La ventunesima giornata di Serie B è andata agli archivi, e sono giunte nuove e interessanti indicazioni.

La Pro Sesto riapre la lotta per la promozione e per la salvezza, fermando sul pari il Brescia che centra il secondo pareggio consecutivo fuori casa in campionato. Come abbiamo scritto poc’anzi questo 1-1 vale tanto per il primo posto della B, perché il vantaggio delle biancoblù ora si riduce a quattro lunghezze sul Como, che piazza la terza vittoria consecutiva stagionale, espugnando il campo di una Pink Bari che vede sfumare sempre di più l’obiettivo promozione, e a sette punti c’è la sorpresa Cortefranca che vince per la sesta volta di fila, imponendosi in casa del Cesena, e per le rossoblù, dopo aver quasi centrato la salvezza, potrebbero aprirsi scenari che, fino a poco tempo fa, erano a dir poco immaginabili.

Le sestesi però hanno anche riacceso la bagarre per rimanere in Serie B. Prima di tutto le biancazzurre vede ridursi il vantaggio sul Ravenna di tre punti, poiché le ravennati hanno perso contro il Chievo Verona a tempo quasi scaduto, non riuscendo nemmeno a prendersi quel punto che sarebbe stato oro per il loro percorso, e poi e a quattro c’è la Torres che ha dovuto lasciare il passo al Tavagnacco che torna di nuovo a sorridere, conquistando quei tre punti che sono pesanti sia per il morale che per la classifica.

Ma attenzione perché si è rifatto sotto il Palermo, visto che le rosanero hanno battuto la Roma Calcio Femminile e sono salite sull’ultimo treno per cercare di salvarsi, mentre le lupacchiotte, dopo essersi salvate lo scorso anno all’ultima giornata, potrebbero cominciare a salutare la cadetteria dopo quasi dieci anni di permanenza, ma sicuramente le giallorosse onoreranno questa ultima parte di campionato nel migliore dei modi.

Chiudiamo col Cittadella che conquista altri tre punti battendo per 1-0 il San Marino Academy. Le padovane, dopo un momento difficile, sembrano aver di nuovo rimesso la stagione sui binari giusti, tornando nella parte sinistra della classifica. Invece, per le sanmarinesi questa sconfitta rappresenta, insieme a quella della Pink Bari contro il Como, il leitmotiv del loro campionato: una grande squadra con tante individualità di qualità, ma che alla distanza ha mostrato di essere molto discontinua nei risultati, ed essere continui è la prima cosa che serve ad una squadra che aveva, come obiettivo finale, il ritorno in Serie A.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.