Vittoria pesante per la formazione rossoverde che si allontana dalla zona playout. Il 21 aprile nuovo recupero contro lo Spezia.

Vittoria pesante per la Ternana Women che nel recupero del  match della tredicesima di andata contro il Real Meda si impone 2-0. Punti pesanti a caccia della salvezza per la formazione di Schenardi, arrivata a questa sfida col recupero di Clemente, partita in panchina ma senza Pacheco, Zorzetto (ex di turno) e Spagnoli. Il 21 aprile rossoverdi in campo ancora in casa contro lo Spezia, rinviato domenica per le giocatrici in Nazionale del club ligure: vincendo ci sarebbe l’aggancio in classifica.

Gara durissima, sbloccata solo nel finale. Restano, tutti quanti, i problemi in fase offensiva delle rossoverdi ma serviva vincere e così è stato. Decisivi i cambi, soprattutto l’ingresso dell’andorrana Ruzafa, al primo centro con la Ternana.

La Ternana tiene in mano il gioco ed ha almeno tre occasioni pericolose. Al 5′ passaggio filtrante al centro di Quirini per Timo, palla in mezzo, Cianci la raccoglie e scappa ma viene contrastata prima del tiro. Poco dopo Battaglioli libera per Copia, ma il tiro è smorzato e Ripamonti para; rispondono le brianzole con Moroni, ma il tiro è centrale e Money para senza problemi.

Al 16’l’occasione più pericolosa per le Fere: Cianci ruba una palla in pressione, prova a calciare di sinistro, ma il tiro  non è sufficientemente forte e Ripamonti ci arriva. Poi le rossoverdi infilano una serie di corner ed un calcio piazzato al 35′: punizione di Timo per Proietti, cross in mezzo ma nessuna è pronta alla deviazione.

Il Real Meda parte meglio e dà l’impressione di poter segnare. All’inizio Roma crossa a tagliare l’area per Podda, Money intuisce e sventa il pericolo distendendosi e mandando in angolo. Subito dopo Arosio su punizione impegna Money. Al 6′ Podda pesca Money fuori dai pali e ci prova,  Gallea spazza di testa.

Entra Ruzafa e sale subito in cattedra. Al 16′ parte dai suoi piedi un pallone che esce dall’area a cercare Copia, con l’ex Pescara che manda alto di pochissimo. Ancora l’andorrana lancia in contropiede Proietti, ma il tiro è telefonato e Ripamonti para. A seguire Gallea conquista una punizione dal limite: Proietti batte a saltare la barriera, Ripamonti si distende e para.

Poi comincia di nuovo una passerella di corner e calci di piazzati per le rossoverdi. Subito colpo di testa di Gallea su tiro di Quirini, nuova deviazione. A seguire azione sull’asse Ruzafa-Botti-Proietti e Ripamonti in tuffo manda in angolo. Gallea ci prova di testa e manda alto. Al 42′ si sblocca il match: corner di Quirini, tocco di Proietti, palla respinta che torna a Quirini, la quale va già in area: rigore netto che batte Copia, spiazzando Ripamonti.

A questo punto le brianzole cercano in tutti i modi il pari ma lo fanno in maniera confusa e la Ternana ne approfitta per chiudere il conto. Il tiro di Botti alto di poco su cross di Copia al 1′ di recupero è il preludio al raddoppio: grave errore di Arosio che perde palla, Botti lancia in contropiede Ruzafa che tutta sola deve solo appoggiarla in rete.