lnd-femminile-generico-campo-eccellenza-dilettanti

Il Dipartimento Calcio Femminile nei giorni scorsi ha reso noto la tabella punteggi per gli eventuali ripescaggi nel Campionato Nazionale di Serie C delle società non aventi diritto per la stagione sportiva 2023-2024.
Non verranno prese in considerazione, e non concorreranno alla formazione della
rispettiva graduatoria, le domande avanzate da società che hanno già usufruito di ripescaggio nella stagione 2022/2023. Inoltre non saranno ritenute valide le domande avanzate da società sanzionate per illecito sportivo nelle ultime tre stagioni
sportive oltre che le domande avanzate da società che non hanno maturato almeno tre anni di affiliazione alla F.I.G.C. e le domande presentate da società che nel corso della stagione hanno rinunciato all’effettuazione di una gara.

Per l’assegnazione dei punti per stabilire le squadre da ripescare sarà tenuta in considerazione la posizione in classifica nel campionato di eccellenza 2022/2022.
Alla seconda classificata attribuiti punti 5, alla  terza 3 e alla quarta 1.
Importante il piazzamento anche per il premio disciplina dove la  prima avrà punti 12, la seconda 8, la terza 6 e la quarta 4.
Per la partecipazione ad ogni campionato del Settore Giovanile con diritto di classifica i punti saranno invece 5 mentre per la partecipazione alla Coppa Italia 2022/2023 per l’accesso al primo turno nazionale 3 punti e per ogni ulteriore turno 2.
Per i club con anzianità federale di almeno cinque anni di ininterrotta affiliazione alla F.I.G.C pronti altri 3 punti mentre per il bacino d’utenza del  comune di sede della società per le città capoluogo di regione 7 punti, capoluogo di provincia 5, per i comuni con popolazione non inferiore ai 10 mila abitanti 3 e superiore ai 5 mila 2.
Per l’impianto sportivo possibilità di altri 3 punti per i campi con indicazione di capienza e 1 senza. Non sarà assegnato alcun punteggio a quelle società che abbiano giocato, in deroga, su impianti aventi sede in comuni diversi e che non rispettano le disposizioni previste dal regolamento impianti sportivi.
Inoltre per ogni anno di appartenenza al campionato nazionale 3 punti mentre 2 per ogni anno di appartenenza al campionator regionale.
Previsti anche dei ‘malus’.
Per ogni squalifica del campo per una gara- 2 punti come per ogni punto di penalizzazione in classifica.
Da 101 punti a 200 punti di penalizzazione nella Coppa Disciplina– 3, che diventano 5 per le penalizzazioni da 201 punti a 300 e 7 per quelle da 301 punti a 400 addirittura 7 per passare ai 9 per quelle da 401 punti a 500 e finire a 12 per oltre i 500 punti di penalizzazione.