Il Crema, dopo il pareggio conquistato domenica scorsa a Cesano, esce sconfitto dalla sfida con il Sedriano per 4-1.

Al 10′ prima occasione ospite su calcio d’angolo di Cetrangolo che trova lo stacco solitario di Flamini che colpisce dal limite dell’area piccola a botta sicura, ma Uggè si supera per tenere in equilibrio la gara. Il Crema ha l’occasione più nitida al 23′ col destro di De Nardi che scarica dal limite dell’area un destro velenoso dove Carbotti non può nulla, ma il palo nega il vantaggio delle padrone di casa. Il Sedriano passa in vantaggio con Ettori, che si trova da sola e incredula davanti ad Uggè e la supera. Reazione immediata cremina con Grossi che si libera al tiro in area ma sfiora l’incrocio. Al 35′ calcio d’angolo per le ospiti palla che sfila oltre tutte le ragazze, ma Lino cade in area e, l’arbitro, fischia il calcio di rigore gialloblù: sul dischetto si presenta Menozzi, Uggè devia, ma la palla si insacca per il raddoppio del Sedriano.

La ripresa inizia col terzo gol sedrianese, quando Lino, su calcio d’angolo, svetta incontrastata e batte un’incolpevole Uggè. Il Crema al 90′ trova il gol dell’1-3 con l’inserimento di Pedrini, ma viene infilato per la quarta volta nel finale dalle gialloblù di Principato da Majone che trova l’angolino dopo aver riconquistato palla al limite dell’area.

In classifica le ragazze di Elena Calderola rimangono al posto del girone lombardo di Eccellenza con tre punti. Domenica prossima il Crema andrà sul campo del Femminile Mantova, che, nel turno precedente, è stato battuto dalla Polisportiva 2B per 4-2.

Photo Credit: Instagram Crema 1908 Women

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.