Il Sassuolo sta proseguendo la sua preparazione alla Serie A, e venerdì le neroverdi hanno battuto in amichevole il Brescia Calcio Femminile per 3-0, vincendo così la nona edizione del Trofeo Ostilio Mobili.
Nella formazione schierata da mister Gianpiero Piovani ha visto giocare anche Martina Tomaselli, centrocampista classe ’01, che da quattro anni veste la maglia sassuolese, ma ha fatto il suo esordio nel calcio che conta proprio con la divisa del Brescia.
La nostra Redazione ha raggiunto Martina, al termine della partita, e ha risposto ad alcune nostre domande.

Martina che effetto fa tornare ad affrontare una squadra che ti ha lanciato nel grande calcio come il Brescia?
«Per me è sempre una grande emozione: il Brescia è stata la rampa di slancio e auguro un grande in bocca al lupo, perché meritano di far bene».

Come sta andando la preparazione in vista del campionato?
«Stiamo lavorando molto bene, è passato un mese e siamo un gruppo molto unito. Tra poco inizia il campionato e non vediamo di mostrare il nostro valore».

Il vostro valore lo avete mostrato nell’annata precedente centrando il terzo posto: quest’anno dove può arrivare il Sassuolo?
«C’è sempre da migliorarsi. Lo scorso anno siamo arrivate terze, e magari fare meglio rispetto alla scorsa stagione».

Magari si può partire alla grande, quando tra qualche settimana sfiderete all’esordio stagionale la Fiorentina.
«Come prima partita può sembrare molto dura e faticosa, quindi cercheremo di portarci a casa questi tre punti».

Secondo te quali sono le pretendenti alla vittoria del campionato?
«Sicuramente ci sono le “solite squadre” come Juve, Milan, Roma, e perché no anche noi».

Quali sono gli obiettivi che ti sei posta quest’anno?
«Gli obiettivi di quest’anno sono quelli di migliorarmi fisicamente, di stare al passo con le altre, di tenere bene il campo, la posizione e di togliermi le soddisfazioni con la squadra».

La Redazione di Calcio Femminile Italiano ringrazia l’US Sassuolo e Martina Tommaselli per la disponibilità.

Photo Credit: Elia Soregaroli

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.