Giornata cruciale quella di domenica 2 maggio 2021 dove il Bayern München Frauen affronta il Chelsea nel match di ritorno valido per la qualificazione alla finale di UEFA Women’s Champions League 2020/21. Attualmente la squadra tedesca possiede un vantaggio sulle inglesi grazie alla vittoria ottenuta per 2-1 nella gara di andata.

Il portiere del Bayern Laura Benkarth spiega in un’intervista a DFB.de perché è molto ottimista sulla partita.

Laura, come vedi la posizione di partenza prima del ritorno al Chelsea?
È sicuramente un’ottima posizione di partenza per noi. Ma non bisogna dimenticare che una vittoria per 1-0 basterebbe al Chelsea per raggiungere la finale. Tuttavia, andremo in Inghilterra con molto ottimismo perché il risultato dell’andata ci lascia aperte tutte le opzioni. La vittoria è stata molto, molto importante. Adesso è tutto lì. Il nostro obiettivo è una vittoria sul Chelsea e quindi un posto nella finale di Champions League. Ma siamo ancora molto lontani dal realizzarlo. Tutti ne sono consapevoli. Ora dobbiamo fare il passo successivo, che sarà molto difficile.

Come guardi indietro all’andata per 2-1 con un leggero margine?
È stato un incontro molto equilibrato con opportunità da entrambe le parti. Il Chelsea è sempre bravo a segnare con le sue giocatrici offensivi estremamente pericolose. Penso, ad esempio, a Pernille Harder o Samantha Kerr. Il Chelsea ha una qualità incredibile, soprattutto in attacco. Dobbiamo essere preparate per questo. Ma lo stesso vale per noi. Lo abbiamo dimostrato nell’andata. Di certo non abbiamo bisogno di nasconderci. Sono molto entusiasta di vedere cosa succederà dopo.

Cosa sarà importante?
Abbiamo bisogno di nuovo di una prestazione di squadra unificata. Questa sarà la chiave del successo. Se non subissimo gol, saremmo definitivamente qualificate. Ma non vogliamo fare affidamento su una vittoria per 0-0. Il nostro obiettivo è vincere sul Chelsea. Se le cose alla fine andassero diversamente e dovessimo progredire nonostante una sconfitta di misura, non ci interessa. L’importante è che arriviamo a Göteborg.

Prima di battere il Chelsea all’andata, ci sono state due sconfitte in partite ufficiali e hai difeso il tuo vantaggio nella Bundesliga femminile FLYERALARM con un pareggio per 3-2 contro Turbine Potsdam. In questo contesto, quanto è stato importante il successo contro le inglesi anche dal punto di vista psicologico?
Naturalmente, questa vittoria contro una delle migliori squadre europee ha fatto anche un ottimo lavoro in termini di fiducia in se stessi. È importante che ci basiamo su questo e che miglioriamo. Ora sappiamo che possiamo. Ma dobbiamo ottenerlo. Abbiamo tutto nelle nostre mani. Conoscendo questa buona posizione di partenza, dobbiamo andare al Chelsea con verve. La finale è alla nostra portata.

Difficilmente hai subito goal per settimane o mesi. Negli ultimi quattro incontri ci sono stati improvvisamente otto gol subiti. Aveva qualcosa a che fare con la sua perdita dovuta a un infortunio?
Non lo so. Ovviamente sulla difensiva abbiamo provato alla perfezione e il set-up era giusto. Ma il fatto che ora abbiamo ottenuto qualche gol non era certo perché non c’ero. Succede e basta. A volte ci sono fasi in cui metti la punta del piede sulla palla all’ultimo momento per evitare che il gol venga subito. E poi ci sono fasi in cui sei in ritardo. Questo ha anche a che fare con la fortuna nel gioco. Non puoi presumere che avremmo superato un’intera stagione quasi senza gol. È piuttosto irrealistico. Dal mio punto di vista, è importante non lasciarsi abbattere dalle battute d’arresto, ma tornare indietro.

E hai mostrato questa reazione contro il Chelsea.
Secondo me, questo dimostra anche che la squadra è una buona scelta. Non ci lasciamo abbattere da difficoltà minori o maggiori, ma finora abbiamo sempre mostrato la giusta reazione. La vittoria contro il Chelsea, in particolare, è stata uno sforzo di squadra assoluto. Uno correva per l’altro. Ed è esattamente dove dobbiamo andare. Speriamo di esserci lasciate alle spalle la fase più debole e combattuto per tornare indietro. Adesso siamo pronti per lo scatto finale e vogliamo riprendere da dove avevamo lasciato domenica scorsa.

Noti dall’umore all’interno della squadra o dall’ambiente che la fase cruciale della stagione sta ora iniziando?
Sì, sì. Ogni partita ora è fondamentalmente per la finale. Per me personalmente, l’attesa aumenta ogni giorno. Anche la tensione sale. È il caso che potremmo essere in grado di concludere uno o due titoli nelle prossime settimane. Ad esempio, non è così lontano come all’inizio della stagione. Ma non guardiamo troppo avanti, solo di partita in partita. Può sembrare logoro, ma finora ha funzionato molto bene per noi. Prima va al Chelsea, poi al Wolfsburg, poi forse alla finale di Champions League. Lo facciamo uno alla volta.

Aumenta l’attesa così come la tensione?
Ovviamente puoi sentire che le cose stanno entrando nella fase calda. Qualsiasi altra affermazione sarebbe una bugia. Ma lo vedo in modo più positivo perché abbiamo solo qualcosa da guadagnare. Devi solo vedere da dove veniamo. La scorsa stagione abbiamo fallito nei quarti di finale di Champions League, ora possiamo fare il posto perfetto in finale. La scorsa stagione eravamo a otto punti dal Wolfsburg nella Bundesliga femminile FLYERALARM a tre giorni dalla fine, ora siamo due punti davanti a loro. Se qualcuno ci avesse detto che prima dell’inizio della stagione, avremmo firmato immediatamente. Non vediamo l’ora delle finali che ci aspettano ora. È bello averlo nelle nostre mani. E sappiamo di poterlo fare.

Credit Photo: Imago images/Kolbert-Press

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here