Questo fine settimana la mia squadra del Chelsea giocherà la 50a finale di FA Cup femminile, inizia così Magda Eriksson la sua lunga lettera ai suoi fans, ed è una cosa che ha attirato la mia attenzione durante la mia preparazione.

“Cara Women’s FA Cup“, inizio la mia prima finale contro l’ Arsenal nel 2018, il mio primo anno al Chelsea. In parole povere, è il giorno più bello della mia carriera fino ad oggi. Senti le ragazze inglesi della nostra squadra parlare di Wembley, mettendola su un piedistallo, e io l’ho abbracciato pienamente, quindi è stato fantastico vincere la coppa davanti a 45.000 persone quel giorno. La domenica sarà un’occasione ancora più grande, con più di 45.000 biglietti già venduti. Ho giocato davanti a più spettatori, alle Olimpiadi di Rio, ma Pernille, la mia compagna, mi ha detto : “che questo potrebbe essere un record per lei”.

Un’occasione come questa ci fa sentire ancora più privilegiate di giocare in questo momento di trasformazione per il calcio femminile – e questa è un’altra cosa per la mia lettera “Cara Women’s FA Cup”.

Ho assistito al passaggio da semi-professionista a professionista al 100%, aggiunge Magda, con la possibilità che ora ci viene data di essere visti come calciatori professionisti con le strutture giuste e l’opportunità di diventare il meglio che possiamo essere. Per fare un esempio, una leggenda del calcio femminile svedese, Victoria Svensson, è ora vice allenatore della nostra nazionale e quando vede il nostro capitano della squadra, ha dichiarato: “Non l’abbiamo mai avuto” – ed ha solo smesso di giocare nel 2009.

Mi considero una delle più fortunate anche se ho sperimentato l’altro lato e questo mi tiene con i piedi per terra. Stavo già suonando dieci anni fa, quindi apprezza il fatto che non è sempre stato così. A 18 anni a Djurgarden in Svezia, non avevamo un campo su cui allenarci a gennaio e correvamo a intervalli nei boschi per un mese. Non c’erano piazzole coperte disponibili per noi.

Il Djurgarden ha una squadra maschile nella massima serie e sono sicuro al 100% che avessero un posto dove allenarsi. Al contrario, anche se giocavamo a livello professionale nella massima divisione femminile svedese, c’è stato un mese intero in cui avremmo potuto migliorare come calciatrici ma stavamo solo correndo. Mi sono anche slogata la caviglia perché era così scivolosa. Quell’esperienza significa che sono consapevole che quello che ho con Chelsea e Svezia è lontano dalla vita quotidiana delle calciatrici in molti altri luoghi.

Interessante è anche il fatto che la finale di domenica cade nel 100° anniversario del divieto per le donne di giocare negli stadi della lega in Inghilterra. Ho sentito storie sulle grandi folle che c’erano prima di quella squalifica – 53.000 per una partita femminile a Goodison Park nel 1920 – e mi chiedo dove saremmo oggi se la squalifica non fosse avvenuta. Dopotutto, il calcio inglese è la mecca e ciò che accade qui tende ad avere increspature altrove. Il fatto che sia stato a lungo considerato uno sport solo per uomini è stato un grosso ostacolo e solo ora stiamo iniziando a vedere più di uno spazio comune.

Questo non vuol dire che non ci sia ancora un sessismo persistente, anche se non è esplicito come prima. L’altro giorno a Malmo, nella hall del nostro hotel della squadra svedese, questo ragazzo sulla sessantina o settantina si è avvicinato e ha detto: “Sono uno dei tuoi più grandi fan, guardo ogni partita”, ma poi ha iniziato a insegnarci come dovrebbe finire. Ci stava dicendo: “Non dovresti sparare così ma così”.

Siamo rimasti così delusi ad allontanarci da quella conversazione. Non credo che avesse cattive intenzioni, ma il fatto è che sentiva di poterci insegnare come finire con questo tono condiscendente di “Ho bisogno di insegnarvi a giocare a calcio“.

Siamo in grado di gestire le critiche, ma questo era diverso. Potrebbe non averlo capito, ma ci ha dato la percezione, per quanto sottile, che alcune persone considerino ancora il calcio come il loro gioco e che stiamo invadendo il loro spazio.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.