MILAN-JUVENTUS 1-6

Gol: 9′ e 17’st Girelli (J), 31′ Nildén (J), 39’st Rosucci (J), 43’st e 45’st Bonfantini (J), 48’st Thomas (M).

Ammonite: 41′ Pedersen (J), 30’st Tucceri Cimini (M)”.

 

IL TABELLINO:

MILAN (3-4-3): Giuliani; Codina, Agard, Fusetti (26’st Stapelfeldt); Thrige, Adami (33’st Selimhodzic), Grimshaw, Tucceri Cimini; Thomas, Longo, Bergamaschi. A disp.: Babb, Cazzioli; Árnadóttir; Dal Brun, Premoli; Cortesi, Miotto.

All. Maurizio Ganz

JUVENTUS (4-3-3): Peyraud-Magnin; Lundorf (19’st Hyyrynen), Gama, Sembrant, Boattin; Cernoia (25’st Zamanian), Pedersen (36’st Caruso), Grosso (36’st Rosucci); Bonansea (19’st Bonfantini), Girelli, Nildén. A disp.: Aprile, Forcinella; Hurtig, Panzeri.

All. Joe Montemurro

Arbitro: Bitorni di Bologna

 

LE PAGELLE:

MILAN (3-4-3):

Giuliani 5.5 Soffre le gare contro la sua ex. squadra, pur conoscendo le caratteristiche delle giocatrici avversarie si fa sorprendere, poco reattiva anche se incolpevole sui tiri ravvicinati: lasciata troppo sola dalla sua difesa.

Codina 5 Primo tempo già a tratti con rientri in affanno, si perde la marcatura dando spazio al gioco avversario, chiude come può.

Agard 5 Gara giocata in chiaro scuro, e con errori banali nel giro palla concedendo alle avversarie pericolose conclusioni a rete, sicuramente non la gara migliore della sua carriera.

Fusetti  5.5  Combattiva e determinate in un tratto di gioco, poi cala di ritmo e si arrende come tutta la sua squadra, per lasciare il campo sottotono.

(26’st Stapelfeldt 5.5) Produce ciò che riesce, ma risulta poco per il risultato finale.

Thrige 5.5 Concentrata fino alla prima rete bianconera, poi un gioco a tratti fluido e preciso, ed a tratti in chiaro senso di poca sicurezza sul campo.

Adami 6 Nel centro campo combatte per tutte, prendendosi anche le botte e giocando con le lacrime e carattere, poi esce nel finale. (33’st Selimhodzic) 5.5 Porta solo fiato i giochi erano già chiusi.

Grimshaw 6 Poteva fare certamente meglio, qualche azione molto ben lavorata, poche finalizzazioni ma con ingegno nei calci d’angolo.

Tucceri Cimini 5.5 Nel primo tempo doveva riprendere la gara, due grosse opportunità gettate al vento, buone le combinazioni con Thomas.

Thomas 6 Tanti errori sotto porta, complice la poca freddezza o la bravura del portiere ospite, ma è l’unica che mette il sigillo ad una gara ceduta e mai più ripresa.

Longo 5.5 Anche per lei molte possibilità alla rete che avrebbe cambiato il match, peccato, per il resto guarda e non incanta.

Bergamaschi 6 Gioca, accarezza il pallone sempre con maestria, ma non basta per dare alle compagne il ritmo e sopra tutto la voglia di raddrizzare la gara nei giusti modi e tempi.

All. Maurizio Ganz 5 Squadra che inizia bene, poi ha un blocco di lucidità tra le reti bianco-nere, quando sembra di poter rimettere tutto in discussione subisce ancora il contrattacco avversario fino a cedere definitivamente in una sconfitta che pesa molto.

 

JUVENTUS (4-3-3):

Peyraud-Magnin 7 Ottime uscite su Thomas e Tucceri Cimini, che ha garantito il vantaggio per la sua squadra, certamente una delle migliori in campo per lucidità e reattività.

Lundorf  6.5 Attenta e reattiva si presenta palla al piede con freddezza e ottimo senso logico nel passaggio, chiuse attente in una gara giocata con continuità. (19’st Hyyrynen 6) Porta il suo contributo a giochi fatti.

Gama 7 Grande padronanza della linea difensiva, chiude bene con concentrazione non concedendo nulla alle avversarie.

Sembrant 6.5 Contribuisce all’unione di gruppo, buon giro palla, e buoni lanci per le ripartenze in fascia dell’ attacco bianco-nero.

Boattin 7 Combatte su ogni palla, in tutti i novanta minuti, una delle più decise a vincere la gara con fermezza e buon gioco.

Cernoia 7 Contropiedi molto rapiti che hanno creato scompiglio all’ area rosso-nera, buone le coordinazioni con Girelli e Bonansea. (25’st Zamanian 6) Porta spirito e saggezza sul controllo del pallone senza troppa fatica.

Pedersen 6.5 Sempre in partita , attenta e determinata, ha giocato per il gruppo con continuità e buona tecnica.(36’st Caruso 6.5) Entra e coordina il gruppo con il suo carattere: forte e tenace, brava.

Grosso 6.5 Gara di sacrificio giocata con dinamismo e buon gioco.  (36’st Rosucci 7) Entra e segna, non avrebbe preteso nulla di più, ma gioca con la grinta dello zero a zero con un atteggiamento da professionista.

Bonansea 7 Scatti e passaggi sempre molto ritmati, portando palla per Girelli da veterana, poteva anche andare lei a rete ma l’umiltà la rende giocatrice di squadra.(19’st Bonfantini 7) Dal suo ingresso la squadra ha reso ancora di più dando il colpo del ko alle avversarie, una doppietta che esprime tutto il suo carattere e la voglia di crescere ancora.

Girelli 7.5 Ritrova la doppietta, in una gara ostica in avvio e sempre aperta nel primo tempo, poi con rilassatezza crea gioco per le compagne da vera leader.

Nildén 7 Gran gol ed ottimo senso di squadra, gioca con determinazione e grinta.

All. Joe Montemurro 7 Cambio passo rispetto alla gara contro la Roma a Vinovo, una squadra che ha saputo gestire le emotività ed ha ritrovato il giusto ritmo e le coordinazioni di gioco con palla al piede, quello che Joe aveva chiesto al suo gruppo prima dell’ fischio di inizio.

Credit Photo: Fabrizio Campagnoli

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.