res-women-claudia-palombi

Finisce con una sconfitta esterna sul campo del Chieti il campionato della Res Roma, alla quale non sono bastate le due reti messe a segno ad inizio gara. Le giallorosse terminano la stagione in quarta posizione con 57 punti collezionati in classifica.

Il match

Mister Galletti a causa delle numerosissime assenze, su tutte quelle delle squalificate Nagni e Maurilli, è costretto a schierare una formazione del tutto inedita: Caporro tra i pali, Di Bernardino, Lommi, Liberati e Graziosi in difesa, Coluccini, Martino e Simeone a centrocampo e con Le che agisce alle spalle dell’inedita coppia d’attacco Palombi-Di Guglielmo. 

La squadra di Di Camillo sblocca la partita nel giro di pochi minuti: la prima rete porta la firma di Cutillo. Poco dopo, Konany sigla il raddoppio. Prova a reagire la Res che sfiora il gol ben due volte, prima con Simeone e poi con Le; al minuto 26 la traversa nega la gioia del gol a Palombi mentre alla mezz’ora è il portiere abruzzese a bloccare la centrocampista. Al trentasettesimo Palombi, grazie ad un’ottima azione individuale, accorcia le distanze e trascina le compagne sul 2-1.

La seconda metà procede a ritmi altissimi: per le padrone di casa ci provano Cutillo e Di Camillo, la Res risponde con Coluccini. Al 27′ Le pareggia i conti mettendo la palla direttamente nell’incrocio dei pali. Ciò nonostante, le padrone di casa non demordono e si riportano in vantaggio grazie a Stivaletta e la partita diventa sempre più avvincente: due minuti dopo Palombi colpisce il palo, sulla ribattuta Simeone colpisce la traversa, la palla oltrepassa la linea ma l’arbitro non concede il gol alle romane. Nei minuti finali l’attaccante 1997 sfiora ancora il gol, emulata subito dopo da Coluccini ma la difesa del Chieti resiste e al triplice fischio esplode la gioia al Viale Abruzzo: le nero verdi si portano a -2 dalla capolista Trani.

Le dichiarazioni di Claudia Palombi

Al termine della partita l’attaccante giallorossa, Claudia Palombi, ha rilasciato delle dichiarazioni. Di seguito, le sue parole: “Abbiamo giocato come dovevamo e non abbiamo nulla da rimproverarci: purtroppo anche stavolta abbiamo dovuto fare i conti con le decisioni arbitrali e con la sfortuna. Chiudiamo la stagione a testa alta.”

 

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.