Partnership Master Sole 24 Ore
Home Blog

FIFA Mondiale U20: presentazione delle Junior Football Ferns neozelandesi

Molto spesso il calcio nella zona dell’Oceania, salvo qualche breve parentesi, coincide sempre con la Nuova Zelanda. Questo vale, almeno attualmente, anche a livello femminile per la categoria U20, dove la nazionale neozelandese sta monopolizzando la scena da circa 10 anni. Infatti, dopo una breve parentesi australiana durata sino allo sbarco in AFC della federazione, le “Football Ferns” si sono appropriate del trono e non lo hanno ancora lasciato. In tanti hanno provato a spodestarle, dalla Papua Nuova Guinea a Tonga, passando per Cook Islands, Samoa e Fiji, ma ancora nessuno è riuscito nell’impresa. Intanto la selezione bianconera è diventata un habitué del Mondiale di categoria collezionando sei presenze (sette contando quella del prossimo Agosto) consecutive. Da quel memorabile Russia 2006, debutto assoluto nel palcoscenico mondiale coronato dal pareggio contro l’armata del Brasile, all’ultima avventura in Papua Nuova Guinea terminata alla fase a gironi. Al momento il miglior risultato ottenuto rimane quello di Canada 2014, dove la Nuova Zelanda riuscì a centrare per la prima volta la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta. Decisive le due vittorie contro Paraguay (2-0 con reti di Roiston e Skilton) e Costa Rica (tris firmato da Lee. O’Brien e ancora Skilton). Purtroppo il sogno si interruppe subito ai quarti di fronte alla Nigeria, poi vice-campione.

ROAD TO FRANCE– La strada verso il Mondiale francese è stata abbastanza agevole per la nazionale neozelandese, la quale ha monopolizzato il campionato oceanico non lasciando nemmeno le briciole alle avversarie (Fiji, Papua Nuova Guinea, New Caledonia, Samoa e Tonga). Il tutto con un bottino complessivo di 5 vittorie su altrettante partite, condite dalla bellezza di 48 gol fatti (media di 9.2 a partita) e uno solo subito (l’onore è toccato alle Fiji con Nasau, autrice del gol della bandiera nel 9-1). Quasi una passeggiata di salute per le “Junior Football Ferns”, che hanno anche approfittato del pesante giro a vuoto della Papua Nuova Guinea, principale avversario a livello continentale.

TEAM INFO– La guida è Gareth Turnbull, che è considerato un po’ come il guru del calcio femminile neozelandese. Dopo aver supportato, in maniera ufficiosa, le diverse selezioni nazionali, nel 2015 è arriva la chiamata come primo allenatore della selezione u17. I risultati sono quasi immediati, visto che conquista il l’oro nel campionato oceanico. Successo chiama successo e nel Febbraio del 2017 arriva la promozione in U19. Cambia la categoria ma non l’abitudine a vincere, visto che anche qui arriva il primo posto a livello continentale. Per lui, e anche per molte sue ragazze, questa sarà la seconda esperienza in un Mondiale giovanile. Infatti la prima è arrivata lo scorso anno in Giordania.
Nonostante il percorso nella competizione targato OFC non abbia dato grosse indicazioni a livello tattico, si possono comunque trovare delle solide realtà nell’undici di Turnbull. Sicuramente uno dei punti di forza è stato il reparto offensivo, il quale ha prodotto la bellezza di 48 reti in sole 5 partite. Le tre bocche da fuoco sono state Emma Main (11 reti), Sam Tawharu (9) e Hannah Blake (8). In mezzo il leader carismatico della squadra è il capitano Malia Steinmetz, mentre dietro la chiusura a doppia mandata del reparto è affidato alla giovanissima Anna Leat, che nonostante sia solo una classe 2001 ha già raccolto tre presenze nella nazionale A. Il gruppo sostanzialmente non ha una top star, però questo ha permesso a Turnbull di puntare maggiormente sulla costruzione di un gruppo solido e coeso. In più la presenza di quest’ultimo anche nello staff della nazionale A ha permesso di accelerare il processo di integrazione di diverse giovani nelle rotazioni. Un punto non da sottovalutare, visto che già molte ragazze hanno potuto respirare la competitività e l’agonismo del calcio delle grandi. In più c’è anche il “vantaggio” di non aver più il mix di pressione e glamour del debutto mondiale, già assaporato due anni fa.

PROSPETTIVA– Di sicuro il girone non è dei più facili, ma la consapevolezza di non aver nulla da perdere potrebbe trasformare le neozelandesi in una lieta sorpresa. La curiosità è che rispetto a due anni fa il raggruppamento è molto simile, infatti le “Junior Ferns” ritrovano Francia e Ghana, mentre al posto degli Stati Uniti stavolta figura l’Olanda. Sicuramente situazione più abbordabile, ma servirà fare punti importanti con Ghana ed olandesi per sperare nel passaggio al turno successivo.

Credit Photo: Pagina Facebook FIFA Women’s World Cup

Con lo sguardo sempre rivolto a loro… #CataniaSiamoNoi

Una storia lunga dieci anni. Dieci anni anni di lavoro appassionato e qualificato, condito da sacrifici e risultati eccellenti a riprova di tutto, elementi questi che di fatto hanno consacrato il Catania Calcio Femminile conducendolo alla ribalta locale e non solo, stringendo un legame unico con gli sportivi catanesi. In un gioco di sguardi, un amore viscerale ha sempre unito proprietà, dirigenza, staff tecnico, squadra e territorio. Una squadra, quella rossazzurra, che nel corso degli anni ha subito delle trasformazioni, com’era inevitabile che fosse: giocatrici che arrivano, altre che vanno ma il Catania Femminile ha saputo distinguersi facendo gruppo sempre, portando avanti la bandiera della città, e il valore dell’amicizia e del rispetto.

Il rispetto che ogni ragazza ha sempre osservato nei confronti della società, di mister Scuto e dei colori che hanno rappresentato di anno in anno. Dopo il susseguirsi degli eventi della scorsa stagione, per un momento ha preso il sopravvento il desiderio di mettersi da parte, staccare un attimo la spina per contemplare un po’ quanto si era fatto e quanto era stato duro il destino negli ultimi mesi. Poi, però, la fiamma dell’amore si è intrecciata ancora una volta con l’impeto della marea che ha trascinato ogni componente alla decisione di rimettersi in gioco e proseguire il cammino.

Con lo sguardo sempre rivolto a loro, alle ragazze, la società è pronta ad affrontare un’altra annata da protagonisti. Non si molla, insomma, sperando sempre di trovare in Catania, per Catania e le sue figlie il sostegno, il tifo e la passione per non fermarsi mai e proseguire la corsa appresso al pallone dei sogni ritrovati. Presto. Senza più soste.

Credit Photo: Catania Femminile

Giovanni Antonio Casali nuovo preparatore dei porteri dell’Academy Sassari Torres Femminile

La A.S.D. F.C. Sassari Torres Femminile rende noto di aver aggiunto un importante tassello allo staff dell’Academy Torres Calcio Femminile per la stagione 2018/19: sarà Giovanni Antonio Casali il preparatore delle giovani portierine a disposizione di Mister Antonello Campus.

Cresciuto da calciatore nelle giovanili della Turris ha fatto il salto di qualità nella Torres, guidata da Vanni Sanna prima ed Eppe Zolo poi, del Presidente Gianni Marrosu, squadra con cui ha conquistato la serie C2 e che lo ha portato a fare parte della rosa della nazionale dilettanti juniores.
Ha iniziato la carriera da preparatore dei portieri ancor prima di interrompere quella calcistica ed oggi, dopo anni di esperienza, è riconosciuto come uno dei migliori rappresentanti della categoria.

“Il progetto Torres mi affascina perché credo che Sassari abbia bisogno di rilanciare anche il calcio in rosa che ha segnato la storia nel recente passato. Ho conosciuto e seguito diverse giovani atlete, alcune delle quali ritrovo qui con piacere. Ho sempre visto in loro una voglia e determinazione molto forti e queste sono caratteristiche che mi invogliano a dare il massimo per offrire loro gli strumenti per emergere. Credo che in Sardegna ci sia un buon potenziale per lavorare, serve solo passione e volontà. Ringrazio il Presidente Budroni che ha fortemente voluto questa collaborazione credendo in ciò che faccio.” – Giovanni Antonio Casali

A lui il nostro in bocca al lupo #conLaTorresNelCuore

Credit Photo: Sassari Torres Femminile

Chiara Marchitelli è una giocatrice del Florentia!

Chiara Marchitelli, romana, classe ‘85, portiere della Nazionale ed ex-Brescia, ha scelto di vestire la maglia della Florentia per la prossima stagione.

Marchitelli il 1 giugno scorso ha subìto un brutto infortunio al tendine di Achille, appena prima della partita della Nazionale italiana contro il Portogallo: l’intervento è perfettamente riuscito e la Florentia ha deciso di puntare con forza sul recupero di una giocatrice dal valore tecnico e morale indiscusso.


Chiara Marchitelli porta alla Florentia un bagaglio enorme di esperienza e classe: 19 stagioni disputate in Serie A, con meno di 1 goal a partita di media subito in tutta la sua carriera, vissuta sempre ai massimi vertici del calcio femminile italiano.
Il suo palmarès è ricco di successi e soddisfazioni: 4 Scudetti, 4 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane e 1 Italy Women’s Cup vinte con le maglie di Lazio, Fiammamonza, Tavagnacco e Brescia, a cui si sommano 49 presenze in Nazionale Maggiore, fanno di Marchitelli il portiere italiano più titolato ancora in attività e la renderanno una pedina indispensabile nel progetto di crescita della Florentia in Serie A.


“Sono molto soddisfatta della mia scelta e sono convinta che la Florentia sia la società migliore per me in questo momento” commenta il nuovo portiere rossobianco Chiara Marchitelli “Aver parlato direttamente con il Presidente Becagli è stato molto positivo, è una persona con una passione incredibile per il calcio femminile e la trasmette a tutte le persone che ha intorno! La Florentia ha un progetto ambizioso e io ho bisogno di stimoli nuovi e diversi, per questo tra le tante offerte ho scelto quella rossobianca. Sarà un anno importante per me e per la società e voglio affrontarlo insieme a tutta la squadra partita dopo partita. Sarà anche l’anno dei Mondiali, che abbiamo raggiunto dopo vent’anni facendo un grande girone di qualificazione. Ovviamente sarebbe un sogno andare in Francia con la maglia azzurra, ma preferisco pensare al presente: voglio rientrare al meglio per dare il mio contributo alla Florentia. Sarà un campionato duro, con tante novità e tante squadre molto attrezzate, ma questo non ci dovrà spaventare. Lavoreremo duro giorno per giorno, come vere professioniste, anche se sulla carta, purtroppo, siamo ancora tutte delle dilettanti.”
Alla Florentia Marchitelli ritrova alcune ex compagne di squadra e di Nazionale: “Sono molto contenta del ritorno al calcio a 11 di Giulia Domenichetti e di trovarla alla Florentia. Finalmente, dopo 20 anni in cui abbiamo giocato insieme solo in Nazionale potrò giocare con lei e Elisabetta Tona in un club! Sarà un piacere ritrovare anche Michela Rodella, insieme abbiamo passati 4 anni importanti a Tavagnacco e vinto insieme una Coppa Italia!”

Marchitelli si aggregherà al gruppo sin dall’inizio della preparazione e verrà seguita nel suo graduale recupero dallo staff medico rossobianco diretto dal dott. Luca Gatteschi che conosce molto bene la giocatrice grazie anche alla sua esperienza in Nazionale. “Devo essere sincera” conclude Marchitelli “Una delle motivazioni che mi ha fatto scegliere la Florentia è stata anche la possibilità di ritrovare il Dott.Gatteschi e poter recuperare dal mio infortunio insieme a lui e al suo staff. Penso sia uno dei migliori in circolazione e lo conosco dai tempi della Nazionale U19 femminile!”


La società del Presidente Becagli si fregia così di un’altra colonna portante del calcio femminile italiano.

“Un pezzo di Nazionale arriva alla Florentia” commenta il Presidente Tommaso Becagli “Grazie alla sua esperienza, anche in campo internazionale, porterà tanta qualità alla nostra squadra e appena sarà pienamente recuperata sarà al servizio delle compagne per raggiungere insieme obiettivi importanti”

Credit Photo: Florentia

Nuovo arrivo in casa Tavagnacco: ecco Nike Winter

Il Tavagnacco ha raggiunto un accordo con la calciatrice Nike Winter per la prossima stagione. Si tratta di un difensore austriaco di 28 anni, che nell’ultima stagione ha militato nel Wien. Una giocatrice di esperienza, che ha indossato anche le maglie della Nazionale austriaca e del Graz, disputando due edizioni della Champions League. Una pedina che potrà certamente dare una mano al reparto difensivo della squadra gialloblu.

Winter in questi giorni è arrivata a Tavagnacco per vedere le strutture utilizzate dalla squadra del presidente Roberto Moroso, oltre che per firmare il contratto. Felice di essere ‘sbarcata’ in Friuli, accompagnata dal direttore sportivo Vincenzo Zangrandoe dal vicepresidente Domenico Bonanni, ha espresso il desiderio di poter iniziare prima possibile la preparazione per prendere confidenza con il sistema di lavoro di mister Marco Rossi e per conoscere le sue nuove compagne.

Credit Photo: Tavagnacco

Roberta Antignozzi parla del primo AC Milan Junior Camp Girls: “E’ stato un grande successo!”

L’AC Milan, insieme a PromoS, ha dato vita ad uno speciale camp dedicato unicamente a bambine e ragazze dai 6 ai 14 anni. Le attività si sono svolte a poca distanza da Milano, più precisamente presso il Centro Sportivo polifunzionale Romeo Bertini, con le giovani atlete impegnate dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30. La guida tecnica era Roberta Antignozzi, allenatrice dal 2015 delle giovani rossonere, che si è resa disponibile per quest’intervista.

Quest’anno si è svolto il primo Milan Junior Camp dedicato esclusivamente a bambine e ragazze dai 6 ai 14 anni, si ritiene soddisfatta dopo questa prima esperienza?
Si è stata una bellissima esperienza che ha visto in campo quasi 40 bambine/ragazze e non era una cosa così scontata. È stato divertente e soddisfacente.

Lei era la guida tecnica del Camp, era supportata anche da altri preparatori AC Milan?
C’erano due tecnici in campo di cui una allenatrice dei primi calci AC Milan femminile. L’altro tecnico allena sempre nel femminile ma non al Milan. Tuttavia sia Gaia che Andrea sono stati bravissimi.

Che tipo di attività erano previste per le giovani calciatrici?
Il programma era diviso in due parti. Alla mattina si svolgevano esercizi e situazioni mentre al pomeriggio, dopo una buona attivazione, si svolgevano tornei sempre diversi. Ho stabilito un obiettivo per ogni giorno ed i tecnici hanno impostato gli esercizi sugli stessi rendendo sempre tutto molto divertente e stimolante.

Questo camp estivo si potrebbe definire come una vera e propria full immersion calcistica, quali sono gli aspetti su cui lei e il suo staff vi siete soffermati di più?
Come detto prima ogni giorno abbiamo cambiato obiettivo cercando di toccare tutti i fondamentali del calcio. La cosa divertentissima che ho fatto inserire e su cui di solito si lavora meno sono state le acrobazie… ne abbiamo viste di belle!!!

Crede che quest’esperienza si potrà ripetere anche il prossimo anno?
Questo non lo so. Non spetta a me deciderlo. Di sicuro quest’anno è stato un grande successo.

Un ringraziamento ad A.C. Milan per la concessione dell’intervista e a Roberta Antignozzi per la disponibilità dimostrata!

Credit Photo: Roberta Antignozzi

3 giocatrici del Grifone vestiranno la casacca della AS Roma e il progetto Academy….raddoppia!

“Il primo anno del progetto A.S. Roma Academy si conclude con grande soddisfazione e il trasferimento di Arianna Boldrini (2001), Chiara Manca (2001) e Katia Ghioc (2002) in giallorosso rappresenta ora la ciliegina sulla torta. A mio giudizio infatti Il contributo della A.S. Roma è stato determinante sopratutto in termini di trasferimento di competenze a beneficio dello Staff e di tutto il nostro ambiente.

La nostra Scuola Calcio Femminile, il team ‘Primavera’ e sopratutto Il quinto posto finale in B, che definisco pazzesco considerata l’età media della squadra, sono sicuramente frutto di questa grande progettualità e il fatto che ora tre ragazze abbiano ottenuto questa possibilità in giallorosso ci riempie di orgoglio.

Con grande entusiasmo abbiamo rinnovato il protocollo di collaborazione con l’AS. Roma estendendo il percorso Academy anche al settore maschile che è già tra i più importanti della Capitale e sono sicuro che trarrà grandi benefici esattamente come è stato per le ragazze.”.

Questo il commento del DS Roberto Cunsolo.

Un grande in bocca al lupo alle tre ragazze, orgoglio del Grifone, che sapranno certamente farsi valere anche alla ‘casa madre’ e portare nel cuore i colori gialloverdi. Care Katia,Arianna, Chiara…..Saremo sempre con voi! #WeAreGrifone

Credit Photo: Pagina Facebook A.S. Grifone GialloVerde

Nuova recluta in porta Azalee: Alexia Mazzon

In prestito dalla Soc. Ceresium di Porto Ceresio, Alexia Mazzon portiere di esperienza nonostante sia classe 99 , farà parte della rosa della Prima squadra delle Azalee insieme ai già presenti Moro e Bogni. Allenata dai preparatori Nolli e Turetta ci aspettiamo un ottima stagione!!

BEN ARRIVATA!

Credit Photo: Pagina Facebook Alexia Mazzon

Calendario e risultati #WU19EURO

La Norvegia è approdata in semifinale dopo due partite mentre l’Italia è stata eliminata. Scopri tutti i risultati e il programma delle sfide di UEFA Women’s Under 19 Championships.

Tutte le informazioni

Sorteggio
Gruppo A: Svizzera (padroni di casa), Norvegia, Spagna (campionesse), Francia
Gruppo B: Olanda, Danimarca, Germania, Italia

Calendario
Fase a gironi: 18, 21 e 24 luglio
Semifinali: 27 luglio
Finale: 30 luglio

Sedi
Arena Biel/Bienne Arena, Biel/Bienne (tre gare fase a gironi, semifinali, finale)
Stadion Niedermatten, Wohlen (tre gare fase a gironi)
Stade Municipal, Yverdon-les-Bains (tre gare fase a gironi)
Stadion Herti Allmend, Zug (tre gare fase a gironi)

CALENDARIO (orario CET)

Fase a gironi

Mercoledì 18 luglio
Gruppo A
Spagna – Norvegia 0-2: Wohlen
Svizzera – Francia 2-2: Wohlen – highlights
Gruppo B
Germania – Danimarca 1-0: Biel/Bienne
Olanda – Italia 3-1: Biel/Bienne

Sabato 21 luglio
Gruppo A
Norvegia – Francia 1-0: Zug
Svizzera – Spagna 0-2: Zug – highlights
Gruppo  B
Danimarca – Italia 1-0: Yverdon-les-Bains
Olanda – Germania 1-0
: Yverdon-les-Bains

Martedì 24 luglio
Gruppo A
Norvegia – Svizzera: 18:15, Wohlen –  TV
Francia – Spagna: 18:15, Zug
Gruppo  B
Danimarca – Olanda: 18:15, Biel/Bienne
Italia – Germania: 18:15, Yverdon-les-Bains

Fase a eliminazione diretta

Venerdì 27 luglio:
Semifinale: 14:00, Biel/Bienne – TV
Semifinale: 18:15, Biel/Bienne – TV

Lunedì 30 luglio:
Finale: 18:15, Biel/Bienne – TV

Credit Photo: ©UEFA.com

Calciomercato Sassuolo, anche Claudia Ferrato in neroverde!

Si unisce alla scuderia neroverde anche Claudia Ferrato, attaccante classe ’96 che nelle scorse Stagioni ha militato nel Padova Calcio in Serie B.

Claudia è una giovane bomber che ha collezionato 30 gol nella Stagione 2016/17 e 22 nella Stagione 2017/18, quest’anno inoltre è stata convocata 3 volte dalla Nazionale Under 23.

Benvenuta Claudia!

Credit Photo: Sassuolo Calcio Femminile

DA NON PERDERE...

tuttocampo.it