Il Marsala, dopo il secondo posto del passato torneo d’Eccellenza femminile siciliana, era ai nastri di partenza del massimo torneo dilettantistico regionale anche in questo travagliato 2020-2021. La squadra isolana, presieduta da Giuseppe Chirco e capitanata da Cristina Casano, è giunta nuovamente seconda dopo il primo girone mancando però l’accesso alla finalissima dopo la fase a play-off. Abbiamo raggiunto Samantha Alcamo, punta classe 2000 del team guidato da Valeria Anteri, in forza alla formazione sicula dal 2017. Queste le parole della calciatrice originaria di Erice.

Samantha come è stato ripartire dopo lo stop dello scorso anno dove avete centrato il secondo posto?
“La ripartenza di questa stagione è stata molto attesa. Eravamo tutte molto cariche e contente, non vedevamo l’ora di ricominciare. Abbiamo affrontato tutte le partite con lo spirito giusto, ma come ben sappiamo, in certe situazioni avremmo potuto dare di più. È stato un impegno costante e ci abbiamo creduto fino alla fine. Si tratta di un altra esperienza che contribuirà alla nostra crescita sia come squadra, ma soprattutto come gruppo”. 

Quante riconferme ci sono state di quel gruppo?
“C’era tanta voglia di migliorare, fare bene e divertirci che è la cosa più importante. Rispetto allo scorso campionato abbiamo perso qualche giocatrice per via del lavoro o per qualche infortunio grave, ma ne abbiamo ritrovate altre che cono state capaci di dare il massimo”.

Poi il nuovo stop. Come l’avete vissuta e come sono stati i mesi successivi?
Il nuovo stop inizialmente ci ha un po’ demoralizzate perché pensavamo che il campionato non iniziasse più. Tuttavia non ci siamo mai fermate, anzi abbiamo continuato ad allenarci con prudenza e rispettando le dovute distanze, senza mai arrenderci. Nonostante ciò, anche se psicologicamente la situazione era difficile da gestire, in quanto non avevamo certezze, non ci siamo mai arrese”.

Ad aprile finalmente il nuovo start. Quali erano gli obiettivi e quali gli umori?
“Finalmente ad aprile è iniziato il campionato. L’emozione era indescrivibile e tutt’ora non riuscirei a spiegare ciò che ho provato quando sono entrata in campo dopo i vari mesi di stop, era come se stessimo affrontando la prima partita della nostra vita. Nello spogliatoio c’era tanta tensione, ma allo stesso tempo voglia di scendere in campo e fare bene, vincere e conquistare ciò che meritavamo. Quest’anno l’obiettivo principale era quello di giocare e divertirci, senza perdere di vista il reale motivo per il quale avevamo combattuto fino a quel momento, raggiungibile solo attraverso l’allenamento e l’impegno costante, dando sempre il massimo”.

Secondo posto nel girone iniziale dietro al Catania. Come è andata per voi? Soddisfatte della prima parte di stagione?
“Abbiamo ottenuto un ottimo secondo posto, vincendo tutte le partite tranne quella col Catania. Eravamo molto contente di quel risultato perché avevano constatato che il duro lavoro ripaga, ma soprattutto la forza di squadra ci ha aiutato a raggiungere quell’obiettivo, la collettività, il fatto di sapere che potevi sempre contare sulla tua compagna. Abbiamo iniziato a prendere maggior consapevolezza del nostro organico e non volevamo più fermarci, alla fine del girone iniziale sapevamo benissimo tutte cosa volevamo e l’unico modo era lavorare giorno dopo giorno, sempre di più”

Poi nel triangolare successivo non avete strappato il pass per la finalissima? Come sono andate le due partite dei play-off?
“Dopo l’ottimo risultato acquisito nel giorno iniziale ciò a cui puntavamo era, ovviamente, la finale e di conseguenza la promozione. Purtroppo, dopo aver giocato degli ottimi 90 minuti, nonostante la giornata fosse molto calda e dopo aver affrontato 4 ore di viaggio siamo state sfortunate e abbiamo la partita con la JSL al 93’. Matematicamente le nostre speranze della finale, da quel momento, non potevano più essere realizzate, ma si sa il calcio è anche questo. Nella seconda partita dei play-off abbiamo dato conferma delle potenzialità del gruppo, vincendo e dominando la gara”.

Che stagione è stata per te?
“Per me non è stato un campionato semplice. Sono consapevole del fatto che potevo dare di più, ma non ho mai smesso di allenarmi e cercare di migliorare. Il mister Valeria ci ha fatto svolgere un lavoro atletico ad inizio stagione importante, fisicamente stavo molto bene, tuttavia rimane un campionato caratterizzato da tanti sacrifici, sia per la situazione, sia per ragioni personali. Complessivamente sono contenta, perché nelle difficoltà ho trovato la forza di andare avanti e di riprendermi, anche nelle piccole cose e partita dopo partita, ho iniziato a vedere dei miglioramenti.

Quali saranno i ricordi di questa stagione?
“I ricordi di questa stagione sono e rimarranno tanti, grazie ad essa ho capito cosa vuol dire lavorare con un gruppo unito e compatto. Non nego che dispiace il fatto di non essere arrivate in finale, proprio perché ce lo meritavamo per l’impegno e la costanza che abbiamo messo in ogni partita e allenamento. Pensiamo però al prossimo anno, ripartendo da lì, perché la cosa che conta è non arrendersi mai”.

In ottica futura quali sono i programmi in casa Marsala?
“Personalmente penso che l’obiettivo di una società storica come il Marsala, considerando le potenzialità mostrate quest’anno, ma anche negli anni precedenti, sia la promozione. Oltre a questo però, l’obiettivo che potrebbe portarci a raggiungere tale promozione, resta quello di perfezionare il lavoro fatto in questi anni, continuare ad allenarci e migliorare sia singolarmente, ma anche come gruppo, ma soprattutto non smettere mai di credere che ciò possa accadere”.

Mi chiamo Christian Vitale, sono un giornalista pubblicista con la grande passione per lo sport. Nell'estate del 2015, con amici, apriamo il sito Parametro Zer0, divertendoci a parlare del movimento calcistico in ambito nazionale. Nell'ottobre del 2015 inizio la collaborazione con Info Cilento, portale d'informazione che copre l'area a sud di Salerno. Comincio con una trasmissione in streaming in onda ogni lunedì, sul mondo del calcio dilettantistico, per poi scrivere con lo stesso portale nell'aprile del 2016. La collaborazione con Info Cilento, ancora viva ed intensificatasi nel 2017, mi ha portato a stringere rapporti con qualche emittente televisiva e radiofonica salernitana, con ospitate varie in trasmissioni sul calcio locale. Nello stesso anno inizio a scrivere con Le Cronache di Salerno, quotidiano della zona, mentre nel 2018 entro a far parte dell'ufficio stampa della Polisportiva Santa Maria, società di Eccellenza di calcio ad 11 maschile. Nel 2019 inizio a scrivere con altri due siti on line: Campania Football, in ambito regionale, e Salerno Sport 24, in ambito provinciale, oltre a curare la comunicazione della Folgore Acquavella Femminile, squadra di calcio a 5 iscritta nel torneo di Serie C.