L’aggettivo che meglio potrebbe addirsi alla stagione dello Spezia Femminile è altalenante. Con 3 vittorie e 3 sconfitte nelle prime sei giornate ed un settimo posto in classifica a 9 punti, infatti, le aquilotte appaiono come una squadra dall’enorme potenziale a cui manca ancora un po’ per arrivare al livello delle più esperte del girone.

A dimostrazione di ciò, è utile ricordare che le tre partite perse sono state disputate proprio contro le attuali prime tre formazioni del girone A: 3 – 0 contro il Pavia Academy 1911 (terza in classifica) lo scorso 24 ottobre, 2 – 0 contro l’Arezzo (seconda in classifica) il 7 novembre ed il 4 – 0 subito dalla capolista Pinerolo domenica scorsa, 14 novembre.

In altre occasioni, però, le spezzine hanno dimostrato al meglio le proprie capacità, riuscendo perfino ad andare oltre alla classica vittoria di misura. È questo il caso del match casalingo dello scorso 31 ottobre contro il Real Meda, vinto 5 – 1 grazie alle reti di Andersson Wilma, Brundo, Tiandra Andersson ed alla doppietta di Carlotta Buono.

La prossima sfida sarà la trasferta di domenica prossima, 21 novembre, contro il Pontedera Femminile allo Stadio Mannucci. Vincere permetterebbe alle liguri di ripartire al meglio dopo le ultime due sconfitte consecutive e tornare a scalare la classifica. Nulla è impossibile, ma occorrerà lottare con tutte le energie nervose e fisiche per strappare i 3 punti a delle avversarie che, di certo, non molleranno facilmente, soprattutto in casa.

Anacaprese atipico, ho lasciato l’isola alla volta di Udine per seguire i corsi di laurea triennale in Mediazione Culturale. Durante gli anni in Friuli ho avuto modo di conoscere ed amare la cultura slovena inizando a seguire la Prva Liga. Iscritto attualmente al primo anno di Informazione ed Editoria presso l'Università di Genova, coltivo la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Essendo stato, in passato, responsabile della rubrica sportiva presso LiguriaToday, ho avuto la fortuna di assistere dal vivo e raccontare gli incontri di alcune squadre della provincia di Genova. Nutro un forte interesse anche per gli eSports ed ho avuto modo di seguirne i match più importanti, intervistando alcuni dei suoi principali protagonisti.