Partnership Master Sole 24 Ore
Home Blog Pagina 2

Roma Femminile, i tre punti col Sassuolo e le certezze ritrovate

Andressa e Giugliano. Punti di forza e certezze ritrovate della Roma Femminile che ha battuto il Sassuolo 2-0 al Tre Fontane. Era la prima sfida del girone di ritorno, fondamentale per avere continuità rispetto alle prime convincenti prove del 2021 e cominciare a rimediare a quanto è mancato nelle prime 11 giornate di Serie A. La novità rispetto allo scorso anno solare è il cambio di modulo (da 4-3-3 a 4-2-3-1), probabilmente tardivo rispetto al cammino della squadra, ma indubbiamente utile. Soprattutto perché le neroverdi di Piovani sono la rivelazione del campionato e questo non ha impedito alle giallorosse di essere in totale controllo, specialmente nel primo tempo.

Finalmente la numero 10
Il vantaggio lo ha siglato Manuela Giugliano dopo soltanto 5′. La prima attesissima gioia per la numero 10, che in carriera non aveva mai trovato il gol per due anni di fila con la stessa squadra. Per mole di gioco qualità e presenza in campo, sta dando grande apporto alla rincorsa romanista, giocando vicino a Ciccotti davanti alla difesa distribuisce e regola la manovra. La sua qualità è sempre più indispensabile, discorso che vale anche per l’altra marcatrice della gara di ieri, Andressa. La brasiliana ha firmato con un sinistro preciso il raddoppio (60′) e la quinta rete nelle ultime tre partite tra campionato e Coppa Italia. La continuità della Roma dipende anche da lei che da quando gioca alle spalle della punta ha meno compiti difensivi e lo spazio per giocare tra le linee. I risultati si vedono. Il miglioramento della squadra dipende anche le parate di Ceasar le poche volte che il Sassuolo ha saputo rendersi pericoloso, dalla grinta di Bartoli e Soffia e dalla prove di Thomas, ancora senza gol ma presente e volenterosa. C’è stato anche l’esordio di Elena Linari, dominante e quasi impossibile da scavalcare dalle neroverdi che hanno in Pirone la maggiore valvola di sfogo per il loro gioco. Sono venuti fuori tanti punti di forza su cui la Roma Femminile può puntare e che sono stati determinanti anche nella gara di ieri. Gli errori sotto porta che hanno distinto il pessimo girone d’andata non sono mancati, ma c’è tempo per lavorare. Intanto è arrivato il secondo successo consecutivo come non accadeva da febbraio. Tre punti di qualità, da cui poter guardare avanti.

Credit Photo: Domenico Cippitelli, SportRepporter

Serie A femminile, Inter-Fiorentina 2-3

Le ragazze di Attilio Sorbi non riescono a sfruttare le numerose occasioni create ed escono sconfitte per 3-2 contro le viola. Per le nerazzurre in gol Marinelli e Tarenzi.

Dopo pochi secondi dal fischio d’inizio, l’Inter passa subito in vantaggio: Pandini apre il gioco sulla sinistra per Gloria Marinelli che approfitta di un errore difensivo e spedisce in rete battendo Schroffenegger. La Fiorentina risponde subito con Baldi dalla distanza, ma una grande parata in tuffo di Marchitelli spedisce la palla in calcio d’angolo. Al 17′ le nerazzurre si ripropongono sottoporta con Marinelli che crossa in area per Simonetti ma il colpo di testa termina a lato. Al 26′ la Fiorentina trova il pareggio con un tiro da fuori di Adami. L’Inter continua a spingere e alla mezz’ora Tarenzi calcia in porta, ma Schroffenegger respinge e salva il risultato. Ancora Inter al 40′ con una grande giocata personale di Tarenzi che lancia in porta Marinelli, ma il portiere della Fiorentina respinge nuovamente.

Al rientro dagli spogliatoi, la Fiorentina trova il vantaggio su rigore con Sabatino. Le nerazzurre provano a sfruttare gli sviluppi di un calcio d’angolo, ma Schroffeneger anticipa il colpo di testa di Ilaria Mauro. L’Inter trova il pareggio al 77′ con Stefania Tarenzi, che sfrutta una bella sponda di Marinelli. Allo scadere la Fiorentina trova il vantaggio con Middag.

INTER-FIORENTINA 2-3

Marcatrici: 1’Marinelli, 26′ Adami, 61′ Sabatino (R), 77′ Tarenzi, 83′ Middag

INTER: 21 Marchitelli; 13 Merlo, 23 Auvinen, 14 Kathellen, 6 Bartonova; 19 Alborghetti, 20 Simonetti (84′ Catelli 22), 18 Pandini (79′ Brustia 8); 7 Marinelli, 27 Tarenzi, 29 Mauro (70′ Møller 16).
A disposizione: 1 Aprile, 9 Baresi,17 Debever, 24 Pavan, 30 Vergani, 93 Rincón.
Allenatore: Attilio Sorbi

FIORENTINA: 71 Schroffenegger, 5 Tortelli, 7 Adami, 9 Sabatino, 11 Vigilucci, 14 Middag,  16 Quinn, 19 Kim, 22 Baldi (81′ Monnecchi 17), 25 Thøgersen, 30 Zanoli (55′ Cordia 2).
A disposizione1 Öhrström, 24 Tinti, 26 Clelland, 27 Pastifieri, 28 Santini, 31 Bartolini, 35 Mani.
AllenatoreAntonio Cincotta

Arbitro: Francesco Carrione (sez. Castellammare di Stabia)

Recupero: 0, 3

Credit Photo: FC Inter

D1 Arkema: manita per Lione e PSG, si allontana il Bordeaux

Nelle prime due posizioni rimangono sempre loro e la lotta a distanza si fa sempre più intensa: il PSG per fare la storia, il Lione per continuarla a scrivere. Chi riuscirà a spuntarla ce lo dirà solo il tempo, intanto ci godiamo la tredicesima giornata della D1 Arkema. 

Ad aprire la giornata sono le Leonesse che liquidano la pratica Paris FC nel primo tempo. MaroszanParris Majri mettono in discesa l’insidioso match. Poco dopo l’ora di gioco, ci pensa ancora una volta Parris che sembra aver trovato la sua dimensione in campionato. Come al solito è capitan Renard a mettere l’ultima firma sul match. Altra prova di forza delle ragazze di Vasseur contro una delle sorprese di questo campionato. Non da meno la vittoria del PSG ai danni dell’EA Guingamp. Nel giro di venti minuti, BaltimoreKatoto Diani mettono a tacere ogni speranza delle rossonere. Comprensibilmente, nella seconda frazione di gioco i ritmi calano e ad approfittarne è la solita Marie Antoinette Katoto che segna la sua doppietta personale. A cinque minuti dalla fine, Jordyn Huitema insacca il pallone dello 0-5 con la seconda rete in campionato. 

Due sono i pareggi a reti bianche della giornata, uno più importante dell’altro. Il primo è quello tra Montpellier Fleury. Entrambe le squadre lottavano per raggiungere la zona Champions ma con la parità il Bordeaux prende ancora terreno. A questo punto del campionato, le rossonere sembrano le maggiori indiziate per provare ad agganciare il sogno chiamato UWCL grazie alla partita in meno da giocare. Il secondo era tutto in chiave salvezza tra le due neopromosse Le Havre ed Issy. Ad ambo i club servivano punti e sono arrivati. Non hanno mosso più di tanto la classifica, ma ora alcune dinamiche sono cambiate. Per esempio l’Issy, a parimerito con il Soyaux e con lo scontro diretto a favore, è fuori dalla zona retrocessione per la prima volta dall’inizio del campionato. Possibilità future anche per il Le Havre a soli due punti dalla salvezza. 

Proprio il Soyaux è stato uno dei protagonisti della sfida più emozionante di questa giornata. Dall’altra parte del campo c’era il Dijon che porta a casa tre punti fondamentali. Un primo tempo più che equilibrato viene scombussolato dalla rete allo scadere di Shnia Gordon. I secondi 45 minuti regalano emozioni con il capovolgimento del risultato in appena cinque minuti: prima Leger e poi Stapelfeldt portano avanti le ospiti. Ma appena due giri di lancette dopo, è sempre Gordon che ristabilisce la parità. Non ci sta però il Dijon che con il nuovo acquisto Lea Khelifi firma la marcatura del definitivo 3-2.  

A chiudere la giornata ci ha pensato il Bordeaux che approfitta dello stop delle inseguitrici e si porta a +6 dal quarto posto. Con un risultato più che tennistico, manda a casa lo Stade de Reims con la coda tra le gambe. Le squadre vanno negli spogliatoi sul 4-1 dopo la doppietta di Shaw, la rete di Jaurena ed il sigillo di Garbino da una parte, ed il goal della bandiera di Gomes dall’altra. Il post intervallo regala gioie alle Girondins dispensando marcatura multiple: Garbino conclude la doppietta e Shaw inanella l’ennesima tripletta. Dopo il rigore sbagliato, è Lavogez che si prende la rete del 7-1 finale.  

Risultati:
Paris FC vs Lione 0-5
Le Havre vs Issy 0-0
Dijon vs Soyaux 3-2
Montpellier vs Fleury 0-0
Bordeaux vs Stade de Reims 7-1
EA Guingamp vs PSG 0-5

Classifica:
PSG 37
Lione 36
Bordeaux 26
Montpellier 20
Fleury 19*
Paris FC 18
Dijon 16*
EA Guingamp 16
Stade de Reims 11
Issy 7*
Soyaux 7
Le Havre 5*
*una partita in meno

L’Empoli Femminile vince a San Marino e vola a quota 20 punti

Parte il girone di ritorno. L’Empoli è ospite della San Marino Academy. L’obiettivo è vincere.
Mister Spugna schiera la formazione sul modulo 4-3-3. Brscic parte dal primo minuto al posto di Binazzi, indisponibile per infortunio.
Inizia la partita. Al 7′ Glionna prova la conclusione, la palla sfiora il palo e finisce sul fondo. Al 12′ il San Marino si rende pericoloso in attacco, ma non trova il gol. L’Empoli pressa le avversarie: al 18′, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Glionna, Polli mette la palla in rete. Al 25′, sugli sviluppi di un’altra punizione calciata da Glionna, Cinotti raddoppia. Al 27′ Baldini prova il tiro di testa, Capelletti fa buona guardia. Al 35′ Barbieri accorcia le distanze, segnando la rete del 2-1. Al 40′ De Rita sfiora il gol per l’Empoli, che arriva comunque un minuto più tardi con la rete di Dompig. Nei minuti di recupero del primo tempo, anche Glionna trova il gol e porta il risultato sul 4-1.
Inizia la ripresa. Al 2′ tentativo di Menin, Capelletti para. Al 6′ Bellucci colpisce il palo e sfiora il quinto gol. Al 10′ entra Caloia al posto di Polli. La nuova arrivata si posiziona come esterno destro d’attacco, mentre Dompig si sposta al centro del reparto offensivo. Il San Marino prova ad attaccare, l’Empoli resiste. Al 25′ entra Morreale al posto di Bellucci. Al 27′ Vecchione prova la conclusione, che finisce sopra la traversa. Al 41′ Prugna riceve un brutto colpo ed è costretta ad uscire: al suo posto entra Iannazzo, all’esordio in Serie A. Dopo 6 minuti di recupero, la partita finisce.

Risultato finale: San Marino Academy – Empoli Fc 1 – 4

Marcatori: 18’pt Polli (E), 25’pt Cinotti (E), 35’pt Barbieri (S), 41’pt Dompig (E), 48’pt Glionna (E)

San Marino Academy: Salvi, Nozzi (1’st Micciarelli), Baldini (1’st Vecchione), Menin, Rigaglia, Venturini, Muya (48’st Musolino), Babnik (39′ Di Luzio), Costantini (25’st Chandarana), Kunisawa, Barbieri

A disp. Montalti, Micciarelli, Vecchione, Di Luzio, Piazza, Musolino, Chandarana, Cecchini, Giuliani

All. Alain Conte

Empoli Fc: Capeletti, Di Guglielmo, Brscic, Giatras, De Rita, Cinotti, Bellucci (25’st Morreale), Prugna (41′ Iannazzo), Glionna, Polli (10’st Caloia), Dompig (41′ Acuti)

A disp. Knol, Caloia, Fedele, Acuti, Toniolo, Morreale, Iannazzo, Miotto, Fabbroni

All. Alessandro Spugna

Ammonizioni: Nozzi (S), Di Guglielmo (E), Iannazzo (E)

Note: espulso mister Conte (S) per proteste

Credit Photo: Marco Montrone

Troppo Campomorone per l’Acf Alessandria, ora la zona retrocessione fa paura.

L’Acf Alessandria nella quinta giornata di Serie C subisce una brutta sconfitta contro il Campomorone. Sei le reti segnate dalle genovesi contro le alessandrine praticamente inesistenti.

Il lockdown ha annullato tutto il duro lavoro fatto dal nuovo mister Pino Primavera per risollevare le sorti delle grigie. Infatti, grazie agli allenamenti mirati, schemi precisi e al grande sforzo, l’Alessandria a settembre aveva sfiorato il passaggio del turno in coppa Italia di serie c. Mancato per via della sconfitta subita nello scontro diretto contro il Torino.

Dopo la coppa l’Alessandria sembrava in grande condizione fisica riuscendo a mettere a segno due pareggi e subendo una sola sconfitta. Ma con il nuovo stop, come detto, le alessandrine sono tornate punto a capo.

Nella sfida in casa di oggi infatti l’Alessandria non sembrava essere scesa nemmeno in campo, tanta confusione, poche forze e mai realmente pericolose o in grado di fermare il Campomorone, che già nel primo tempo chiude il discorso segnandone tre. Partita da dimenticare in fretta, causata anche dai pochi allenamenti svolti prima della gara.ù

Inoltre a far paura ora è anche la posizione in classifica, infatti con il sorpasso della Speranza Agrate, che ha ottenuto i tre punti nella gara contro il Caprera, L’Acf Alessandria si trova nella zona rossa della retrocessione.

Serie B | Lazio Women-Pontedera 1-1, il tabellino

LAZIO WOMEN-PONTEDERA 1-1

Marcatrici: 11′ Martin (L), 13′ Gavagni (P)

Un pareggio agrodolce per la Lazio di Seleman. Le biancocelesti rallentano in chiave promozione contro il Pontedera, ma confermano la propria imbattibilità stagionale. Non basta l’undicesima rete in campionato della solita Adriana Martin in apertura di partita, resa vana dal gol al 13′ di Gavagni che sancise il definitivo 1-1.

Di seguito il tabellino dell’incontro:

LAZIO: Guidi, Colini, Savini (65′ Mattei), Cuschieri, Palombi (65′ Pittaccio), Martin, Santoro (65′ Clemente), Castiello, Di Giammarino (46′ Labate), Gambarotta, Visentin.

A disp.: Natalucci, M. Berarducci, Falloni, Proietti, Shanahan.

All.: Ashraf Seleman

PONTEDERA: Sacchi, Rizzato, Sidoni, Tramonti, Carrozzo, Iannella, Gavagni (89′ Consoloni), Maffei (73′ Iannetti), Pantani (66′ Dantoni), Del Prete, Sacchi.

A disp.: Aug, Mazzella, Bulleri Terreni, Dehima, Viterbo.

All.: Renzo Ulivieri

Arbitro: Carlo Esposito (sez. di Napoli)

Assistenti: Savino, Chianese

Credit Photo: Domenico Cippitelli, SportRepporter

Riepilogo 14a giornata Serie B: vincono solo Chievo e Ravenna, pari amari per Como e Lazio

La quattordicesima giornata, e prima di ritorno, di Serie B ha emesso alcuni spunti interessanti.

Il Pomigliano, nonostante lo stop forzato, rimane saldamente al comando, visto che il Como non è riuscito ad avere la meglio su un Perugia che per poco non portava a casa il bottino pieno.

Il Cesena perde in casa contro il Ravenna, con le ravennati che rilanciano le ambizioni di alta classifica, mentre le cesenati sprecano ancora l’occasione di fare il salto di qualità. La Lazio aggancia il terzo posto, ma buttano al vento due punti e ne regalano uno al Pontedera che ora vede più vicino il sogno salvezza.

Michele Ardito rivitalizza il Chievo Verona che travolge il Cittadella Women e può aver dato alle clivensi una svolta al campionato, mentre per le padovane si tratta di un brusco stop.

Chiudono con due pareggi Brescia-Vicenza e Orobica-Roma CF. Le ragazze di Bragantini potevano gestire il doppio vantaggio, e ha consentito alle vicentine di portarsi a casa un prezioso pari. Le bergamasche non hanno sfondato il muro giallorosso, con la lupa che, dopo tanto tempo torna a Roma con un risultato positivo.

Rita Guarino, Juventus Women: “Sono contenta della prova delle più giovani, molto applicate e molto disponibili”

IL COMMENTO DI COACH GUARINO
«Nel pre-partita ci eravamo dette di fare questo tipo di prestazione, aggressive fin da subito, e le ragazze l’hanno fatto nel migliore dei modi. Cambiando tanto nel secondo tempo certi automatismi sono venuti meno, quindi non era facile riadattarsi a nuovi equilibri, ma le occasioni per concretizzare ancora di più la vittoria ci sono state. Brave comunque a continuare a spingere sull’acceleratore. Sono contenta anche della prova delle più giovani, molto applicate e molto disponibili, e sono scese in campo per dare il proprio contributo alla squadra».

Credit Photo: Bruno Fontanarosa

Dennis Rodman star NBA, la figlia Trinity futura star del calcio americano

Un nuovo membro della famiglia Rodman arriva sotto i riflettori del mondo dello sport. Si tratta della figlia dell’ex giocatore NBA Dennis Rodman, ovvero Trinity che prenderà parte al campionato professionistico americano di National Women’s Soccer League.

La giovane 18enne è stata la seconda scelta assoluta del Draft NWSL 2021 e dove si unirà al club del Washington Spirit. È la giocatrice più giovane nella storia ad essere selezionata nel draft.

Per Dennis Rodman, la carriera brillante lo ha visto giocare per Detroit Pistons, San Antonio Spurs, Chicago Bulls, Los Angeles Lakers e Dallas Mavericks in NBA.

Per Trinity la carriera è solo all’inizio, ma ha già conquistato la maglia della Nazionale Femminile degli Stati Uniti Under 20 ed ha giocato per la Washington State University.

Credit Photo: Pagina Twitter di Trinity Rodman

Photo Gallery: San Marino Academy – Empoli Ladies 1-4 [23-01-2021]

Foto e immagini sportive della partita di seria A femminile, tra San Marino Academy ed Empoli Ladies disputata il 23 Gennaio 2021 e terminata 1-4.

Credit Photo: Marco Montrone

DA NON PERDERE...

tuttocampo.it