Alessandro Spugna ha parlato al termine della sconfitta rimediata dalla Roma con il Milan in semifinale di Supercoppa Femminile.

Ecco le parole del tecnico giallorosso.

Un risultato che fa male, soprattutto per come è andata la gara. La Roma ci ha provato fino all’ultimo a recuperarla.
“Sì, fa male. È chiaro che le partite bisogna giocarle bene fin da subito. Nei primi 10-15 minuti l’avevamo anche iniziata bene, però poi ci siamo un pochettino disunite, ci siamo un po’ abbassate. Gli episodi dei gol sono da rivedere, ma sembravano situazioni facili da leggere. Nel secondo tempo abbiamo fatto una gara diversa, con mentalità, atteggiamento importante, riuscendo quasi a metterla a posto”.

“Sono entrate molto bene le ragazze dalla panchina, e questo è un aspetto molto positivo. Questa partita ci deve insegnare che l’intensità si sta alzando tanto. Oggi il Milan ha fatto una partita caparbia fin dal primo minuto. Bisogna lottare sempre”.

Ha cercato di dare una scossa tra primo e secondo tempo, anche nella ripresa stessa. Qual è la vera Roma?
“La vera Roma deve essere aggressiva, capace di provare a comandare sempre la partita, a prescindere dai ruoli e dai sistemi. Tutto deve partire dalla determinazione, dalla fame, di voler ottenere risultati in ogni partita. Altrimenti moduli e sistemi contano relativamente”.

Questo è l’insegnamento che la squadra deve portarsi dietro per il futuro?
“Sì, assolutamente. Ora dobbiamo continuare sulla strada già intrapresa. In campionato siamo al secondo posto, continuando a giocare con intensità. Poi c’è la Coppa Italia. Una Coppa Italia in cui vogliamo arrivare fino in fondo, provando a difendere il titolo conquistato la scorsa stagione. Però, ripeto, senza fame e determinazione sarà difficile”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here