Alia Guagni era già stata esclusa dalle convocate per i match di qualificazione al Campionato Europeo del 2022 contro Israele e Bosnia Erzegovina.

La Ct Milena Bertolini allora aveva preso atto dell’indisponibilità di Alia Guagni, passata in estate dalla Fiorentina all’Atletico Madrid, ed aveva deciso di escluderla dalla lista delle convocate per tale evento.

Dopo il suo rientro definitivo in Italia, nelle file del Milan, era stata prescelta per per il Portogallo all’Algarve Cup: dove era rimasta infortunata e costretta al rientro in Italia.

Durante il ritiro ad Appiano Gentile, della prima settimana, la ct Milena Bertolini ha diramato un secondo elenco di convocate sempre composto da 29 giocatrici con qualche assente illustre.

Come ad esempio Tatiana Bonetti e Benedetta Glionna, ma il nome che sorprende di più è quello di Alia Guagni, veterana e protagonista ai Mondiali di Francia.

La calciatrice del Milan non nasconde la delusione per l’esclusione ma l’accetta facendo un grosso in bocca al lupo alle sue compagne azzurre: “È difficile ma va accettato anche se non condiviso!” commenta a caldo Alia, “Non mi piace piangermi addosso e non lo farò di certo adesso. Mi rimboccherò le maniche e farò ancora meglio per me stessa e per le persone che credono in me! La vita è fatta di prove e a testa alta è l’unico modo che conosco per affrontarle!
Alle ragazze che partiranno per questa avventura chiamata Europeo non posso che augurare un forte in bocca al lupo. L’Italia ha iniziato a conoscerci e amarci, adesso sta a voi farci sognare! Sempre con voi”.

Parole di rammarico, come negarlo, una calciatrice che ha fatto parte di tante fortunate prestazioni in Nazionale vedersi esclusa ad un mese dall’aereo per l’Inghilterra non è certo una buona notizia.

Chissà il pubblico italiano che cosa ne pensa a riguardo?

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

1 commento

  1. Chi è Alina? La prima calciatrice Italia a giocare nella FA WSL è Aurora “Yaya” Galli, che ha fatto una buona stagione (pur difficile e senza successo di squadra) nell’Everton.

    Un po’ di attenzione dai…

    Riguardo a Guagni, comincio a pensare che Bertolini la ritenga fragile, visti i non pochi infortuni, preferendo quindi una scelta più “robusta”… Tecnicamente Guagni non si discute affatto, servirebbe sicuramente. Ma il torneo è duro e Bertolini non vuole rischiare.

    Ma la lista definitiva ufficiale ancora non esiste, Guagni ha avuto un colloquio diretto con la CT?

Comments are closed.