Arrivati alla 16ma giornata del Campionato Italiano, in attesa del recupero del Big-Match Milan-Fiorentina e degli incontri di Coppa Italia, ci concentriamo sull’Algarve Cup di scena in Portogallo, dove troviamo la nostra Nazionale come invitata dopo 12 anni di assenza. Gara d’esordio, giocata mercoledì 4, che ha visto la vittoria in rimonta sulle padrone di casa del portogallo, garantendo l’accesso alla semifinale contro la Nuova Zelanda, vinta a che questa con un netto 3-0 (oltre ad un rigore parato), con accesso alla Finale contro la Germania.

In attesa della semifinale e di conoscere le decisioni del Governo circa i recuperi ed eventuali rinvii o partite a porte chiuse, causa virus, analizziamo l’andamento del Campionato fino alla metà del girone di ritorno, a 6 gare dalla conclusione.

  • Capolista del campionato, con 9 punti di vantaggio (in attesa del recupero tra Milan e Fiorentina), troviamo la Juventus. Squadra bianco-nera che ha continuato a produrre un gioco dinamico e organico tra i reparti, anche grazie ai gol della Capocannoniera Girelli, ai rientri dagli infortuni di Bonansea, Rosucci e Salvai, senza accusare l’abbandono di Aluko di fine anno.
  • Al secondo posto troviamo Milan e Fiorentina. Formazione milanista che, con l’innesto di Thorvasdottir a gennaio, ha guadagnato peso offensivo grazie ai 5 gol (pari a Conc), seconda solo a Giacinti (9 gol) nella classifica interna dei marcatori. Formazione che da’ il meglio di se’ nei secondi tempi con 27 marcature dei 35 segnati in stagione realizzati nella ripresa. Difesa molto solida con 15 gol subiti (pari-merito con la Fiorentina) e secondi solo alla Juventus che guida con 10 gol subiti.
    Fiorentina, che dopo un inizio lievemente stentato nelle prime giornate, complici anche gli infortuni che hanno colpito specialmente il reparto offensivo, ha ritrovato il proprio gioco, riposizionandosi nella zona alta della Classifica, inseguendo il titolo. Orfane di Clelland, con Mauro spesso ferma in infermeria, hanno ritrovato una Bonetti in splendida forma e avida di gol. Con i suoi 12 centri (30% di quelli della Fiorentina) sta trascinando la formazione viola all’inseguimento del titolo.
  • Al terzo posto, distaccata di 1 punto, troviamo la Roma. Formazione che si è ritrovata dopo le prime due giornate dove sembrava aver smarrito la propria identità di gioco. Adesso porta in campo tanto dinamismo tra i reparti, grazie alla grande qualità del centrocampo ed alle tante giocatrici andate a segno (11 giocatrici in totale), guidate da Thomas con 9 gol, sempre più protagonista del fronte offensivo romanista.
  • Distaccata di 10 punti, a quota 24, troviamo la Florentia San Gimignano, ormai non più definibile rivelazione, ma conferma ad ottimi livelli. Formazione che può vantare di aver bloccato sul proprio campo la Capolista Juventus (unica partita senza gol), il Milan e la Roma nel girone d’andata. Qualche giornata storta alla fine del girone d’andata hanno rallentato la corsa in classifica. Nonostante il saluto di Kelly (capocannoniera della squadra fino a quel punto) e di Orlandi qualche giornata prima, il team e lo staff hanno saputo ritrovare la fiducia di squadra e il proprio gioco, tornando a fare risultati dopo la sosta natalizia.
  • Subito dietro segue il Sassuolo che grazie ad un sistema di gioco 3-5-2 di base, ma molto dinamico, dove ogni giocatrice è a disposizione della squadra e partecipe in ogni fase, possono vantare una buona classifica, con risultati simili alle prime del Campionato. Hanno inoltre un ottimo potenziale offensivo guidato da Sabatino con 12 gol, al pari di Bonetti della Fiorentina in classifica marcatori generale (41% delle marcature di squadra).
  • Inter ed Empoli inseguono distaccate a 19 punti, entrambe con risultati altalenanti nelle ultime giornate.
    per la formazione milanese, dopo due buoni risultati contro Verona ed Empoli, hanno combattuto nel derby uscendone però sconfitte, subendo poi due risultati pesanti e deludenti contro Juventus e Bari. Anche con gli innesti di Nyman e Bartonova, il gioco stenta a decollare e la squadra sembra volte in difficoltà ed affidata solo ad individualità.
    Ugualmente la formazione toscana, dopo la vittoria contro il Milan e la buona prestazione contro Juventus, esclusa la vittoria contro Orobica, sono arrivati risultati meno convincenti contro Inter, Roma e specialmente contro Tavagnacco nell’ultima giornata (risultato recuperato solo nel finale di gara).
    Entrambe si organizzeranno e ritroveranno in proiezione delle ultime 6 giornate di Campionato, portando sempre più agonismo in campo.
  • Segue il Verona in carenza di risultati e della vittoria che manca da 7 giornate, nelle quali ha portato a casa solo un pareggio contro la diretta inseguitrice Bari. In carenza di gioco, si affida principalmente a Glionna e Cantore, spesso però costrette a scendere troppo basse per esprimere le proprie caratteristiche.
  • Bari, ad 1 punto dalla formazione veronese, si conferma una formazione combattiva e mai doma in ogni partita. Sempre pronte e vive in ogni fase della gara, portando in campo un forte pressing che spesso mette in difficoltà il gioco avversario, specialmente se non ben organizzate. Inoltre, con il mercato invernale, hanno aggiunto peso offensivo e fisico alla squadra.
  • Tavagnacco, con 10 punti, uno in meno della squadra pugliese, porta in campo grinta e voglia, ma spesso si ritrovano prive di impostazioni di gioco e senza idee, affidandosi alle giocate occasionali più che ad un vero concetto di gioco. In generale sono sempre una formazione difficile da affrontare per la grinta che portano in campo.
  • Chiude la Classifica Orobica con 1 punto, formazione in difficoltà di gioco, specialmente nel reparto difensivo. Nel reparto offensivo, con l’innesto di giocatrici nel mercato invernale, si è vista qualche occasione in più, ma non ancora sufficiente per migliorare il gioco della squadra. In generale è una formazione priva di identità di gioco e dei dinamismi fondamentali di reparto, specialmente nella zona arretrata.

Campionato che si conferma sempre più avvincente, in continua ascesa, indirizzato verso un finale di stagione, tutta da seguire in ogni zona della Classifica:

  • Chi vincerà il titolo 2019/2020?
  • Chi conquisterà il secondo posto per l’accesso alla Champions League?
  • Chi sarà la Capocannoniera 2019/2020?
  • Chi rimarrà nella massima Serie?
  • Chi vincerà la Coppa Italia?

Gli ultimi mesi di Campionato, in attesa della Finale dell’Algarve Cup che vedrà la nostra Nazionale affrontare la Germania, ci forniranno le risposte ad ognuna di queste domande.

Versatile ed eclettico, seguo con passione e dedizione ogni progetto al quale mi dedico. Pronto a raccogliere ed affrontare le sfide professionali che si configurano con tutta l'attenzione e la dedizione possibile, sempre con la massima positività. Attento alla gestione di gruppi di lavoro con la convinzione di portare benefici e risultati alle mie attività professionali.