I rapporti personali tra calciatrici e allenatori nel calcio femminile sono stati descritti come “inappropriati“, perché creano uno “squilibrio di potere” e possono portare a un “potenziale abuso delle giocatrici”. Ma esistono ancora in molti club dei primi due campionati in Inghilterra e diverse fonti che hanno detto a BBC Sport che tutti nel calcio femminile ne conoscono almeno uno.

Allora perché sono così comuni e dovrebbe essere permesso che accadano?

È un argomento tabù che ha contribuito al licenziamento di Mark Sampson da allenatore dell’Inghilterra nel 2017 e riguarda ancora i membri del consiglio di amministrazione del club della Super League femminile, gli allenatori e i giocatori con cui BBC Sport ha parlato.

Ed è una questione che è stata nuovamente dibattuta dopo il recente scandalo della NWSL americana, dove l’allenatore inglese Paul Riley è stato licenziato dal suo lavoro al North Carolina Courage a seguito di accuse di cattiva condotta sessuale con due giocatori, che lui nega.

Uno di quei giocatori – Mana Shim, che è stata allenata da Riley al Portland Thorns – ha dettoche sette degli otto allenatori maschi con cui ha lavorato avevano rapporti personali con i giocatori e una delle quattro allenatrici donne”.

“C’è uno squilibrio di potere che rende inappropriata qualsiasi relazione sessuale o romantica”, ha aggiunto. “Perché questa è la nostra norma?”

Domande simili sono state sollevate dopo che Sampson ha perso il lavoro dopo “comportamenti inappropriati e inaccettabili” con i giocatori nel suo ruolo alla Bristol Academy.

Ma poiché le relazioni giocatore-allenatore non sono illegali, finché non sono coinvolti minori, possono comunque accadere, anche se possono violare i codici di condotta.

Porta a molte aree grigie, non aiutate da una cultura del silenzio percepita nel gioco perché così tanti hanno avuto esperienze di prima o seconda mano di tali relazioni personali. Ecco perché ci sono richieste da parte di giocatori, allenatori e sindacati per un’ulteriore formazione su quella che è una questione estremamente delicata.

Quanto sono comuni le relazioni giocatore-allenatore?

“Non puoi fare a meno di chi ti innamori” è stata una frase usata in diverse occasioni nel corso della ricerca della BBC Sport – alludendo all’accettazione delle relazioni giocatore-allenatore nel calcio femminile e come spesso non ne causino problemi in una squadra

Vale la pena ricordare che la WSL non è passata al professionismo fino al 2011 e che il calcio, come molti altri sport, offre una grande opportunità di socializzazione ai giocatori dilettanti. Anche le relazioni tra giocatori dello stesso sesso sono comuni nel gioco.

La FA ha rifiutato di essere intervistata per questo articolo. Ma la direttrice del calcio femminile Sue Campbell ha dichiarato nel 2018 di considerare i rapporti personali giocatore-allenatore come “una preoccupazione” – ed è un’opinione condivisa da molti nel gioco – alcuni dei quali hanno parlato con BBC Sport in modo anonimo.

Quell’anonimato riflette il desiderio di non esporre amici o allenatori. Ci sono giocatori e allenatori che hanno avuto questo tipo di relazioni che giocano e lavorano ancora ai vertici del calcio inglese. Eppure diverse fonti si sono chieste se siano ancora appropriate e affermano che gli allenatori coinvolti possono mostrare un “pregiudizio inconscio” quando si tratta di selezione della squadra.

Un’altra fonte ha affermato che era “difficile controllare” le relazioni giocatore-allenatore nel calcio femminile, specialmente quando c’era molta interazione sociale al di fuori dell’ambiente della squadra. Ma ci sono segnali che gli atteggiamenti nei confronti del benessere dei giocatori stanno cambiando, forse riflettendo la crescente professionalità nel gioco.

I codici di condotta tra giocatori e dirigenti sono una condizione per i club che ottengono una licenza WSL e ogni club deve disporre di un ufficiale di tutela.

Un membro del consiglio ha anche detto a BBC Sport che avrebbero “considerato seriamente” se nominare qualcuno che avesse una relazione esistente con un giocatore a causa del “potenziale di interruzione”. E un certo numero di manager ha affermato di aver “fortemente incoraggiato” il personale a non perseguire relazioni sentimentali. Altri dicono che dovrebbe essere vista come un’area “vietata”, eppure succede ancora.

Perchè importa?

L’ex difensore dell’Everton, della Bristol Academy e del Leeds Alex Culvin ora lavora nelle relazioni con i giocatori presso l’unione globale Fifpro e ha scritto un dottorato di ricerca sul benessere dei giocatori nel calcio femminile.

Ha detto a BBC Sportche la protezione per i giocatori in Inghilterra e in altri paesi potrebbe essere migliorata. Fai sport professionistico fin da piccolo e diventi impressionabile“, ed ha aggiunto, “le dinamiche di potere sono molto evidenti e lo sfruttamento di quelle dinamiche di potere può e succede. Molto riguarda il pregiudizio subconscio o la manipolazione sottile dei giocatori o le dinamiche di potere, e il controllo e l’abuso dei giocatori. In una relazione giocatore-allenatore, non significa necessariamente che debba essere sessuale o addirittura fisica. In molti casi può essere emotivo o avere il riconoscimento per dire: Non mi sento a mio agio”.

Non sono nella posizione di dire a nessuno di chi possono e di chi non possono innamorarsi. Ma ciò che dovrebbe essere in atto sono strutture e linee guida molto chiare su ciò che costituisce la trasgressione, ciò che significa oltrepassare il segno. Dovrebbe essere così guidato dal giocatore. Penso che, al momento, ci sia una mancanza di chiarezza su ciò che costituisce ‘OK’ e che varierà da club a club, da cultura a cultura, giocatore a giocatore e persino associazione a associazione. Se riusciamo a ottenere qualche elemento in comune in tutto il consiglio di amministrazione e una migliore comprensione che è fondamentalmente basata sull’istruzione, i giocatori avranno un migliore riconoscimento di ciò che è accettabile”.

La FA ha detto a BBC Sport che “in generale, le relazioni tra allenatore e giocatore adulto non sono consigliate a causa del potenziale squilibrio di potere e dell’impatto sulla cultura e sulla dinamica della squadra”.

Ha aggiunto: “Queste sono solitamente questioni che i club devono gestire tramite codici di condotta e standard di comportamento previsti”.

Mentre la maggior parte dei giocatori probabilmente noterebbe gravi trasgressioni, ci sono ancora “microaggressioni” secondo Culvin, da qui la richiesta di linee guida più chiare e più istruzione. Culvin dice che questo è nell’agenda di FifPro.

La FA ha detto a BBC Sport di aver incoraggiatoqualsiasi giocatore che ha subito una cattiva condotta o un abuso a farsi avanti e segnalare le proprie preoccupazioni”, ma ha riconosciuto quanto possa essere difficile. L’organo di governo non ha fornito numeri sulla frequenza con cui sono state utilizzate le sue procedure di salvaguardia, oltre a dire che c’è stato un “flusso regolare di deferimenti” che rimangono confidenziali.

Allo stato attuale, i club sono incoraggiati a comunicare codici di condotta ai giocatori. Spetta ai club stessi stabilire i termini e controllare se vengono rispettati.

Ma diverse fonti hanno detto a BBC Sport che c’è incoerenza tra i primi due livelli del calcio femminile inglese, in relazione al fatto che un club sia strettamente legato alla sua squadra maschile.

La FA ha insistito sul fatto che sta lavorando per aiutare gli allenatori a “comprendere meglio i confini”, incluso “dove la linea è tracciata sulle battute”, e ha assicurato che gli allenatori siano tenuti a intraprendere un allenamento di salvaguardia ogni due anni, un cambiamento rispetto a ogni tre anni prima.

Dice anche che “riesaminerà” i codici di condotta prima della stagione 2022-23 come fa ogni campagna, ha “lavorato a stretto contatto” con la PFA per garantire che i giocatori della WSL e del campionato siano “ricordati dei percorsi per segnalare le preoccupazioni ” e ha sviluppato sondaggi anonimi sui giocatori.

La FA ha aggiunto: “C’è sempre più lavoro da fare per supportare una cultura incentrata sui giocatori nello sport e nel calcio e continueremo a guidare questo messaggio a ogni livello del gioco”.

Le storie stanno ancora emergendo. Un ambiente sicuro è fondamentale”, ha aggiunto. Le nostre voci devono essere ascoltate durante la conversazione ed essere centralizzate. Resta da vedere se le persone hanno imparato dalla situazione con Mark Sampson. Non significa solo sviluppare una politica e presentarla”.

La difficoltà è in realtà implementarla come parte di un cambiamento culturale. Hanno creato un sistema in cui i giocatori si sentono davvero al sicuro per uscire allo scoperto e parlare di problemi che potrebbero essere emersi?

Quindi penso che sarà fruttuoso per la FA pubblicare documenti simili a quello della NWSL per dare un’indicazione che lo stanno prendendo sul serio. Forse esistono già? Ma non l’ho visto pubblicato sui media nello stesso come ha fatto la NWSL.

C’è sicuramente molta strada da fare per proteggere gli interessi dei giocatori, non solo con la FA in Inghilterra, ma in tutto il mondo.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.