Lo scontro tra le biancoazzurre e le veronesi, nonostante il pareggio, ha segnato una serie di eventi positivi, tra i quali l’esordio in goal di Martina Tamburini, l’attaccante 2002 in prestito dalla Jesina ed approdata proprio questa stagione tra le sammarinesi.

Una tra le protagoniste dell’ultima sfida, quindi (anche se la partita la fanno tutte), segnando da dischetto dopo un rigore concesso; la felicità nelle sue parole: “sono molto contenta di aver fatto questo primo goal, è stato molto cercato. Sono stata contenta di aver dato una mano alla squadra, anche se purtroppo non è finita nel modo in cui volevamo.”, ed a proposito del rigore ottenuto: “è stata una bella azione di squadra, perché comunque partita dopo partita stiamo migliorando sotto il punto di vista di ogni singola giocatrice ma soprattutto come squadra, quindi sono contenta per la bella azione che ha portato al rigore.”

Che cosa rimane per continuare con entusiasmo?Dobbiamo pensare da dove siamo partite e dove siamo ora. Sicuramente abbiamo fatto nel giro di breve tempo un miglioramento penso visibile a tutti, quindi dobbiamo ripartire da qui. Non è il risultato che volevamo e non abbiamo tutti i punti che volevamo e che, secondo me, meritavamo, però dobbiamo ripartire da qui e testa alla prossima. Voglio dedicare questo goal alla mia famiglia che mi è sempre stata vicino e che mi ha sempre supportato“.

Nata a Cagliari, del '97. Perito industriale capotecnico, insegnante tecnico pratica di chimica con il calcio e la pallavolo nel cuore fin da quando ero bambina. Difficilmente mi perdo una partita (di genere maschile o femminile che sia): con le ragazze della nazionale femminile ho imparato ad apprezzare ancora di più questo sport. Quella per la musica è un'altra mia forte passione.