Trasferta davvero importante per il Milan che Sabato 29 Marzo affronterà al Tre Fontane la seconda della classe, ovvero la Roma di Mister Spugna. 

Una partita che arriva proprio dopo l’imbarcata di goal presa nella semifinale di Coppa Italia dalle rossonere contro la Juventus sul proprio terreno di gioco del Vismara, che ha ampiamente compromesso anche il cammino in questa competizione.

Un Milan perciò che a questo punto ha come unico obiettivo della stagione il secondo posto in classifica per un piazzamento in Champions per il prossimo anno, seconda piazza attualmente occupata dalla stessa Roma. 

Dunque la trasferta nella capitale ricopre una sorta di spareggio o di ultima spiaggia per le rossonere di Maurizio Ganz, per cercare di tenere vivo almeno il sogno europeo per la futura stagione e allo stesso tempo, un riscatto per la bruttissima prestazione finita in goleada contro le bianconere delle Juventus.

A conti fatti, c’è da dire che la matematica almeno è dalla parte delle rossonere, che nei 90 minuti regolamentari non hanno mai perso contro le giallorosse, anche se lo scorso anno furono proprio le lupacchiotte nella finale di Coppa Italia a vincere e battere il Milan ai calci di rigore, e ad aggiudicarsi l’ambito trofeo.

Ora come ora, le meneghine si presentano a questo incontro come la squadra più debole sulla carta, ma sappiamo che nel calcio la palla è rotonda e tutto è possibile. Le due formazioni giocano in modo speculare, infatti sono fra le prime due squadre in Italia ad aver portato a referto il maggior numero di attaccanti della propria rosa, e sono entrambe due formazioni che antepongono il gruppo alle soliste.

Sarà perciò importante in chiave di lettura come Longo e Thomas potranno impensierire una delle difese meno battute del campionato, dall’altra parte allo stesso modo sarà molto importante per il Milan amministrare le incursioni in particolare di Glionna sulla corsia di destra per le punte centrali romaniste.

Insomma, sarà una partita nella partita, dove sicuramente si scontreranno fortemente la voglia pazza della Roma di continuare a fare bene in questo campionato, caricata poi dal proprio pubblico e opposta alla voglia di riscatto delle meneghine che hanno forse l’ultima occasione per non farsi scivolare di mano la rincorsa a questo benedetto secondo posto in classifica.

Credit Photo: Andrea Amato

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.