Yoreli Rincón, numero dieci e fulcro di gioco della Sampdoria Women, ha recentemente rilasciato un’interessante intervista a Blu Radio. Diversi sono stati i temi affrontati dal talento colombiano, dalla Nazionale U17 colombiana allo sviluppo del calcio femminile. Partendo proprio dalla Selección U17, la giocatrice ha sottolineato quanto queste squadre giovanili abbiano qualità, tecnica e stile di gioco maggiormente sviluppati rispetto alle “las superpoderosas” del 2008.

Ciò dimostra dunque i notevoli progressi del settore giovanile femminile colombiano, i cui prospetti potranno in futuro scrivere la storia della nazionale seguendo le orme della stessa Rincón. “Sono già state campionesse in campionato, mentre a quel tempo noi eravamo 15 scappate di casa e basta. Hanno un grande viaggio davanti in un’età così giovane e con la maturità sufficiente per combattere in un campionato Sudamericano“, ha infatti dichiarato in merito la blucerchiata.

Parlando invece dello sviluppo del calcio femminile, l’atleta ha doverosamente sottolineato quanto tutti i campionati e le partite siano diverse tra loro. “Abbiamo visto progressi e una generazione più lucida perché, anche in così giovane età, hanno un campionato e una squadra in formazione“, ha successivamente aggiunto la Rincón, “Noi abbiamo giocato con i bambini, ma era troppo diverso. La crescita del calcio femminile è stata alta, con più livello e più tecnica“.

Al termine dell’intervista c’è stato poi spazio per un interessante ragionamento sulle differenze del calcio femminile odierno rispetto al passato: “Ci è sempre stato detto che a questa età siamo più veloci nell’esecuzione e nel controllo delle emozioni, quindi la mentalità ha una grande importanza“, ha aggiunto la giocatrice, “nelle donne è più avanzato, soprattutto in quell’età. Viene eseguito, compreso molto velocemente, ma non è un mio concetto, è qualcosa che dicono gli esperti“.

Anacaprese atipico, ho lasciato l’isola alla volta di Udine per seguire i corsi di laurea triennale in Mediazione Culturale. Durante gli anni in Friuli ho avuto modo di conoscere ed amare la cultura slovena inizando a seguire la Prva Liga. Iscritto attualmente al primo anno di Informazione ed Editoria presso l'Università di Genova, coltivo la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Responsabile della rubrica sportiva preso LiguriaToday, ho la fortuna di assistere dal vivo e raccontare gli incontri di alcune squadre della provincia di Genova. Nutro un forte interesse anche per gli eSports ed ho avuto modo di seguirne i match più importanti, intervistando alcuni dei suoi principali protagonisti.