Edgar Merino, procuratore dell’agenzia Solo Cracks, pionieri nell’investimento nel calcio femminile in Sud America, ha rilasciato un’intervista ai nostri microfoni parlando della sua agenzia, della decisione di bloccare i campionati e dei progressi che può fare il nostro campionato.

Con la tua agenzia, sei stato il primo in Sud America a investire nel calcio femminile: come hai deciso di entrare in questo sport?
“Esatto, siamo stati pionieri come agenzia nel calcio femminile latinoamericano, due o tre anni dopo i nostri inizi nel futfem, c’erano parecchie agenzie che sono entrate e continuano a farlo, il che è positivo perché significa che il mercato genera interesse e sta crescendo. All’epoca abbiamo deciso di investire e concentrarci al 100% sul calcio femminile perché ho visto che c’era un sacco di talento e passione che nel corso degli anni erano stati costantemente invisibili dalle diverse aree del settore: agenzie, federazioni, media, ecc. e che dal mio percorso avrei potuto contribuire affinché molti di quei talenti non fossero persi e potessero realizzare i loro sogni. Credevo che nel calcio femminile avrei potuto essere un agente di cambiamento e contribuire all’uguaglianza attraverso lo sport. Sapevo che facendo le cose con passione e professionalità i risultati sarebbero arrivati. Così è stato finalmente, abbiamo iniziato con una calaciatrice e oggi abbiamo circa 100 giocatrici da 23 paesi diversi e 4 continenti, siamo un’agenzia globale per il calcio femminile con oltre 200 trasferimenti (e sogni) sul nostro credito. L’evoluzione che abbiamo avuto è dovuta al fatto di non aver mai smesso di credere di poter cambiare la storia. In agenzia siamo molto felici di aver contribuito al raggiungimento di molti sogni.”

Come si è evoluto il ruolo del manager nel corso degli anni?
“Si è evoluto perché l’industria sta crescendo passo dopo passo ed è diventata più professionale. Penso che uno come manager sportivo debba essere all’altezza dello sforzo e del talento dei tuoi atleti. Proprio mentre si preparano e si allenano ogni giorno, i manager devono anche preoccuparsi di crescere, studiare, apprendere nuove cose da applicare nella carriera degli atleti. Nel riuscire a ricambiare quella passione che lo sport genera. Per me questo è essenziale. Penso che il ruolo si sia evoluto in quel senso, anche se è anche vero che il calcio femminile sta avendo sempre più ripercussioni e ciò significa che molte volte le persone si interessano a quelle “luci” che sta generando e che in realtà non sono al livello che richiede di fare le cose nel modo giusto. Ma ciò accade in ogni settore in crescita. Oggi l’agente ha più strumenti di 5 o 10 anni fa e dobbiamo sapere come usarli in modo corretto.”

Pensi che questo blocco possa danneggiare il mondo del calcio femminile?
“Il calcio femminile ha registrato una grande crescita a livello globale. Penso che questo blocco e tutto ciò che sta accadendo con la pandemia ovviamente influenzerà e rallenterà parte di quella crescita in termini di immediatezza, ma una volta che tutto inizierà a rilanciare il calcio femminile, tornerà lungo quei percorsi di crescita. Non tornerà più indietro come nei periodi precedenti. Il calcio femminile sarà solo crescita ed è qui per restare.”

Quale pensi sia il modo migliore per far ripartire il calcio femminile nel modo migliore?
“Penso che bisogna fare una buona pianificazione per quanto riguarda i vari spigoli coinvolti in questa “recessione” e calcolare cosa potrebbe significare tutto ciò che sta accadendo, e sulla base di ciò mettere insieme un piano d’azione sicuro e realistico per il settore del calcio femminile. Ogni paese, ogni campionato, deve farlo in modo responsabile.”

Secondo te, è stata una decisione corretta bloccare i campionati? (Tranne il campionato tedesco)
“Più che mettere in discussione la sospensione, quello che metto maggiormente in dubbio nel mio caso è la fretta con cui la sospensione è stata decisa in alcuni campionati, penso che la decisione avrebbe potuto essere presa più tranquillamente, anche se alla fine avessero deciso di sospendere. Ma non è facile, nessuno aveva un manuale per sapere come affrontare una pandemia di questo tipo. Spero che questa sia un’esperienza per tutti noi coinvolti nel settore sportivo. Molte decisioni sono state mescolate nella decisione di sospendere o meno: erano tutti i team in grado di supportare finanziariamente il protocollo di ritorno all’attività? È stata davvero fatta un’analisi per il calcio femminile su quanto è costato riprendere la competizione? C’è stato un alto livello di sicurezza a livello di salute per mantenere i calciatori calmi se sono tornati? Quanto hai perso o quanto hai smesso di vincere finanziariamente il calcio femminile (leggi campionato, club, competizione) sospendendo l’attività? Era giustificato tornare? E se tornasse, quanto guadagnerebbe l’attività per il ritorno? Ci sono molte domande a cui avrebbe dovuto rispondere e in cui non ho tutte le informazioni per darti un parere informato.”

Sebbene il calcio femminile sia in aumento, ci sono ancora disparità tra il calcio rosa e quello maschile. Pensi che queste disparità saranno eliminate prima o poi?
“Spero sia così. Penso che la prima cosa che debba essere sradicata siano le differenze nelle condizioni. Che le giocatrici abbiano le stesse strutture per difendere lo stesso scudo dei giocatori, a livello di strutture, servizi, comunicazione, assicurazione, salute, di tutto ciò che implica essere un calciatore professionista. Penso che sia la prima cosa che dovrebbe essere equiparata se o se. La questione dei salari è qualcosa che richiede molto tempo e credo che le lacune si ridurranno, ma molto dipende da ciò che genera la stessa attività. Ecco perché ti dico che per me la priorità sono le condizioni, che non dovrebbero essere compromesse e dobbiamo continuare a lottare per abbinarle.”

In conclusione, cosa ne pensi del campionato femminile italiano?
“Il torneo femminile italiano ha registrato una crescita negli ultimi tempi e ciò è dovuto a diversi motivi, come la professionalità con cui ogni giocatrice sta prendendo la sua carriera sportiva, non lo vedono più come un hobby, lo vedono come una carriera sportiva che aumenta la preparazione e l’attenzione, aumenta anche il sostegno nei club e nella federazione per lo sviluppo del calcio femminile, e le grandi società italiane hanno aggiunto la loro sezione femminile (esempio Juventus) che rende la lega attraente  e rende la concorrenza più forte. Forse penso che potrebbe crescere ancora più velocemente di quanto lo sarebbe se le decisioni strategiche a livello di lega / federazione fossero appropriate, ma nel complesso è un torneo che ha un sacco di potenziale di miglioramento e sta andando avanti.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here