Durante questa quarantena forzata le calciatrici fanno quel che possono per continuare a calcare il terreno di gioco, anche se solo con la mente. Eugénie Le Sommer è tra queste, fuoriclasse dell’Olympique Lione e asso della nazionale francese. Nella pagina ufficiale dell’OL ha decretato quella che è la sua formazione ideale, non mostrando differenze tra calciatori e calciatrici.

“Facciamo un 4-3-3. In porta metto Barhez, mi piaceva il suo lato un po’ folle e il fatto che desse prova di sé sul campo, fregandosene dell’opinione degli altri. Come esterno destro Philip Lahm. Mi è piaciuto molto in questo ruolo e penso che in un certo senso abbia rivoluzionato il ruolo del terzino destro. Come laterale sinistro Sonia Bonpastor perché ho giocato con lei ed era una giocatrice formidabile, capitana sia sul campo che fuori. Come centrali difensive scelgo due mie compagne del Lione: Wendie Renard e Griedge Mbock Bathy. Wendie per la sicurezza che offre, gioca d’anticipo e con intelligenza, merita di essere arrivata dov’è oggi. Griedge è la forza pacata. Penso che sia importante non essere stressate e dimostrarsi sicure in quel ruolo e lei lo è”.

Per il centrocampo la giocatrice schiera veri e propri mostri sacri. “A centrocampo scelgo Pirlo, anche se è una dura lotta con Busquets, che mi piace altrettanto. Camille Abily come mezzala destra, è una calciatrice che ha lasciato il segno nel mondo del calcio femminile francese e non solo. Come mezzala sinistra schiero Zizou. Scelgo Zidane perché è stato lui a darmi l’ispirazione quando ero giovane e poi perché è grazie a lui se abbiamo vinto la finale dei Mondiali.”

Prosegue infine con il tridente d’attacco: “Ala destra… Mbappé. È un giocatore formidabile, ha una velocità di gioco incredibile, sa fare la differenza. Come ala sinistra Griezmann, è un giocatore che apprezzo molto sia come uomo che come calciatore. Ha un percorso un po’ atipico e nella sua vita ha perseverato, ha creduto nei suoi sogni e questa è una bella lezione di vita.

Manca un ruolo, l’attaccante centrale: Eugenie schiera se stessa. “ Non male no?”, conclude ridendo.

Credit Photo: Pagina Facebook Eugénie Le Sommer 

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.