Partnership Master Sole 24 Ore
Home Blog Pagina 2

Bologna, oggi sfida alla Lazio

Photo Credit: Bologna FC 1909

Dopo la sosta dedicata alle nazionali, il Bologna Femminile riprende il cammino in Serie B dalla 19a Giornata contro la Lazio, in programma oggi alle 14:30, al campo sportivo “Bonarelli” di Granarolo dell’Emilia (BO). L’ingresso all’impianto è gratuito.
Il match sarà in diretta su Be.Pi TV.

QUI BOLOGNA
Le rossoblù sono ancora residenti al 9° posto, a quota 23 punti, dopo la sconfitta in casa del Cesena che ha interrotto la striscia positiva di tre vittorie consecutive.
Dall’infermeria arrivano notizie agrodolci, in vista del match di oggi: se Gelmetti – assente da tre partite – e Fuganti ritornano nella lista delle convocate, non sarà della gara Gradisek, infortunatasi in nazionale alla caviglia.
A proposito, proprio Sara e Kustrin hanno conquistato il 3° posto, con la Slovenia, nella Pinatar Cup svoltasi in Spagna.
All’andata, la Lazio vinse 2-0 con la doppietta di Moraca.

QUI LAZIO
La compagine di Gianluca Grassadonia ha approfittato, due settimane fa, dell’inciampo della Ternana a Tavagnacco per riagguantare il  posto a 47: e, al momento, fa parte di quelle tre squadre – assieme al Cesena – che stanno lottano per la promozione diretta in Serie A. Un solo ko all’attivo, proprio con le romagnole lo scorso 19 novembre, le biancocelesti hanno conquistato più punti di tutte in trasferta (23) e hanno la miglior difesa con 10 reti subite. In attacco, il peso del gol è affidato a Moraca, a quota 9 centri.

LE PAROLE DI MARGHERITA BRSCIC
Sugli allenamenti di queste due settimane: “Sicuramente questo lasso di tempo ci ha aiutato a ritrovare la massima concentrazione per migliorare, rimediando agli errori commessi nell’ultima partita. Il mood di queste settimane è stato: determinazione e molta attenzione“.
Sul suo arrivo a Bologna: “In questo mese e mezzo mi sono trovata molto bene, la squadra è unita e ha aiutato me e le altre compagne nuove a integrarsi subito in campo e fuori. Ho trovato anche una società che fa di tutto per metterci a nostro agio“.
Sulla sfida di oggi: “La Lazio è una bella squadra da affrontare, ma dopo la scorsa partita penso sia quello che ci serve: serviranno concentrazione e alta intensità per mettere subito in campo ciò su cui abbiamo lavorato in queste settimane“.

CONVOCATE
Portieri: Lauria, Lucia Sassi;
Difensori: Arcamone, Brscic, Giovagnoli, Raggi, Ripamonti, Rossi, Zanetti;
CentrocampistiAntolini, Barbaresi, Da Canal, De Biase, Fuganti;
Attaccanti: Colombo, Farina, Gelmetti, Kustrin, Pinna, Spallanzani.

Coppa Italia femminile, la preview di Milan-Roma

Credit Photo: Emanuele Colombo - Photo Agency Calcio Femminile Italiano

Tutto in sette giorni, contro la squadra più forte. C’è la Roma campione d’Italia in carica – e primatista indiscussa in questa stagione – a separare il Milan di Corti dalla possibilità di centrare la seconda Finale di Coppa Italia Femminile nella storia del Club. La riedizione del penultimo atto andato in scena nella scorsa edizione, la possibilità di dare una sterzata alla stagione centrando un obiettivo importantissimo. Un doppio confronto “consecutivo”, 180 minuti che si giocheranno nello spazio di sette giorni. Ci avviciniamo ai primi 90 del PUMA House of Football con la nostra Match Preview.

QUI PUMA HOUSE OF FOOTBALL
Ci sarà tempo, a partire dalla seconda metà di marzo, per pensare alla Poule Salvezza. Le rossonere stanno vivendo il momento migliore della loro stagione, e le vittorie belle e convincenti contro Sampdoria e Inter ne sono conseguenza. Nei primi due incroci stagionali contro le giallorosse la squadra ha raccolto meno di quanto meritava, la coppa – al di là della posta in palio – può essere occasione anche di riscatto. La pausa ha visto diverse rossonere impegnate con le rispettive Nazionali, l’avvicinamento al match del PUMA House of Football è servito anche da reinserimento in gruppo dopo gli impegni internazionali. Nessuna squalificata o diffidata, da sottolineare come nel doppio confronto con il Sassuolo ai Quarti siano state ruotate 17 giocatrici diverse nei due undici iniziali.

Le convocate rossonere: Babb, Copetti, Giuliani; Árnadóttir, Bergamaschi, Fusetti, Guagni, Mesjasz, Piga, Swaby; Cernoia, Dubcová, Grimshaw, Mascarello, Soffia, Vigilucci; Asllani, Dompig, Ijeh, Laurent, Marinelli, Nadim, Stašková.

QUI ROMA
17 vittorie su 18 nella prima fase di campionato e qualificazione in Women’s Champions League già matematica per il 2024/25. Finora, quella della Roma è stata una stagione eccezionale, con le giallorosse che inizieranno la Poule Scudetto a +8 sulla seconda in classifica. In Coppa Italia, però, la squadra di Spugna ha incontrato qualche ostacolo in più: merito soprattutto del Napoli, capace di imporsi sulle capitoline nell’andata dei Quarti prima di cedere il doppio confronto soltanto all’84’ del ritorno. A firmare il 3-0, lo scorso 7 febbraio al Tre Fontane, fu la slovena Kramžar che è capocannoniere della competizione con 4 gol insieme alla napoletana Banusic e alla nostra Christy Grimshaw. La sosta ha visto ben 17 romaniste impegnate con le rispettive Nazionali, una finestra che ha visto il difensore giallorosso Linari (già 8 gol in stagione) tagliare il traguardo delle 100 presenze in azzurro.

“Il Milan ha avuto una stagione travagliata ma ha calciatrici forti” – così Alessandro Spugna alla vigilia. “In una doppia sfida in Semifinale è un pericolo, dopo la delusione della Poule Scudetto giocheranno al meglio per centrare l’obiettivo rimasto. Noi abbiamo le potenzialità per passare il turno e andare in finale”.

PRE-PARTITA

Quarto confronto in Coppa Italia tra le due squadre, dopo la Finale del 2021 e le due Semifinali della scorsa edizione. Complessivamente, il bilancio dei precedenti parla di 7 vittorie del Milan, 6 della Roma e 5 pareggi.
Per le rossonere è la quinta Semifinale nella competizione, la quarta consecutiva. In questa stagione il Milan è la squadra ad avere segnato più gol in Coppa Italia con 13: 7 all’Hellas Verona, 6 nella doppia sfida contro il Sassuolo.
Nelle ultime otto partite disputate tra tutte le competizioni la squadra di Corti ha subito in media meno di un gol a partita (7 reti in totale), collezionando 3 clean sheet. Considerando soltanto il campionato, il Milan ha segnato il 59% delle sue reti nel primo tempo (13/22): è il miglior dato della Serie A Femminile.
Christy Grimshaw vanta cinque reti in carriera in Coppa Italia con il Milan, quattro delle quali in questa edizione: la centrocampista scozzese precede la compagna di reparto Kamila Dubcová, che con la tripletta nel Quarto d’andata col Sassuolo ha già superato le reti segnate nelle precedenti quattro edizioni.

DOVE VEDERE IL MILAN IN TV
Milan-Roma sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube della Divisione Calcio Femminile dalle 12.30. Da non perdere la copertura su acmilan.com, l’account Instagram delle rossonere e AC Milan Official App dove, dal giorno successivo, sarà disponibile – on demand – anche la differita integrale.

QUI COPPA ITALIA FEMMINILE
Sarà Domenico Mirabella, fischietto della sezione di Napoli, il direttore di gara della sfida tra rossonere e giallorosse. A completare la squadra arbitrale i guardalinee Lisi di Firenze e Nigri di Trieste, oltre al quarto ufficiale Vingo di Pisa.

Come nella scorsa stagione, sono le Semifinali di Coppa Italia a fare da spartiacque tra la stagione regolare e la seconda fase della Serie A Femminile. Insieme a Milan-Roma, domenica 3 marzo si disputerà (alle 15.00) anche l’andata della sfida tra Fiorentina e Juventus. I due match di ritorno si svolgeranno, a campi invertiti, nel prossimo fine settimana, con la partita tra le bianconere e le viola che si giocherà sabato 9 marzo alle 15.00.

Sarà la zona play-out a tener banco nella quarta giornata di ritorno del Girone C

Sarà la sfida tra l’ultima del girone, Crotone, e la capolista Vis Mediterranea ad aprire la quarta giornata del girone C della serie C femminile, calcio d’inizio alle 10,30, diretta dal signor Comito della sezione di Messina. Una giornata da thrilling, dove, il calendario mette di fronte le squadre in lotta per i play-out: Apulia Trani chiamata ad affrontare il Coscarello un solo punto divide le due squadre in classifica all’andata fini in parità a reti inviolate, la gara è stata affidata al signor Iurino di Venosa. Altro scontro per la zona bassa della classifica e Grifone – Villaricca due punti dividono le due compagini chi vince esce dalle zone calda chi perde entra nella lotta della lotteria dei play – out, all’andata fini con un pareggio dopo una gara avvincente per 2-2. Sarà il signor Patti della sezione di Palermo ad arbitrare la gara. Gara ostica per la Molfetta Calcio contro il Catania al “Paolo Poli” di Molfetta con la giovane squadra biancorossa che tenterà di poter conquistare un prezioso punto per vedere la luce in una classifica deficitaria. Le due precedenti sfida tra la squadra pugliese e quella etnea è stata sempre al cardiopalma anche se ha portare la vittoria a casa sono state le rosso-azzurre. La sfida sarà diretta dal signor Foscolo di Potenza.

Derby laziale tra il Frosinone e il Montespaccato, una sfida interessante ed incerta, sarà il signor De Cicco della sezione di Nola a dirigerla. Sfida tra due squadre, al momento, fra le più informa del torneo si sfideranno tra loro, parliamo della sfida tra la Salernitana e il Trastevere la direzione della gara è stata affidata al signor Polizzotto di Palermo.

Completano il quadro della diciottesima giornata Independent – Matera Woman (Waldmann di Frosinone) e Palermo – Women Lecce (Arnesi di Teramo)

Lasciando parlare i terreni di gioco….Buona Domenica.

Flavia Devoto, Freedom FC Women: “Andremo a Verona più cariche che mai per fare bene”

Il campionato nazionale di Serie B torna dopo la pausa Nazionali, e lo fa con la 19a giornata, che per quanto riguarda le sfide salvezza, mette di fronte Pavia-Tavagnacco quale scontro diretto. Per la Freedom, quartultima a +1 sulla San Marino Academy, l’opportunità di provare a sfruttare un eventuale risultato negativo delle Gialloblù per allungare ulteriormente sul penultimo posto.

La trasferta delle Cuneesi però, non sarà delle più facili, visto l’impegno al “Sinergy Stadium” di Via Sogare contro l’Hellas Verona (calcio d’inizio 14:30, diretta Be.PiTV su YouTube). Per le Biancoblù, 4 punti nelle ultime due giornate, con il clamoroso successo di Parma e poi il pari casalingo con la Res Roma. Seguiranno, secondo calendario, due sfide interne contro Pavia e Ravenna dopo la trasferta veronese, che mettono in palio punti pesantissimi per la salvezza. Fondamentale dunque dare ulteriore apporto ai recenti risultati conquistati con Michele Ardito, il nuovo allenatore delle piemontesi, che nel frattempo ha avuto due settimane per ampliare le sue conoscenze delle giocatrici, e trasmettere loro nuovi concetti di gioco.

Sarà una sfida importante, soprattutto perché all’andata la Freedom FC Women sfiorò il colpaccio, portandosi sul 2-0 a fine primo tempo per poi incassare la rimonta Scaligera. La difesa dovrà prestare attenzione ad Alessia Rognoni, miglior marcatrice delle Gialloblù con 13 reti all’attivo.

Ne ha così approfittato Flavia Devoto, attaccante classe 2000 delle Piemontesi, che ha fatto il punto della situazione: “La sosta ci ha aiutato a preparare ancora meglio la partita. L’Hellas è una società importante ed ha una squadra organizzata, con giocatrici brave e di esperienza, ma noi arriviamo da un periodo positivo e ripartiamo da questo: ho fiducia nelle compagne e, quindi, andremo a Verona più cariche che mai per fare bene”.

Il match sarà diretto dal signor Pietro Marinoni della sezione di Lodi (LO). Si riportano di seguito il programma della giornata e la classifica del campionato.

SERIE B FEMMINILE – IL PROGRAMMA DELLA 19a GIORNATA (Domenica 3 marzo ore 14.30) 

Arezzo-Genoa

Bologna-Lazio

Brescia-Ravenna

Pavia Academy-Tavagnacco

Res Roma VIII-Parma

San Marino Academy-Cesena

Ternana-Chievo

Hellas Verona-Freedom FC Women

CLASSIFICA

Ternana e Lazio 47, Cesena 46, Parma 40, Verona 31, Genoa e Chievo 30, Brescia 27, Bologna 23, Arezzo 20, Res Roma 18, Pavia Academy 16, Freedom 13, San Marino Academy 12, Tavagnacco 9, Ravenna 3.

Matteo Pachera, coach Hellas Verona: “Sarà una partita difficile, giocheremo con determinazione anche per Anghileri”

Photo Credit: Riccaardo Donatini - Hellas Verona

Vigilia della 19a e quarta giornata del girone di ritorno del campionato di Serie B Femminile per l’Hellas Verona Women, che scenderà in campo domani – domenica 3 marzo (ore 14.30) – contro la Freedom al ‘Synergy Stadium’. La partita, come di consueto, sarà trasmessa in diretta streaming gratuita sul canale YouTube di Be.Pi TV.

Le ragazze gialloblù ospiteranno, quindi, la tredicesima forza del campionato che ha ottenuto fino ad ora 13 punti in campionato. Le piemontesi vengono da due risultati utili consecutivi ottenuti prima vincendo in casa del Parma per 2-1, poi pareggiando per 2-2 contro la Res Roma. Anche l’Hellas, attualmente quinta con 31 punti in classifica, arriva alla partita con un pareggio nell’ultima gara in casa del Genoa per 1-1, e una vittoria nel match precedente per 5-0 contro il Pavia Academy.

La partita d’andata tra le due squadre è terminata col risultato di 3-2 a favore dell’Hellas, che sotto di due gol nel primo tempo ha saputo ribaltare il risultato grazie ai gol di CapucciPasini Sardu all’ultimo minuto.

Queste le parole di mister Matto Pachera alla vigilia: “La partita contro la Freedom si prospetta molto difficile e complessa. Da quando hanno cambiato l’allenatore hanno ottenuto risultati importanti come la vittoria esterna contro il Parma, un campo in cui pochissime squadre hanno vinto. Loro sicuramente lottano per la salvezza, ma in campo hanno importanti qualità. Noi dobbiamo essere attente, determinate e concentrate per continuare il nostro percorso di crescita. All’andata abbiamo vinto meritatamente in rimonta, ma questa che ci aspetta è completamente un’altra partita. Purtroppo per infortunio abbiamo perso anche Anghileri che per noi è una giocatrice molto importante: domenica giocheremo per lei”.

Azzurrine battute 3-1 dalla Francia nel secondo test di Tirrenia: non basta Stendardi. Dessì: “Sono soddisfatto, possiamo solo crescere”

Credit Photo: FIGC - Federazione Italiana Giuoco Calcio

Dopo il pareggio (2-2) di due giorni fa, la Nazionale Under 16 femminile è stata sconfitta 3-1 dalla Francia nella seconda amichevole disputata al Centro di Preparazione Olimpica di Tirrenia. Sotto una pioggia battente, caduta per tutti i 90 minuti, le Azzurrine sono andate in svantaggio nel primo tempo per effetto del gol segnato al 20′ da Kadiatou Diarra. La ripresa è iniziata male per la squadra di Dessì, che dopo 3′ ha subito anche il raddoppio francese segnato da Nina Dumans.

Quasi immediata, però, la reazione dell’Italia, che ha portato all’1-2 al 7′ di Annais Stendardi (Milan) su assist di Emma Casiraghi (Inter) e a una traversa colpita su punizione da Aurora Bonacorsi (Sampdoria). Pochi secondi dopo l’occasione per il 2-2, però, le Bleues hanno trovato per la terza volta la via della rete con Tante Diakité. Le Azzurrine hanno avuto anche la chance per accorciare nuovamente le distanze, ma Ginevra D’Agostino (Como Women) non è riuscita a realizzare il 2-3, con Dessì che nella ripresa ha inserito anche Verrini, Zatta, Montaperto, Doretti, Sasso e Randazzo.

“La prestazione è stata buona e sono complessivamente soddisfatto di questo doppio test – l’analisi di Dessì, che ha cambiato nove undicesimi rispetto alla formazione che aveva iniziato il match di giovedì –. Sarebbe forse servito un po’ più di cinismo sotto porta, ma l’atteggiamento in campo è stato molto positivo e propositivo. Inevitabile anche un po’ di stanchezza per il doppio impegno nel giro di meno di 24 ore, ma anche questo fa parte del percorso di crescita. Per le ragazze era la terza partita internazionale della loro vita dopo quella in Svizzera e quella di due giorni fa: pian piano, acquisiranno sempre più consapevolezza nei loro mezzi”.

Brescia Femminile, domani arriva il Ravenna Women

Photo Credit: Pagina Facebook Acf Brescia Calcio Femminile

Dopo la pausa per le amichevoli internazionali, a cui ha preso parte anche Alexandra Tunoaia con la Romania, è tempo di riprendere il campionato di Serie B 2023/24. Per la 19esima giornata, nonché quarta del girone di ritorno, è prevista la sfida tra Brescia Calcio Femminile e Ravenna Women, sul campo del Centro Sportivo Mario Rigamonti di Buffalora (BS), domenica 3 marzo alle ore 14:30.

La formazione ravvenate al momento si trova alla posizione numero 16 della classifica, con 3 punti maturati in 3 pareggi (San Marino, Tavagnacco e Pavia) e 15 sconfitte (Arezzo, Ternana, Pavia, Brescia, Hellas Verona, Freedom, Res Roma, Cesena, Parma, Chievo, Bologna, Genoa, Lazio, Arezzo e Ternana).

Il Brescia è, invece, ottavo in classifica con 27 punti maturati grazie a 8 vittorie (Tavagnacco, Parma, Ravenna, Freedom, Bologna, San Marino, Pavia e Tavagnacco) e 3 pareggi (Chievo, Arezzo ed Hellas Verona). La formazione di Nicolini è reduce dagli insuccessi consecutivi contro il Cesena e il Parma, che portano il totale delle sconfitte a 7 (Cesena, Lazio, Genoa, Ternana, Res Roma, Cesena e Parma).

La gara di andata si è giocata il 15 ottobre 2023 sul campo del Soprani di San Zaccaria (RA) ed è finita con la vittoria del Brescia Calcio Femminile per 3-1 con le reti di Pasquali, Fracas e Brayda e quella di Georgiu per il Ravenna.

A disposizione del mister Aldo Nicolini: Alessia Accornero, Giorgia Bettineschi, Paola Boglioni, Aurora Celestini, Teresa Fracas, Laura Ghisi, Jenny Hjohlman, Rossella Larenza, Serena Magri, Siria Menassi, Marta Morreale, Ludovica Nicolini, Sofia Pasquali, Veronica Pedrini, Clara Raccagni, Laura Seneci, Nina Stapelfeldt, Sabrina Tasselli, Alexandra Tunoaia, Stefania Zanoletti e Danila Zazzera. Indisponibile per infortunio: Brayda.

Sebastian De La Fuente, Fiorentina Femminile: “E’ importante per noi iniziare bene questo doppio scontro”

Domenica 3 marzo si giocherà la semifinale d’andata di Coppa Italia che vedrà la Fiorentina Femminile scendere in campo tra le mura amiche del Viola Park contro la Juventus Women. La partita, che avrà il fischio d’inizio alle ore 15:00, non ha certo bisogno di presentazioni. Si tratta di due squadre che in campo daranno il tutto e per tutto per fare bene, tanto più che in palio c’è un posto per la finale di Coppa che si disputerà contro chi vincerà le due semifinali tra la Roma e il Milan.

Il mister Sebastian De La Fuente nella conferenza pre partita ha sottolineato la qualità di entrambi gli schieramenti che saranno in campo domenica e parlato della preparazione della sua squadra che deve essere pronta e versatile.
Ha, però, voluto anche spendere un po’ del proprio tempo per invitare i tifosi ad assistere alla gara. Lo ha fatto con un plauso alla società che, tramite un’ottima promozione, ha equiparato la semifinale di Coppa ad una partita del maschile.
Ha poi aggiunto che le ragazze vivono i match mettendo tanto cuore ed impegno e per questo meritano il sostegno del pubblico che sarebbe il dodicesimo uomo in campo:

“E’ importante per noi iniziare bene questo doppio scontro quindi penso che dovremmo mettere la testa avanti. Anche se la Juventus non è la prima in classifica, quest’anno ha dimostrato che ha molte soluzioni ma credo pure che sia loro che noi saranno condizionate un po’ dalle Nazionali; tante sono tornate a due giorni dalla partita, penso che in questo ci troviamo nella stessa situazione. 
Per quanto riguarda la preparazione della partita, è la terza di seguito che facciamo quest’anno. Abbiamo avuto modo di conoscerci, loro ci conoscono quindi noi cercheremo di usare le nostre armi sapendo che loro hanno tante soluzioni: bloccare questo tipo di squadra è più difficile rispetto ad altre ma penso che anche noi abbiamo dimostrato altrettanto. Credo, anche, che sarà una bella partita su questo aspetto.
Ci sono almeno tre ragioni che dovrebbero spingere i tifosi ad assistere alla partita.
Il primo motivo lo ha messo la società: facendo questa promozione a due partite (una del maschile e una del femminile), si da alla partita l’importanza che merita affiancandola ad una partita del maschile. 
Il secondo è la spettacolarità del gioco: nelle due partite precedenti il risultato è rimasto in bilico fino alla fine.
Il terzo motivo è il percorso della Fiorentina sino ad oggi: le ragazze hanno dimostrato di avere un’idea di gioco, un pensiero in campo e sopratutto hanno mostrato che mettono il cuore in campo ogni volta che sono in partita. Ci teniamo molto ad arrivare in finale”. 

“Amami e Basta”: le nuove iniziative per l’8 marzo all’insegna della prevenzione e della solidarietà

Credit Photo: AS Roma

Nell’ambito della Campagna “Amami e Basta”, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti della Donna dell’8 marzo, l’AS Roma metterà a disposizione delle proprie tifose e cittadine una serie di servizi gratuiti all’insegna della prevenzione, salute e sensibilizzazione contro la violenza di genere sulle donne.

Attività di prevenzione

Per favorire la cultura della prevenzione, il Club, grazie alla radicata connessione con il territorio, ha agito da collettore per attivare una rete di strutture sanitarie della città che offriranno alle donne una serie di prestazioni e screening gratuiti di vario tipo come visite ginecologiche, esami della tiroide, mammografie, pap-test e screening del colon.

L’iniziativa si svolgerà in collaborazione con ASL Roma 1, ASL Roma 2, ASL Roma 3, Poliambulatorio Porta Pinciana e Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Torna la Pink Scarf dell’AS Roma

La giornata dedicata alle donne prevede anche quest’anno la vendita della speciale “Pink Scarf”. La sciarpa sarà disponibile (solo fino al 15 aprile) già dal 7 marzo allo Stadio Olimpico nello store di Viale delle Olimpiadi, al Fan Village e al trailer in Tribuna Tevere. Dall’8 marzo, anche negli altri AS Roma Store.

Con il ricavato della vendita della “Pink Scarf” l’AS Roma acquisterà dei dispositivi medicali da donare alle ASL e ai consultori del territorio.

L’8 marzo alle ore 18, presso il centro Sant’Anna della ASL Roma 1, avverrà la consegna ufficiale di una parte dei materiali acquistati dal Club con i ricavi della vendita della sciarpa rosa dello scorso anno. L’AS Roma ha scelto infatti di donare agli ospedali della Regione alcuni lettini ginecologici e divisori per offrire alle donne vittime di violenza, che cercano soccorso nelle strutture sanitarie, un percorso di visita appositamente dedicato che garantisca loro la massima riservatezza e tutela. La consegna si svolgerà alla presenza del Presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, e dei rappresentanti della struttura ospedaliera.

Linda Tucceri Cimini, Fiorentina Femminile: “Sento di essere fisicamente in grado di giocare e contribuire al successo di questa squadra”.

Il difensore viola si è ripresa la squadra dopo l’infortunio al ginocchio. La Juventus adesso nel suo mirino.

Era il 26 Marzo 2023 a Milano. La Viola pareggiava all’ultimo su calcio di rigore con Vero Boquete e chiudeva 3-3 un match pazzo contro il Milan. Linda Tucceri Cimini, però, non era in campo per godersi la partita. Uscita al 53’, il suo destino era ormai segnato. Gli esami, infatti, evidenzieranno la rottura del crociato anteriore condannando la giocatrice al viaggio più difficile per ogni calciatrice.

Come hai affrontato questo verdetto, Linda?
In realtà il giorno in cui sono arrivati i risultati già conoscevo il mio destino. La sensazione che ho avuto in campo dopo il trauma era strana, sentivo che qualcosa si era rotto. Non nascondo che all’inizio fossi molto abbattuta, avevo il morale a terra. Poi mi sono tranquillizzata e ho affrontato tutto con serenità. Forse per questo il mio percorso è stato lineare e positivo, ci sono alti e bassi ma fortunatamente più alti”.

Per te è stata una grande novità perché nella tua lunga carriera (iniziata nel 2007 a L’Aquila e poi proseguita con sette diverse maglie fino al Milan e poi alla Fiorentina n.d.r.) non ti eri mai infortunata seriamente.
“Esatto, non mi ero mai fatta male seriamente per cui non sapevo come gestirla! La settimana prima mi ero leggermente stirata, una novità per me. Forse era un campanello d’allarme perché poi a Milano è successo quello che è successo”.

Un viaggio lungo quasi undici mesi. Come è andato e cosa hai scoperto di te stessa?
“Ho imparato ad avere pazienza, a focalizzarmi sui miei obiettivi, a essere forte dentro prima che fuori. In questi mesi ho lavorato molto in solitaria, anche d’estate. Se all’inizio avere le compagne intorno mi faceva piacere, dopo è stato quasi una sofferenza perché non potevo scendere in campo con loro. Quando vedi miglioramenti e ti senti bene vorresti fare di più, ma l’equipe tecnica e medica della squadra mi ha fatto lavorare per step. Ho atteso tanto, ma alla fine è arrivato il mio momento”.

E quel momento è arrivato con una convocazione proprio contro il Milan, segnale che ormai c’eravamo. Alla fine in quella partita non hai giocato, è stata una delusione?
“Beh un po’ ci speravo, ma un po’ avevo paura. Mi ero infortunata proprio su quel campo, le emozioni erano contrastanti. Vedendo le condizioni del terreno di gioco però, un po’ sconnesso e morbido, penso sia stato meglio così. Essere in panchina con la squadra è stato sufficiente per chiudere il cerchio”.

Cerchio che si è chiuso definitivamente con il tuo rientro in campo in un match chiave contro l’Inter nel ritorno dei Quarti di Coppa Italia. La Viola chiamata a vincere ma sotto di un goal ai supplementari, il Mister ti chiama, devi entrare. Cosa hai provato?
Non mi aveva detto niente prima del match, non me lo aspettavo e mi sono trovata a prepararmi per entrare
. Non lo nascondo, ero agitata dopo tutto questo tempo. Per fortuna a me piacciono questi match tirati per cui una volta messo piede in campo la tensione è scomparsa e non ho pensato ad altro che a vincere il match”.

Dal tuo piede è partito il cross che ha portato al pareggio. Mi ricordo che avevamo scherzato sul tuo rientro, puntavamo su goal e assist tuoi al primo match… non ci siamo andati lontano!
Davvero! Avrei firmato per un rientro così! Ho messo quel pallone sul secondo palo perché fosse pericoloso, dovevamo recuperare il goal dell’Inter e c’era Hammarlund in mezzo a tre avversarie. Il portiere non l’ha presa, la palla è rimasta lì e in qualche modo abbiamo pareggiato”.

E poi i calci di rigore. Saresti stata pronta a calciare?
“Assolutamente sì! Anzi dovevo essere la quinta rigorista! Il Mister (De La Fuente) me lo ha chiesto dopo i supplementari, gli ho detto che me la sentivo. In rifinitura non li avevo nemmeno provati perché dovevamo eseguire alcuni test per il ginocchio, però ero pronta ad andare sul dischetto”.

Adesso che sei ufficialmente rientrata, qual è il tuo obiettivo?
“Dare molto e dare tutto. Sento di essere fisicamente in grado di giocare e contribuire al successo di questa squadra. Ho indossato molte maglie, la mia esperienza è sicuramente un’arma in più insieme alle mie caratteristiche tecniche (Linda è mancina e gioca da terzino, con propensione alla spinta sulla fascia e con un piede molto preciso n.d.r.)”.

Una veterana come te ha sicuramente tanto da insegnare, specialmente alle giovani con le quali condividete il padiglione Women al Viola Park.
“Amo lavorare in un posto come il Viola Park. Se penso a cosa ho vissuto in passato e a dove lavoro oggi…non riesco a crederci. C’è stato un periodo in cui tornavo a casa con il fango fino alle ginocchia, tanto che non riuscivo a mettere i vestiti in lavatrice. Mi ricordo che un anno mi sono dovuta comprare la divisa da gioco perché mancavano i fondi. Tutto però si faceva in nome della passione. Le ragazzine di oggi sono fortunate e non se ne rendono nemmeno conto, danno per scontato tutto quello che oggi il club ha messo loro a disposizione. Alla fine, ogni tappa del mio viaggio mi ha reso la persona e la calciatrice che sono oggi. Non lo cambierei ma sono felice quando la mattina entro al Viola Park”.

Torniamo al calcio giocato. Domenica allo stadio Curva Fiesole arriva la Juventus per la Semifinale di Coppa Italia. La Fiorentina è pronta?
“Certo che sì, la Coppa Italia è un obiettivo e lo sappiamo tutte. Davanti a noi un avversario con il quale abbiamo ridotto il gap negli ultimi anni ma che va rispettato per la sua qualità. Questa volta il confronto è sui 180 minuti, quindi comunque vada domenica niente è deciso. Ci sarà un altro round per mantenere o ribaltare il risultato”.

Nell’ultima sfida con le bianconere lo Stadio Curva Fiesole era sold out. Sarà così anche stavolta?
“Me lo auguro, è una sfida importante e combattuta. Se c’è una partita da guardare, è proprio questa. E noi siamo pronte a dare il 100%”.

Fonte: Fiorentina Femminile

DA NON PERDERE...