La presidente della Divisione Calcio femminile della FIGC, Ludovica Mantovani, intervenuta ai microfoni de La Domenica Sportiva ha detto: “Ripartire penso sia stato importantissimo per tutto lo sport, sappiamo che il calcio è un po’ trainante e in Italia i più grandi investimenti avvengono da questo sport e ci saremmo auspicati di ripartire anche con il calcio femminile, la Federazione ce l’ha messa tutta, abbiamo proposto vari format e devo dire che siamo dispiaciuti di non essere riusciti nell’intento ma stiamo già programmando prima degli altri la prossima stagione e inizieremo con il calcio femminile la stagione 20-21, ma il calcio è giusto che sia ripartito per tanti motivi sociali ed economici”.

Ripartiamo con il professionismo?
“Intanto partiamo il 22 agosto e all’inizio di luglio con l’iscrizione ai campionati, abbiamo lavorato per tutto l’anno per preparare delle licenze che sono molto più stringenti, i club dovranno fare uno sforzo superiore in questo momento di emergenza. Questo, in vista di un percorso che si avvia verso il professionismo nell’anno 2022-2023. Abbiamo sempre parlato di tre anni minimi per poter arrivare ad una sostenibilità, per cui ora ci preoccupiamo per capire bene quali aiuti arriveranno dal governo, investire e suddividere bene i fondi Fifa dal calcio base fino alla Serie B e alla Serie A, per avere un piano economico-finanziario e far sì che questo professionismo arriva in maniera graduale e arrivi anche per poter essere sostenibile negli anni”.

Sulla Juventus Femminile?
“Hanno vinto il terzo Scudetto per cui complimenti alla Juventus che sta facendo tantissimo per il calcio femminile. E’ una società che ha investito e comunque sviluppa tantissimo anche il settore giovanile, come anche altre, ma diciamo che è un po’ un esempio come la partita che si giocò contro la Fiorentina all’Allianz Arena con 40 mila spettatori, è stato uno spot per noi importante. Non vedo l’ora di vederle nel nuovo format della Supercoppa a gennaio perché si scontreranno le prima quattro di quest’anno per cui avremo chiaramente la Juventus, la Fiorentina, il Milan e la roma e mi auguro che anche quello sia un evento e vedremo anche lì se riuscirà a stupirci”.