Alla vigilia della semifinale di ritorno di Coppa Italia femminile contro l’Empoli, ha parlato l’allentore della Roma Femminile Alessandro Spugna. Queste, le sue parole ai canali ufficiali del club:

“È una partita da giocare, da vivere. Abbiamo un piccolo vantaggio (l’andata è terminata 0-1 per la Roma, ndr), ma non dobbiamo fare questo calcolo. Dobbiamo giocare la partita come sappiamo, cercare di prendere il comando fin da subito. Gestirla nei migliori dei modi, capire il momento della gara e – se possibile – chiuderla il prima possibile”.

Non è un mistero, la finale e la Coppa sono un obiettivo per la squadra.
“Assolutamente sì, adesso siamo a un passo. Però adesso dobbiamo ancora giocare questi 90 minuti. Non saranno 90 minuti facili, arriva una squadra che sta bene, in salute ed è motivata. La scorsa settimana ha raggiunto la salvezza e non ha nulla da perdere. Conoscendo il loro allenatore e alcune giocatrici, so che verranno a giocarsi la partita liberamente”.

Quanto conta giocare il ritorno in casa?
“Conta tantissimo, spero ci sia tanta gente, ma sicuramente sarà così perché è un periodo che ci stanno sostenenedo tanto i tifosi. Sicuramente ci sarà tanto pubblico, il campo è in condizioni perfette. Spero sarà una bella giornata di sport e che sia una giornata che ci porti alla finale di Coppa Italia”.

Credit Photo: Domenico Cippitelli