La nazionale spagnola U17 è stata la protagonista di uno straordinario cammino nella FIFA Women’s World Cup, ha collezionato infatti solo vittorie durante il torneo e questo le ha permesso di portare a casa la seconda coppa del mondo della sua storia. Oltre ad essere campionesse mondiali, la formazione iberica U17 detiene anche il titolo europeo.

I successi non sono mancati nemmeno per le selezioni U19 e U20: le prime campionesse d’Europa, le seconde in corsa per la FIFA World Cup.
Pedro Lopez, coach dell’under 20, ha rilasciato una dichiarazione al sito della FIFA: “Dal primo giorno di lavoro con la Federazione spagnola, quando la Germania ci ha sconfitti per 7 a 0, tutti noi abbiamo cercato di fare le cose nel modo migliore possibile”. Non va dimenticato infatti che il numero di calciatrici tesserate in Spagna non supera di molto le 42mila unità, numero 15 volte inferiore a quello tedesco ad esempio.

La domanda sorge spontanea allora, qual è il segreto del successo spagnolo?

Prova a rispondere Vilda, tecnico della nazionale maggiore: “Negli ultimi 12 anni abbiamo lavorato tutti con la stessa metodologia, basata su una filosofia chiara a tutti. Giochiamo in un modo che piace alle ragazze, capiscono il sistema e credono in esso. Inoltre la Federazione spagnola ci mette a disposizioni ogni struttura, in modo tale che noi possiamo entrare in contatto con ciascuna delle 42mila atlete registrate”.
Il 2019 è ancora tutto da scrivere, sicuramente il Mondiale in Francia sarà un banco di prova importante, competizione a cui parteciperà anche la nazionale italiana.

Credit Photo: Pagina Facebook FIFA Women’s World Cup

Sara Ghisoni
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here