Photo Credit: Rebecca Afriye

La 3Team Brescia Calcio si trova al quarto posto nel campionato lombardo di Eccellenza con venticinque punti, un piazzamento legittimato dal 4-0 ottenuto in casa della Riozzese nel tredicesimo turno. Ad andare in gol sono state Giorgia Vacchi, Debora Mascanzoni e una doppietta di Elena Licari. La squadra di Diego Zuccher ha saputo in questa partita a tenere lontano gli attacchi della Riozzese, e ciò va al buon lavoro fatto dalla retroguardia, dove lì c’è Rebecca Afriyie, difensore classe 2000 e sposa il progetto biancazzurro per il terzo anno di fila. La nostra Redazione ha raggiunto Rebecca, la quale è anche su Youtube, per risponderci ad alcune domande.

Rebecca cosa ti ha portato a giocare a calcio?
«Essendo nata in una famiglia dove ho tre fratelli, giocare a calcio è stato inevitabile, anche perché li andavo sempre a vedere quando giocavano a pallone. Da lì è partita una passione che non ha più smesso di spengersi».

Perché hai scelto di diventare un difensore?
«In realtà da piccola ero un’attaccante, poi, quando sono entrata nei maschi della Leonessa ho accettato di essere un difensore: ho capito che quel ruolo mi piaceva e da lì non mi sono più mossa».

Com’è stato il tuo percorso calcistico?
«Ho iniziato facendo tre anni con la Leonessa, poi ho fatto tre stagioni al Brescia, successivamente ho giocato in Promozione con la Mario Bettinzoli per un anno e mezzo, ho fatto una piccola parentesi in Eccellenza con la 3Team, per poi approdare al Montorfano Rovato per tre campionati, e alla fine sono tornata alla 3Team».

Parlando del Montorfano Rovato, la tua ex squadra è alla vetta del Girone B di Promozione. Pensi che questa sia la stagione giusta per la salita in Eccellenza?
«Assolutamente sì. Il Montorfano ha una rosa competitiva, con giocatrici molto brave e un allenatore molto competente. Penso che abbia tutte le carte per centrare la promozione».

Da tre anni sei alla 3Team Brescia Calcio. Cosa ti ha convinto a rimanere in questa società?
«Innanzitutto, la serietà e il progetto della società che è molto ambizioso, poi perché in squadra c’è un allenatore come Diego Zuccher. Mi trovo in un gruppo molto unito, e penso che rimanere qui sia stata la scelta giusta».

Il campionato di Eccellenza ha passato tredici giornate e la tua squadra è in quarta posizione. Come giudichi questo attuale piazzamento?
«È abbastanza corretto, non siamo lontano dal terzo posto, quindi siamo nella direzione giusta. Abbiamo perso qualche punto, ma diamo tutto negli allenamenti per trovarci bene ogni domenica, e portarci a casa più punti possibili».

La 3Team si trova all’ottavo posto in tema di gol subiti in campionato: ventinove in tredici gare. Da difensore, quali devono essere gli aspetti che devono essere migliorati?
«Siam partite bene, ma poi ci siamo trovate in difficoltà, in particolar modo sulle palle inattive, ed è questo l’aspetto su cui dobbiamo lavorare molto. In ogni gara cerchiamo di non subire gol, ed è il primo modo per mettere la gara sui binari giusti».

Parliamo del match vinto 4-0 contro la Riozzese: secondo te quando hai capito che la 3Team avrebbe vinto questa gara?
«Quando abbiamo sbloccato subito la partita, ci siamo dette che era il momento di spingere, e che alla fine la gara sarebbe andata in discesa, e così è stato».

Domenica la 3Team andrà sul campo del Città di Brugherio. Che partita possiamo aspettarci secondo te?
«Sarà un incontro da non sottovalutare, perché ogni squadra ci può mettere in difficolta. Dobbiamo entrare con la testa giusta ed imporre subito il nostro gioco».

Quali sono le tue impressioni sul campionato lombardo di Eccellenza a due incontri dalla conclusione del girone d’andata? Le squadre che ti hanno sorpreso di più fino a questo momento?
«È un campionato divertente, dove ci sono diverse squadre che possono fare bene, ma anche di metà classifica che ti mettono in difficoltà. Non c’è niente di scontato. Mi ha sorpreso il Lecco che, come neopromossa, ha un ottimo gioco e penso che potrà fare bene quest’anno».

Dove può arrivare, secondo te, il calcio femminile lombardo?
«Il calcio femminile lombardo è più avanti rispetto ad altre regioni, penso che con ulteriori aiuti possa arrivare ancora in alto».

Che persona sei fuori dal campo?
«Sono una persona tranquilla, lavoro in uno studio notarile. Ho aperto un canale Youtube dove parlo di Filosofia».

Che obiettivi ti sei posta per i prossimi anni?
«A livello calcistico vorrei migliorare sempre di più, in modo da aiutare la squadra a raggiungere obiettivi importanti. A livello personale vorrei crescere dal punto di vista professionale».

La Redazione di Calcio Femminile Italiano ringrazia l’ASD 3Team Brescia Calcio e Rebecca Afriyie per la disponibilità.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.