Alle 9 di mercoledì, l’account ufficiale del club per la squadra femminile ha pubblicato un “tweet” che pubblicizzava la nuova gamma di allenamento. L’immagine mostrava il centrocampista Leah Williamson nel materiale promozionale per il nuovo kit, disponibile nello store ufficiale dell’Arsenal Direct insieme a una sfilza di altri articoli appena rilasciati. Ma l’attaccante inglese Beth Mead ha gettato ombra sul marchio e sul suo club, sostenendo che la sua squadra non riceve il kit di allenamento allo stesso modo degli uomini.

Sarebbe bello se avessimo davvero questo kit di allenamento”, ha scritto il 26enne, taggando Adidas e aggiungendo un’emoji per gli occhi.

Mead, che ha segnato una tripletta per l’Inghilterra nel 20-0 della Lettonia a novembre, ha poi cancellato il tweet poco dopo. Ma la bomba che ha lanciato ha suscitato molte reazioni da parte dei fan sui social media che l’hanno sostenuta nel parlare:

Il tweet di Mead ha suscitato una discussione sull’uguaglianza che ancora non c’era all’Arsenal, con citazioni della svizzera Lia Wälti dei Gunners che emergono riguardo alle giacche da inno per la finale di FA Cup. A volte l’Arsenal cerca di fare la cosa giusta, ma non sempre funziona e sembra un mezzo sforzo”, ha detto Wälti.

Nella finale di FA Cup avevamo giacche nuove ma solo nelle taglie M e L da uomo, quindi sembravamo dei sacchetti di patate.”
“È un bel gesto, ma non è stato pensato. Se fanno qualcosa, dovrebbero davvero farlo correttamente. Gli uomini dell’Arsenal non dovrebbero mai indossare una giacca tagliata da donna”.

Allo stesso modo, ci sono state enormi polemiche il mese scorso poiché la squadra di rugby femminile degli Harlequins era il kit maschile a Twickenham. I kit sembravano incredibilmente oversize e in seguito è emerso che Adidas li ha realizzati in “one fit”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here