Credit Photo: Domenico Cippitelli

La AS Roma vince anche a Sassuolo, dopo una gara durissima ben interpretata dalla padrone di casa, con un goal segnato dopo un cross in area di Glionna, girato in rete dal suo capitano Elisa Bartoli che al 93′ sigla così il goal della importantissima vittoria, ma andiamo con ordine e riavvolgiamo un attimo il nastro.

La partita vede le due squadre battagliare in campo, con un Sassuolo orfano di Clelland e non solo, che si batte alla pari per tutto il primo tempo, contro una AS Roma che non gioca il suo migliore calcio e che non trova in Lazaro quello che si aspettava, la madrilena, in questa stagione ancora a secco di goal non incide sulla partita come seconda punta al fianco di una Giacinti anche lei abbastanza sotto tono. Mentre sulle due corsie di destra e sinistra sono brave le ragazze del Sassuolo a sbarrare la strada di Serturini e mettere la museruola a Haavi che non riesce ma a smarcarsi ed essere brillante come in tutte le altre partite fin qui giocate da quando è arrivata nella capitale.

Goldoni si divora un goal per il Sassuolo, e oltre a contenere le giallorosse non disdegna di farsi vedere nella metà campo romanista, cosi la ripresa finisce con uno sterile 0-0.

Nella ripresa mister Spugna opera ben tre cambi, le lupe prendono sempre più possesso dell’area avversaria, ma non riescono mai a produrre un tiro degno di nota, anche perchè il Sassuolo di Piovani gioca una grandissima partita di resilienza difensiva, la squadra rimane sempre molto ordinata e rompe tutte le trame di gioco che sia Giuliano e Greggi provano ad impostare. A questo punto come già successo anche nei preliminari di Champions e in campionato, le lupe si appoggiano molto alle invenzioni e sgroppate sulla corsia di destra di Glionna, ma anche lei oggi viene sempre respinta della diga del Sassuolo che sembra aver parcheggiato il pullman davanti alla propria porta, tanto che i supporter locali prendono a gran voce a sostenere le proprie giocatrici e al 90′ pensano che il peggio sia passato e che dopo aver fermato sempre sul punteggio di parità la Juventus, in questa stagione le neroverdi possano fermare il freccia rossa giallorosso, ma nei minuti di recupero, ben 6 assegnati dall’arbitro per i tanti infortuni e scontri di gioco avvenuti durante la partita, Bartoli al 93′ nell’ennesima mischia in aria si inventa questo goal più che bello, tanto pesante che vale oro. Per il morale delle ragazze, che giovedì ospiteranno a Latina la prima gara di Champions quanto per la classifica, per non perdere terreno utile dall’Inter in grandissimo spolvero, che ieri ha travolto il Milan nel derby.

Dispiace per mister Piovani e per le sue ragazze, che fino a qui assieme alla Juventus sono state le uniche a mettere in seria difficoltà quella macchina da goal che è la AS Roma di quest’anno, sia versione europea che italiana.

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.