“Joe Montemurro, l’allenatore della Juventus, ha ottenuto un raro successo nella sua battaglia con la controparte del Chelsea”, dichiara Emma Hayes, mentre la squadra italiana ha guadagnato un punto in Champions League a Kingsmeadow, dove Sam Kerr è stata ammonita per aver spintonato l’ingresso di un “invasore di campo”.

“Non so perché non ha aspettato fino alla fine, avrebbe potuto fare una foto allora“, ha detto un po’ perplesso Hayes dell’invasore che ha cercato di fare un selfie con il capitano del Chelsea, Magda Eriksson. “Seriamente, dobbiamo pensare al benessere e alla sicurezza dei giocatori”.

Hayes ha elogiato la resilienza della sua squadra nel prendere un punto nonostante non sia riuscito a segnare per la prima volta in questa stagione. “Non sono frustrata si è vero non abbiamo segnato ma sono esausta e stanca dopo la vittoria della finale di FA Cup. Non siamo sovrumani. Sarebbe stato bello, sarebbe stato più facile entrare nella prossima settimana.”

Hayes aveva anticipato le intenzioni della Juventus, prevedendo che la squadra italiana si sarebbe giocata il pareggio nel secondo incontro tra le due squadre della fase a gironi.

Con il Servette, carne da macello del Girone A, al fianco della Juventus e dell’ex allenatore dell’Arsenal Montemurro, tre punti la prossima settimana a Torino saranno ora sufficienti per qualificarsi a prescindere dal risultato tra Chelsea e Wolfsburg nella stessa notte.

“E ‘incredibile”, ha detto Montemurro. “Siamo stati felici di essere nella fase a gironi e di usare quest’anno come esperienza di apprendimento“.

La centrocampista Martina Rosucci ha dichiarato: “Siamo davvero a una svolta cruciale in questo momento. Altri club in Europa ora stanno notando i punti di forza della Juventus, che non siamo una squadra facile da affrontare. Il calcio italiano sta cambiando e migliorando”.

Hayes non aveva torto nella sua valutazione di come si sarebbe preparata la Juventus. Ammassati nella propria metà campo per gran parte dei primi 45 minuti, non sono riusciti a registrare un solo tiro contro l’11 del Chelsea, con l’ex portiere dell’Arsenal Pauline Peyraud-Magnin chiamato periodicamente in azione per mantenere la partita a reti inviolate. La miglior giocata del Chelsea è stata quella di Guro Reiten ed Erin Cuthbert, che hanno costretto Peyraud‑Magnin a due stop di routine.

Kerr è andato più vicino a sbloccare il risultato poco prima della mezz’ora, l’attaccante australiano ha battuto Martina Lenzini su un’area di Ji So-yun prima di aggirare il portiere ma sparando a lato del secondo palo da posizione defilata. Pochi istanti dopo Kerr poteva solo colpire di testa la palla stuzzicante di Fran Kirby sul secondo palo sopra la traversa, con il passaggio appena un po’ alto per lei.

Millie Bright ci prova dalla distanza, con Peyraud-Magnin che ribalta sopra la traversa il tiro del difensore centrale inglese.

Nella ripresa i giocatori di Hayes e il vivace pubblico di casa erano frustrati quando Kerr sembrava aver fatto il salto di qualità al 57′ dopo aver intercettato un cross di Kirby, ma è stata giustamente segnalata in fuorigioco.

Il Chelsea ha dominato, ma i suoi tiri in porta non sono stati netti, con solo cinque dei suoi 17 tiri in porta. Le frustrazioni si sono riversate più tardi quando Kerr è stata ammonita per aver spinto sopra l’invasore di campo e Ann-Katrin Berger è stata anch’essa ammonita dopo che si è infuriata con Barbara Bonansea, anche a lei il cartellino giallo, per aver preso a calci Cuthbert nello stinco quando ha oscillato la palla. Un finale di gara molto nervoso.

Il pareggio significa che le speranze di crescita del Chelsea si basano sul fatto che prendano qualcosa, qualsiasi cosa, dalla partita in Germania e, con il Wolfsburg che ha ottenuto un pareggio a Londra, questo è tutt’altro che semplice.

“Penso che abbiamo avuto il gruppo più duro”, conclude la Hayes. “Essere in cima al gruppo in questo momento, sono davvero felice di questo. Stiamo imparando. I miei giocatori hanno dimostrato di essere resistenti e si meritano un giorno di riposo domani”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.