Alessandro Spugna, tecnico della Roma, nella conferenza stampa alla vigilia della finale di Coppa Italia contro la Juventus Women di Ferrara esprime le sue sensazioni: “Le mie sensazioni sono assolutamente buone. È bello essere qui, è un grande appuntamento e un obiettivo che avevamo. Siamo contro la Juve, penso che siamo le squadre che hanno espresso il miglior calcio. Siamo i detentori della Coppa e vogliamo confermarci. Speriamo di fare una grande gara”.

A chi le fa notare le differenze tra la sua Roma, in questa stagione, e la Juve il tecnico evidenzia: “Il campionato ci ha detto che è stato ridotto. Siamo forti di ottime prestazioni nel girone di ritorno. Ma siamo contro una squadra forte che domina da 5 anni. Ma anche noi vogliamo fare bene”.

La Roma che è la detentrice del titolo vuole mantenere questo primato anche in questa finale, e Spugna conferma: “ Vincere la finale conta tanto, per noi è stato un orgoglio. Uno stimolo che ci deve spingere a difendere questo titolo”.

Alla Finale quasi certamente non saranno presenti Benedetta Glionna e Haavi, poiché ancora in fase di recupero dopo gli acciacchi di campionato, ma il tecnico è fiducioso, sebbene non si sbilancia: “Stiamo cercando di fare il massimo per recuperarla, ma manca da tanto. Vediamo tra oggi e domani”.

Un campionato che ha dato alla Roma il primo vero risultato, ovvero l’accesso alla Champions, di questo Spugna ne è orgoglioso. “È stato importantissimo vedere la Juve fare questo percorso, e noi il prossimo anno saremo in Champions.  Per noi è stato di stimolo vedere i progressi della Juve, alla quale vanno i miei complimenti. In campionato sono stati più bravi di noi, ad un certo punto abbiamo avuto la possibilità di arrivarci, poi ci siamo accontentati dell’ottima seconda posizione. Adesso abbiamo questa finale da conquistare e poi penseremo ai preliminari”.

A Ferrara tutto è pronto, in una giornata di Maggio che si prospetta molto calda, viste le temperature di quest’oggi: “può essere un fattore il tempo, certamente, anche se i cambi potranno fare la differenza, vedremo. Sono due squadre che cercano di dominare la gara, quindi potrebbe essere importante gestire bene tutto questo ma credo che tutte le giocatrici saranno importanti”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.