Photo Credit: Marco Montrone

Nell’ora più complicata, la Sampdoria Women proverà a ripartire dal Ferraris per chiudere con un successo questo 2022 ricco di gioie, successi, qualche ostacolo e nuove sfide. Supportate dai propri tifosi, per i quali l’ingresso sarà gratuito a partire dalle ore 11.00 al primo anello Distinti, le blucerchiate avranno infatti la possibilità di vincere la loro prima storica partita in uno stadio che, fino a questa domenica, ha visto giocare solo la Samp e il Genoa maschili. Seppure questa incredibile conquista per il calcio femminile italiano sia stata possibile anche grazie all’interruzione della Serie A per via dei Mondiali, la speranza è che non si tratti di un unicum.

Riuscire a garantire con assiduità alle squadre femminili la possibilità di giocare in stadi del genere, abbandonando così i campi d’allenamento o gli impianti minori, sarebbe infatti un ulteriore e fondamentale passo in avanti per il movimento, nonché un doveroso riconoscimento agli sforzi e al lavoro di ciascuna calciatrice. Ad ogni modo, in previsione dell’attesissima sfida contro il Como WomenStefania Tarenzi ha dichiarato che “la squadra è pronta a reagire e a dare tutto in questo meraviglioso stadio“. Il capitano blucerchiato, impaziente di ritornare in campo quanto prima dopo l’infortunio, ha dunque caricato le compagne alla sua solita maniera, dimostrando di essere un vero leader anche  fuori dal campo.

Ci accingiamo a disputare una gara molto importante. Siamo onorate di poter calcare per la prima volta in assoluto un palcoscenico così prestigioso“, ha poi dichiarato l’attaccante nel corso di un’intervista ad hoc rilasciata sui canali ufficiali della Samp. “L’apporto dei nostri tifosi farà sicuramente la differenza: sono convinta che il nostro uomo in più sugli spalti ci condurrà alla vittoria“, ha poi continuato, invitando il popolo blucerchiato al Ferraris e sottolineando infine l’importanza dei tre punti per uscire da un periodo complicato, “arriviamo da un momento molto difficile, ma vogliamo reagire e cercheremo di portare a casa il risultato a tutti costi!“. Dunque, nell’attesa di questa sfida storica, non resta che cerchiare in rosso sul calendario il prossimo 11 dicembre e prepararsi per il fischio d’inizio alle 12:30.

Anacaprese atipico, ho lasciato l’isola alla volta di Udine per seguire i corsi di laurea triennale in Mediazione Culturale. Durante gli anni in Friuli ho avuto modo di conoscere ed amare la cultura slovena inizando a seguire la Prva Liga. Iscritto attualmente al primo anno di Informazione ed Editoria presso l'Università di Genova, coltivo la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Essendo stato, in passato, responsabile della rubrica sportiva presso LiguriaToday, ho avuto la fortuna di assistere dal vivo e raccontare gli incontri di alcune squadre della provincia di Genova. Nutro un forte interesse anche per gli eSports ed ho avuto modo di seguirne i match più importanti, intervistando alcuni dei suoi principali protagonisti.