La 15° di campionato si chiude con la sconfitta per la capolista ad Empoli e di fatto riapre il campionato, soltanto 13 le reti di cui 8 in casa e 5 in trasferta.

L’ Empoli di Ulderici chiude il record di imbattibilità della Juventus, che cade al Petroio per 2 reti a 1, e riporta speranze alle rivali: che ringraziano. La partenza delle padrone di casa in doppio vantaggio in soli sei minuti con Valeria Monterubbiano e Cecilia Prugna tengono bene il primo tempo contro una capolista sprecona e poco precisa nelle finalizzazioni. La ripresa porta le undici di Montemurro a provarci con Hurtig e Girelli ma senza risultati, con l’ingresso di Boattin la Juve accorcia e si procura anche il rigore che potrebbe portare al pari, ma dagli undici metri, Girelli spara sul portiere e lascia tre preziosi punti sul campo. Sabato ci sarà la Roma a Vinovo è le bianconere sono chiamate a dare il meglio, se non vorranno pregiudicare il vantaggio di più tre, proprio sulle giallo-rosse: in seconda posizione.

La Roma gioca contro l’ Inter con la sconfitta Juventina già scritta sul tabellone delle Tre Fontane, e quindi Spugna capisce che la riscossa e la vittoria di quest’oggi è molto importante per il proseguo del campionato. Gara molto equilibrata e che trova solo allo scadere del primo tempo, da un calcio di rigore, la rete di Andressa Alves da Silva. Ripresa che condanna l’ Inter, con il 2 a 0 di Manuela Giuliano dopo appena tre minuti. Guarino effettua i campi: entra il gioiello Ajara Nchout ma la gara resta molto nervosa e la Roma è brava a capitalizzare il risultato e la vittoria.

L’attesa sfida tra la seconda e la quarta: il Sassuolo ed il Milan si chiude con uno zero a zero che giova solo alla Roma, ed in chiave scudetto alla capolista, lasciando alle rivali campo aperto per un posto in Champions. La gara ha visto la partenza fulminea del Milan di Ganz, dove nei primi minuti grazie alle imbeccate di Thomas, fallo al limite area da ultimo uomo, ed espulsione diretta di Benedetta Orsi. Il Sassuolo di Piovani è costretto a rivedere il modulo e a giocare i 10 per tutto il resto del match. Lemey senza ombra di dubbio la migliore in campo per le nero-verdi che grazie alle sue prodezze salva il risultato in più occasioni. Il Milan perde l’occasione dell’aggancio, e resta dietro, mentre il Sassuolo prosegue per la corsa alla seconda posizione, ma con la Roma sempre agguerrita morde la Juve. Un campionato molto bello, e forse dopo questa giornata, un pò più aperto.

La Fiorentina si pregiudica, contro la Lazio, una posizione in classifica: che ritorna in quella zona poco fluida e con sette gare ancora da disputare e molte perplessità sia nel gioco che nella permanenza di Patrizia Panico alla guida delle gigliate. Viola che passano in vantaggio alla mezz’ora con Veronica Boquete, per essere riprese due minuti più tardi dalla bella rete di Noemi Visentin. Daniela Sabatino riporta fiducia nella ripresa, finno allo scadere, poi uno svarione difensivo lascia sempre al piede della Visentin la rete del 2 a 2 che porta un punto alle aquile e l’amaro in bocca alla Fiorentina. Un pareggio che non giova a nessuno ma che fà scivolare le viola in una posizione molto scomoda, adesso non ci sarà più tempo di fare sbagli, occorre riprendere il buon gioco visto in trasferta contro la Juve se si vuole restare in questa categoria.

Ottima gara della Sampdoria, che passa sul difficile campo del Pomigliano, per 1 a 0. Le ragazze di Cincotta passano in vantaggio con Stefania Tarenzi alla mezz’ora e sono brave ad amministrare la gara a loro favore fino ai tre fischi dell’arbitro. Punti preziosi per le blu-cerchiate che salgono a più sei proprio dalle Pantere del Pomigliano. Campane che con questa seconda sconfitta di fila restano a quota 16 e con la Fiorentina, ed Empoli, a solo una lunghezza.

Il Napoli ritrova i tre punti contro il Verona. Partita sulla carta semplice, ma sul campo rivelatasi ostica per le partenopee, anche in gol al 17’ con Romina Pinna, due minuti più tardi le padrone di casa ritrovano la parità con Michela Ledri, la centrocampista dell’ Hellas che buca Baldi. Ma è ancora Pinna, con la sua doppietta di giornata a riportare la gara in avanti per le ospiti, ed ha chiudere il primo in tempo in vantaggio. Ripresa che per le ragazze di Giulia Domenichetti nonostante una buona intensità di gioco non ha cambiato il risultato ed ha portano le partenopee a rilanciarsi in graduatoria ed abbandonare la terzultima posizione. Con un Hellas, ormai condannata alla serie cadetta, il Napoli con questa vittoria (grazie anche al pareggio della Lazio sulla Fiorentina) si porta ad ridosso proprio dalle viola e vicino al Pomigliano che cade contro la Samp, le prossime gare saranno fondamentali per la zona bassa di classifica.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.