA Women’s EURO 2021, che è stata rinviata al 2022, inoltre i preliminari per la FIFA Women’s World Cup 2023™. La differenza ora è che non sono più così sconosciute.

“È sempre più facile fare bene quando non vieni da nessuna parte e non c’è pressione”, ha spiegato. “Ma quando ti viene chiesto di migliorare ciò che hai già fatto, è più difficile. Detto questo, entreremo nel prossimo grande torneo con lo stesso gruppo principale di giocatrici, il che significa che avremo l’esperienza e la personalità di cui abbiamo bisogno per affrontare la sfida e goderci il momento, anche se non sarà così sia facile”.

Credit Photo: Pagina Facebook di Laura Giuliani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here