Nei giorni scorsi a parlare sulle frequenze di Radio Castelluccio è stata Daniela Longo. La 34enne centrocampista della Salernitana ha regalato qualche battuta sulla promozione in Serie C della squadra granata, fresca di vittoria del campionato d’Eccellenza.

Daniela Longo: le parole della centrocampista della Salernitana

Siamo felici per aver vinto il nostro campionato d’Eccellenza femminile. Siamo riusciti quindi ad accedere al torneo nazionale di Serie C. Questa riprogrammazione dei campionati iniziamo ad entrare nel calcio che conta e siamo contente di questo”.

Gli inizi della centrocampista granata

“Io ho 34 anni e ho iniziato circa 20 anni fa al Vestuti con la Salernitana guidata da Aida Rienzi, scomparsa ormai da 10 anni, figura fondamentale per il calcio femminile salernitano. I miei primi passi su un campo di calcio li ho mossi con lei e come me tante compagne di oggi di questa Salernitane sono figlie di quel periodo. Tante ragazze hanno  calcato i parquet del futsal con la casacca granata in Serie A2 altre calcheranno i manti erbosi di Serie C di calcio ad 11 sempre con l’intento di portare in alto il nome della Salernitana e questi splendidi colori”.

La crescita del calcio femminile

“Con il passare del tempo ne ho viste tante. Sono stata fortunata ad entrare in una realtà radicata sul territorio che però non era conosciuta a dovere. Da Roma in su la realtà per il calcio femminile è diversa da tempo rispetto al Sud dove ha stentato a decollare. Negli ultimi anni qualcosa è cambiato anche dalle nostre parti, grazie anche a questa splendida società che ci ha aperto tutte le porte. Abbiamo una scuola calcio con tante giovani che si stanno avvicinando a questo sport. Quando ho iniziato io le cose erano diverse, esistevano pochissime squadre e i chilometri per fare allenamento erano tantissimi”.

Le ultime stagioni divise tra campo e restrizioni

“Le stagioni passate caratterizzate dalla pandemia sono state molte travagliate. Abbiamo iniziato con misure molto restrittive che hanno paralizzato il campionato con la mancata iscrizione di diverse società, che solitamente affrontano già iscrizioni importanti senza grosse sponsorizzazioni alle spalle. Nel passato torneo, ad esempio, erano solo cinque le squadre iscritte”.

Il successo di questi mesi

“Quest’anno è stato un campionato molto bello per noi. L’Eccellenza è un torneo dove si mescolano tante cose in campo, ci sono realtà che si avvicinano a questo sport ed altre già rodate per la Serie C. Noi siamo state sempre vicino a poter salire di categoria ed in questo torneo erano almeno altre quattro le squadre pronte a vincere. Siamo state brave a sbagliare pochissimi, in particolare nel girone d’andata dove abbiamo sopperito a diverse assenza. Io stessa alla quinta partita mi sono infortunata e quindi sono rimasta out per diverso tempo”.

Gli obiettivi per il prossimo anno

“Per il prossimo anno porterò sempre la mia esperienza e la mia voglia di fare bene a questo gruppo. Le tante battaglie passate non limitano la grossa passione e la volontà di cominciare nuovamente una nuova stagione. Al nostro fianco stanno crescendo tante ragazze dal settore giovanile che per noi resta un elemento fondamentale. Nonostante alcune assenze queste ragazze si sono comportate davvero alla grande che si sono dimostrate pronte anche in gare importanti. I meriti vanno a Maria Rosaria Saggese che plasma la linea verde di questa società. Siamo sicure che per il prossimo anno possiamo contare forte anche su di loro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here